Fort Bragg: l'inaspettata ''Grande Bellezza'' - Report - NAUTICA REPORT
Report / Fort Bragg: l'inaspettata ''Grande Bellezza''
Fort Bragg: l'inaspettata ''Grande Bellezza''

Fort Bragg: l'inaspettata ''Grande Bellezza''

di Fabrizio Fattori

La sensibilità ambientale di un numero crescente di persone ha iniziato, già da anni, a generare comportamenti virtuosi orientati non solo a limitare l’impatto della spesso sconsiderata ed invadente presenza umana nell’ambiente ma ha determinato, per quanto possibile, il recupero di luoghi fortemente compromessi restituendoli alla natura magari con un valore aggiunto.

 

Nei primi anni del XX° secolo un’area costiera della California settentrionale poco distante dalla cittadina di Fort Bragg iniziò ad essere utilizzata come discarica pubblica accumulando detriti di ogni genere che periodicamente incendiati liberavano spazio per nuovi scarti di una società sempre più orientata a consumi compulsivi.

 

Tra i vari materiali eliminati primeggiava il vetro sotto forma di bottiglie di ogni genere e colore che il mare e gli incendi trasformavano in frammenti colorati in una quantità tale da ricoprire il pietrame originario dei luoghi.

 

I tempi cambiano e a metà degli anni sessanta la North Coast Water Quality Board assoggetta l’area ad un intenso programma di bonifica. I grossi ingombranti vengono rimossi, così come il legno e i metalli, il vetro nella sua miriade di frammenti risulta impossibile da eliminare.

 

Il processo di affinamento dei cocci vetrosi è costantemente portato avanti dal moto ondoso nei successivi anni e in breve tempo ci si rende conto di quanto questi sassolini traslucidi dalle tonalità e dai colori variegati contribuisca a rendere la spiaggia di Fort Bragg qualcosa di peculiare al punto che dagli anni novanta in poi diventerà una meta di curiosi turisti cui viene imposto, al pari di altre spiagge nel mondo, il divieto di asportare sia pur minime quantità di questa insolita “sabbia”.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Che schianto quelle fotografie

di Tealdo Tealdi - Foto National Maritime Museum Greenwich

"Sulle coste del piccolo arcipelago situato all’ingresso...

L'acqua a Pompei

L'approvvigionamento idrico fu risolto con diversi mezzi

Inizialmente l'acqua piovana era raccolta nei bacini posti nei ...

Il Canale di Suez e il turismo, la vera economia egiziana

Il Canale di Suez è un canale artificiale navigabile situato in Egitto, ad ...

Everglades, tra le paludi della Florida

Si estendono dal Lago Okeechobee alla Baia di Florida

Le Everglades sono una regione paludosa subtropicale situata nella ...

Il mare amico

di Fabrizio Fattori

C’è un luogo dove la solidarietà umana si manif...
Turismo e ormeggi
Il promontorio del Circeo (LT)
di Giulio Galassi
Il promontorio del Circeo, compreso nel Parco Nazionale omonimo, è lungo circa 7 chilometri e largo 2,  ha una altezza massima di 541 metri e costituisce una formazione unica nella piatta pianura pontina.
  Si tratta d
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 12/08/2022 07:15

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI Privacy Policy Cookie Policy