Nan Madol, un mistero da superuomini ? - Report - NAUTICA REPORT
Report / Nan Madol, un mistero da superuomini ?
Nan Madol, un mistero da superuomini ?

Nan Madol, un mistero da superuomini ?

di Fabrizio Fattori

Ancora oggi la ricerca archeologica ed antropologica si interroga su alcune ciclopiche costruzioni realizzate con tecnologie primitive da uomini di antiche civiltà. Ma non solo le piramidi o Stonehenge o le mura megalitiche precolombiane hanno da sempre catturato l’attenzione dei ricercatori.

 

Esiste una città santa, semisommersa, sul margine sud orientale di un isola della Micronesia Occidentale (Temwen al largo di Pohnpei - arcipelago delle Caroline) che presenta tutte le caratteristiche per alimentare l’affascinante mistero. Possenti piattaforme poggiate direttamente sulla barriera corallina creano la base per un insieme architettonico gravante su decine di isolotti collegati da canali. Il materiale da costruzione è costituito da basalto colonnare dalla tipica forma esagonale od ottagonale dovuta ai processi di raffreddamento di lontane eruzioni vulcaniche, in grande disponibilità nell’isola maggiore.

 

Strati sovrapposti di questo ideale materiale edificano mura ed ogni altra costruzione, per un totale di migliaia di tonnellate di pietra movimentate, i cui singoli blocchi arrivano a pesare molte decine di tonnellate. Questa misteriosa realtà, come altre similari, ha solo trovato ipotesi di spiegazione e ancora oggi si alimenta del mito legato ai suoi fondatori, i fratelli Olisihpa e Olosohpa capaci di far levitare le pietre con l’aiuto di un essere sovrannaturale.

 

 

 

 

Le costruzioni megalitiche di Nan Madol

 

Da uno dei fratelli ebbe origine la dinastia di regnanti chiamata Saudeleur che rimase attiva sino al XVI secolo periodo dal quale iniziò la decadenza del luogo. Con questa dinastia si definisce un tipico esempio, originale nell’area pacifica, di società fortemente stratificata con un potere accentrato gerarchicamente, testimoniato dalla difformità di ampiezza dei palazzi e delle abitazioni.

 

Al sovrano erano destinati i frutti del mare e della terra raccolti altrove e donati da una popolazione devota e sottomessa. La mappa della città comprende, oltre alle mura megalitiche, strade, templi, altari, palazzi destinati ai sacerdoti e alla nobiltà, magazzini e cripte funerarie, su una superficie di circa 20 kilometri quadrati.

 

Ma la sua estensione sembra ampliarsi in profondità marine difficilmente raggiungibili come testimoniato da ricercatori subacquei. Interessante l’uso dei molteplici canali artificiali che oltre a facilitare la circolazione dovevano consentire l’ingresso nella città dell’ anguilla sacra (Nan Samwhol) tramite tra gli uomini e gli dei,  cui erano periodicamente destinati i sacrifici di grosse testuggini marine.

 

Questo unicum architettonico ha riproposto nella fantasia di ricercatori non ortodossi il mito di civiltà scomparse sul tipo di Atlantide, Lemuria o Mu di cui forse non si verrà ma a capo. Il sito, patrimonio dell’umanità Unesco dal 2016, è stato oggetto di ricerche archeologiche che hanno consentito di rintracciare presenze umane sin dal 200 a.C. e risulta ormai disabitato da parecchi secoli stante anche la non auspicabile fama di città maledetta.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Alain Bombard: ''Naufrago volontario''

65 giorni con plancton e acqua di mare

Alain Bombard (Parigi, 27 ottobre 1924 – Tolone, 19 luglio 20...

Charlie Bud Cowart: dal mare al cielo

di Fabrizio Fattori

Essere marinai predispone ad avventure negli oceani del mondo, in c...

Olymbos. La caduta degli dei

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Una certa ritrosia sospettosa ci teneva lontano da Olymbos. &q...

Le Caravelle con le bandiere controvento

L'errore scoperto da un capitano della marina

La prima e più famosa moneta d'argento coniata dalla Rep...

Sundarbans: mangrovie e tigri del Bengala

Nel delta del fiume Gange

Sundarbans è il nome attribuito alla più grande fores...
Turismo e ormeggi
Isola di Vivara - I. Flegree (NA)
L'isola di Vivara è una piccola isola del golfo di Napoli, appartenente al gruppo delle isole flegree e posta tra Procida, a cui è unita, e Ischia.
L'origine del nome Vivara, di cui è attestata altres
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 22/01/2022 07:15

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI