Il naufragio del Meduse, 1816 - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il naufragio del Meduse, 1816
Il naufragio del Meduse, 1816

Il naufragio del Meduse, 1816

di Fabrizio Fattori

La fregata “Meduse” prese il largo, insieme ad altre imbarcazioni, dal porto atlantico di Rochefort nel 1816, per una missione di controllo militare che l’avrebbe portata in Senegal, dove avrebbe dovuto constatare il rispetto di un accordo tra Francia ed Inghilterra sul protettorato coloniale di quei territori.

 

Al comando venne posto, autoritariamente, il capitano Hugues Duroy de Chaumareys, privo di imbarchi da oltre venticinque anni  e comunque ritenuto da molti inesperto per una navigazione oceanica,

 

Infatti, dopo pochi giorni, scelte sbagliate  portarono la fregata ad incagliarsi sul banco di Arguin, di fronte alle coste della Mauritania. La situazione apparve subito irrimediabile e si dovette procedere all’abbandono della nave.

 

Le scialuppe di salvataggio risultarono insufficienti per tutti i 400 passeggeri. Alcuni rimasero sull’imbarcazione, circa 250 presero posto sulle scialuppe, i rimanenti, circa 150 persone, vennero stipati su una zattera di fortuna trascinata dalle scialuppe.<
 

  
 

La costa distava circa 86 miglia nautiche, lo sforzo del traino apparve subito eccessivamente impegnativo, il sovraccarico umano determinò la rottura della corda e la zattera venne abbandonata al proprio destino.  Seguirono tredici giorni di orrore prima che i naufraghi venissero raccolti dall’ “Argus”, una delle imbarcazioni partecipanti alla missione.

 

L’episodio suscitò profonda emozione nell’opinione pubblica francese soprattutto a seguito della pubblicazione fatta sul “Jornal des debats” dal medico Savigny uno dei pochi superstiti della zattera. Il racconto era oltremodo veritiero e ricco di crudi particolari. La lotta per la sopravvivenza si era fatta feroce sin dai primi giorni. I più deboli si erano tolti la vita abbandonandosi all’oceano o erano stati sopraffatti. Vennero accertati casi di cannibalismo. Le polemiche rischiarono di far collassare la casa regnante appena restaurata al potere. Un pittore, Theodore Gericault, si fece interprete delle emozioni di una nazione ed immortalò quella tragedia su una grande tela, oggi al Louvre.

 

Portare a termine il dipinto in modo realistico divenne una vera ossessione per l’artista . La ricostruzione di quei momenti venne coadiuvata dai superstiti, la scelta della tavolozza venne resa veritiera dallo studio di cadaveri affogati e delle marine oceaniche e non venne trascurato nessun particolare capace di ricreare agli occhi degli spettatori la drammaticità di quella tragedia, che il giorno della sua esposizione al Salon di Parigi, tre anni dopo i fatti, lo accolse rimanendone orribilmente affascinata.

 

Fabrizio Fattori

 

In copertina  - La Balsa de la Medusa - Jean Louis Théodore Gèricault - Museo del Louvre, 1818
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Eugène Cornu, architetto di ''Stelle''

Nel 1943 progettò il famoso Bélouga

Eugène Cornu è stato un architetto navale francese, n...

La leggenda dell'El Dorado

Lo Zipa di Guatavita cosparso di polvere d'oro si tuffava nella laguna

La laguna di Guatavita è un lago situato...

Viaggio in Vietnam e Cambogia - Ha Long: una baia indimenticabile

di Fabrizio Fattori

A pochi chilometri da Hanoi, nel golfo del Tonchino, si trova una t...

HMS Belfast e il convoglio artico

di Tealdo Tealdi

Non sono molte le navi militari partecipanti alla II° Guerra Mo...

Hans Langsdorff marinaio prussiano

di Fabrizio Fattori

Le guerre spesso sono lo scenario di atrocità inutili e grat...
Turismo e ormeggi
Porto Cesareo (LE) - Un porto naturale nella costa salentina
Porto Cesareo grazie al suo "Porto naturale" che si affaccia sull'Isola Grande, detta anche Isola dei Conigli è uno dei più bei posti della costa salentina.   Essa dista solo 500 m dalla costa ed è
Fonte: parks.it e Nautica Report
Titolo del: 29/07/2021 07:40

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI