John Holden Illingworth: Myth of Malham - Report - NAUTICA REPORT
Report / John Holden Illingworth: Myth of Malham
John Holden Illingworth: Myth of Malham

John Holden Illingworth: Myth of Malham

The Genius of offshore sailing

John Holden Illingworth, capitano della Royal Navy è stato un architetto navale britannico, nato nel 1903 e morto nel 1980.

 

Prima di progettare barche a vela partecipò, prima della guerra, a gare di motonautica vincendone molte, ma attratto dalla vela, iniziò a gareggiare su barche da regata, soprattutto per competizioni d'altura.

 

John Holden Illingworth

John Illingworth fu ufficiale della Royal Navy a Hong Kong e Malta durante la seconda guerra mondiale. Tornata la pace è a Sydney, dove si propose di organizzare la regata oceanica Sydney-Hobart che partì il 26 dicembre del 1945 con Illingworth skipper di Rami.

 

Una volta tornato in Inghilterra, Illingworth viene eletto Commodoro del RORC, il Royal Ocean Racing Club, con il quale promuoverà regate d'altura.

 

Si interessa di tutto ciò che riguarda la progettazione di barche da regata, piani di scafo, di costruzione, infrastrutture e in particolare piani velici e sartiame, campo in cui appare molto innovativo e attento al miglior uso delle regole di misurazione.

 

Nel 1947, modifica la sua barca a vela Maid of Malham, disegnata nel 1937 dal famoso architetto britannico Laurent Giles, aumentando l'area di vele di prua e riducendo quello della randa, progettando un impianto "head" basato sull’innalzamento del fiocco sull’albero e creando un grande triangolo anteriore, che diventerà la norma per la maggior parte dei monoscafo.

 

Con questa barca vince la sua prima gara e quella successiv. Le idee e lo stile di Laurent Giles ebbero molta un'influenza su tutti i successivi progetti di John Illingworth come architetto navale.
 

  
 

Maid of Malham - Foto da maica.fr

 

La barca a vela Myth of Malham, anch'essa progettata da Laurent Giles con le idee innovative di John Illingworth ma, secondo la misurazione RORC 3 suscita le critiche di Olin Stephens quando viene messa in acqua, in quanto l’arco leggermente inclinato, la coda tronca e il grande bordo libero sono tutto il contrario della tendenza classica.

 

Eppure, questa barca vince la Fastnet nel 1947 e 1949 e la prima Admiral Cup nel 1957.

 

Nel 1948 la Royal Naval Sailing Association lancia restrizioni sulle monotipo a 24 piedi RNSA disegnate da Laurent Giles (7,32 mt al galleggiamento e massimo dislocamento 4.4 ton la classe minima RORC3). Nel 1949 Illingworth vince il campionato RNSA classe 24 " con la sua barca Minx of Malham.
 

    


Myth of Malham - Foto da johnillingworth.blogspot.it

 

Nel 1950 John Illingworth fonda lo Junior Offshore Group e vince il campionato JOG del 1954

 

Illingworth & Primrose

 

Nel 1958 John Illingworth apre uno studio di architettura navale, in collaborazione con il giovane architetto Angus Primrose con un grande afflusso di ordini in Francia. Sistematizzato l'approccio avviato con Laurent Giles nella progettazione del Myth of Malham, John Illingworth si specializza nella progettazione generale e del sartiame di yacht da regata.

 

Lo sfruttamento sistematico delle regole del RORC porterà alla progettazione di yacht progettati "per valutare"; questa tendenza sarà ripetuto e amplificato da una nuova generazione di architetti per la IOR alla fine del 1960.

 

Nel 1966, dopo la fine del rapporto con Primrose, continua la sua capacità personale e l'attività in Francia ritirandosi nel 1970 nell'entroterra di Nizza.

 

Lo stile Illingworth

 

Ha prodotto una serie di yacht famosi, a volte in piccole serie, la cui caratteristica comune è quella di coniugare l'estetica classica, la capacità di andare controvento, i piani di ponte e la sistemazione adatta nella corsa verso il mare aperto.
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Norbert Casteret dalle vette alle grotte

di Fabrizio Fattori

Perlustrare cavità sotterrane, spesso allagate, è for...

La guerra delle perle

di Fabrizio Fattori

Il fascino delle perle è stato subito per millenni da tutto ...

I bastimenti dell'emigrazione italiana

Milioni d'italiani alla ricerca di fortuna

Furono molti i bastimenti che trasportarono nei loro viaggi transoc...

Istanbul e il suo porto

Una città carica di storia e brulicante di vita

"L'enormità di quelle tre città scaglionate,...

L’Acquario di Genova, uno sguardo nelle profondità marine

di Fabrizio Fattori

La superficie del mare offre emozioni in quantità legate al ...
Turismo e ormeggi
Santa Maria di Leuca (LE)
Tra muretti a secco, ville ottocentesche e scogliere da sogno
Il suo nome deriva dal greco: leucòs, ossia bianco. L'etimologia richiama il caratteristico biancore del suo ridente panorama.   Esposta a mezzogiorno, è racchiusa tra le ultime propaggini delle serre salentine term
Fonte: Porto di Leuca e Nautica Report
Titolo del: 23/09/2021 06:50

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI