Ellis Island, approdo del 'Sogno Americano' - Report - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Isola della Giudecca (VE) - L'Antica Spinalonga
La Giudecca è un'isola (o, meglio, un insieme di otto isole collegate tra loro) posta a sud del centro storico di Venezia.   Si affaccia sull'omonimo canale della Giudecca, di fronte al sestiere di Dorsoduro, di cui l&#
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 27/05/2019 07:00
Report / Ellis Island, approdo del 'Sogno Americano'
Ellis Island, approdo del 'Sogno Americano'

Ellis Island, approdo del 'Sogno Americano'

Ellis Island è un isolotto alla foce del fiume Hudson nella baia di New York. Antico arsenale militare, dal 1892 al 1954, anno della sua chiusura, è stato il principale punto d'ingresso per gli immigranti che sbarcavano negli Stati Uniti.

 

Attualmente l'edificio ospita l'Ellis Island Immigration Museum che è visitabile utilizzando il medesimo biglietto e traghetto che consente l'accesso anche alla vicina Statua della Libertà.
 


 

La Statua della Libertà vista dalla nave degli immigranti

 

Il porto di Ellis Island ha accolto più di 12 milioni di aspiranti cittadini statunitensi (prima della sua apertura altri 8 milioni transitarono per il Castle Garden Immigration Depot di Manhattan), che all'arrivo dovevano esibire i documenti di viaggio con le informazioni della nave che li aveva portati a New York.

 

I Medici del Servizio Immigrazione controllavano rapidamente ciascun immigrante, contrassegnando sulla schiena con un gesso, quelli che dovevano essere sottoposti ad un ulteriore esame per accertarne le condizioni di salute (ad esempio: PG per donna incinta, K per ernia e X per problemi mentali).
 


 

Ispezione sanitaria per i nuovi immigrati, Ellis Island, New York, 1920 - Da raimondorizzo.wordpress.com

 

Chi superava questo primo esame, veniva poi accompagnato nella Sala dei Registri, dove erano attesi da ispettori che registravano nome, luogo di nascita, stato civile, luogo di destinazione, disponibilità di denaro, professione e precedenti penali. Ricevevano alla fine il permesso di sbarcare e venivano accompagnati al molo del traghetto per Manhattan.

 

I "marchiati" venivano inviati in un'altra stanza per controlli più approfonditi. Secondo il vademecum destinato ai nuovi venuti, "i vecchi, i deformi, i ciechi, i sordomuti e tutti coloro che soffrono di malattie contagiose, aberrazioni mentali e qualsiasi altra infermità sono inesorabilmente esclusi dal suolo americano".
 


 

Ellis Island - Great Hall.JPG - Da commons.wikimedia.org

 

Tuttavia risulta che solo il due percento degli immigranti siano stati respinti. Per i ritenuti non idonei, c'era l'immediato reimbarco sulla stessa nave che li aveva portati negli Stati Uniti, la quale, in base alla legislazione americana, aveva l'obbligo di riportarli al porto di provenienza.

 

Il picco più alto si ebbe nel 1907 con 1.004.756 di persone approdate.

 

Dal 1917, modifiche alle norme d'ingresso limitarono i flussi immigratori. Venne introdotto il test dell'alfabetismo e dal 1924 vennero approvate le quote d'ingresso: 17.000 dall'Irlanda, 7.500 dal Regno Unito, 7.400 dall'Italia e 2.700 dalla Russia. La Depressione del 1929 ridusse ulteriormente il numero degli immigrati, dai 241.700 del 1930 ai 97.000 del 1931 e 35.000 nel 1932.
 


 

Bagagli degli immigranti all'interno del museo di Ellis Island - Da www.fucsiamerlot.it

 

Contemporaneamente Ellis Island diventò anche un centro di detenzione per i rimpatri forzati: dissidenti politici, anarchici, senza denaro e senza lavoro vennero obbligati a tornare al loro paese d'origine. Gli espulsi a forza dagli Stati Uniti furono 62.000 nel 1931, 103.000 l'anno successivo e 127.000 nel 1933.

 

Durante la seconda guerra mondiale vi furono detenuti cittadini giapponesi, italiani e tedeschi e il 12 novembre 1954 il Servizio Immigrazione lo chiuse definitivamente, spostando i propri uffici a Manhattan. Dopo una parziale ristrutturazione negli anni ottanta, dal 1990 ospita il Museo dell'Immigrazione.
 

Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del:

Tags

New York, immigrazione, statua della libertà, fiume Hudson
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Kasos, l'ultima frontiera dell'antiturismo

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Non so se Kasos non ha bisogno del turismo perché ne ha semp...

Giovanni Ajmone Cat: Passione e Avventura

di Fabrizio Fattori

Andare per mare presuppone sempre un grande amore per questo elemen...

Joshua Slocum: solo, intorno al mondo

Joshua Slocum fu il primo navigatore statunitense, ad effettuare la circumnavigazi...

Golden Globe Race - La Leggenda continua...

di Fabrizio Fattori

Fu Francis Chichester, proclamato primo navigatore ad aver com...

Donoussa. Convocati dall'isola del Diavolo

Di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Più vado per mare, più lo capisco: nulla è cas...

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI