Fort Bragg: l'inaspettata ''Grande Bellezza'' - Report - NAUTICA REPORT
Report / Fort Bragg: l'inaspettata ''Grande Bellezza''
Fort Bragg: l'inaspettata ''Grande Bellezza''

Fort Bragg: l'inaspettata ''Grande Bellezza''

di Fabrizio Fattori

La sensibilità ambientale di un numero crescente di persone ha iniziato, già da anni, a generare comportamenti virtuosi orientati non solo a limitare l’impatto della spesso sconsiderata ed invadente presenza umana nell’ambiente ma ha determinato, per quanto possibile, il recupero di luoghi fortemente compromessi restituendoli alla natura magari con un valore aggiunto.

 

Nei primi anni del XX° secolo un’area costiera della California settentrionale poco distante dalla cittadina di Fort Bragg iniziò ad essere utilizzata come discarica pubblica accumulando detriti di ogni genere che periodicamente incendiati liberavano spazio per nuovi scarti di una società sempre più orientata a consumi compulsivi.

 

Tra i vari materiali eliminati primeggiava il vetro sotto forma di bottiglie di ogni genere e colore che il mare e gli incendi trasformavano in frammenti colorati in una quantità tale da ricoprire il pietrame originario dei luoghi.

 

I tempi cambiano e a metà degli anni sessanta la North Coast Water Quality Board assoggetta l’area ad un intenso programma di bonifica. I grossi ingombranti vengono rimossi, così come il legno e i metalli, il vetro nella sua miriade di frammenti risulta impossibile da eliminare.

 

Il processo di affinamento dei cocci vetrosi è costantemente portato avanti dal moto ondoso nei successivi anni e in breve tempo ci si rende conto di quanto questi sassolini traslucidi dalle tonalità e dai colori variegati contribuisca a rendere la spiaggia di Fort Bragg qualcosa di peculiare al punto che dagli anni novanta in poi diventerà una meta di curiosi turisti cui viene imposto, al pari di altre spiagge nel mondo, il divieto di asportare sia pur minime quantità di questa insolita “sabbia”.

 

Fabrizio Fattori

 

Nella foto la Glass Beach da California Beaches
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Emilio SalgÓri, il padre sfortunato di Sandokan

Scrittore italiano di romanzi d'avventura

Emilio Carlo Giuseppe Maria Salgàri (Verona, 21 agosto 1862 ...

Il Museo Marinaro di Camogli

Fondato da Gio Bono Ferrari nel 1937

Il museo marinaro "Gio Bono Ferrari" è un sito mus...

Olimpo, un altro luogo

di Fabrizio Fattori

Siamo usi ad abbinare al nome Olmpo la vetta nebbiosa del monte car...

Il bradisismo

Fenomeno presente nell'area dei Campi Flegrei

ll bradisismo è un fenomeno legato al vulcanismo secondario,...

Alexander Selkirk, il vero Robinson Crusoe

Visse per quattro anni e quattro mesi su un'isola deserta

Alexander Selkirk nato Alexander Selcraig (Lower Largo, 1676 &ndash...
Turismo e ormeggi
Capo Palinuro e le sue grotte (SA)
Le suggestive grotte del Capo Palinuro, che oggi si specchiano in un mare cristallino, circa 130.000 anni fa (fase glaciale Riss), erano circondate da un paesaggio completamente diverso.   Il mare arretrando per centinaia di metri da
Fonte: capopalinuro.it e Nautica Report
Titolo del: 26/11/2020 07:15

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI