Alla ricerca della longitudine - Report - NAUTICA REPORT
Report / Alla ricerca della longitudine
Alla ricerca della longitudine

Alla ricerca della longitudine

di Fabrizio Fattori

Navigare in mare aperto ha comportato sempre moltissimi rischi. Il conoscere l’esatta posizione confortava i naviganti, ma questo non fu possibile sino alla fine del XVIII secolo.

 

Gli strumenti presenti sulle navi nei secoli precedenti consentivano di  fissare la posizione del sole o delle stelle e definire così la latitudine oltre all’ora del giorno.

 

Ma identificare la posizione su un meridiano terrestre risultava complicato, malgrado i molteplici tentativi fatti utilizzando le maree, le eclissi lunari o le variazioni dell’ago magnetico, e malgrado le ricche ricompense previste dai vari monarchi  spagnoli.

 

Era chiaro che si sarebbe potuto definire la longitudine confrontando l’orario di un luogo di riferimento (successivamente indicato con Greenwich) con l’orario indicato sulla nave, e calcolare 15 gradi per ogni ora di differenza. Ma per ottenere un orologio affidabile che consentisse tale confronto occorsero secoli.

 

Tra i metodi escogitati per supplire a questa mancanza, certamente il più fantasioso risultò essere quello basato sulla “polvere di simpatia” o “unguento armario”.

 

Nel 1600 si credeva che questa sconosciuta sostanza a contatto con il sangue di una ferita avrebbe innescato delle reazioni a catena tali da consentire una rapida guarigione, guarigione che poteva avvenire anche a distanza.

 

Si pensò così di applicare questo metodo all’obiettivo del calcolo della longitudine, sostituendo l’unguento con una polvere irritante che avrebbe prodotto, anche a distanza, un forte dolore. Concordati gli orari di applicazione dell’unguento, rilevatane la reazione dolorosa, e confrontato il tutto con l’orario di bordo risultava agevole definire il punto del meridiano sul quale si trovava la nave e quindi incrociandolo con il dato della latitudine, ottenere il “punto fisso” o l’esatta posizione dell’imbarcazione.

 

Naturalmente questo metodo, descritto sul libello “Curious enquiries” del 1688, non venne mai applicato, realisticamente ritenuto irrealizzabile, ma testimonia come nel corso dei secoli fosse sentito fortemente il bisogno di risolvere questa necessità.

 

Fabrizio Fattpori

 

Foto di copertina: farmacisti barocchi da www.baroque.it

Titolo del:

Tags

polvere di simpatia, unguento armario, navigazione in mare aperto
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

La battaglia di Salamina - '''Meglio morire in piedi che vivere in ginocchio''

di Tealdo Tealdi

Il quadro, “La battaglia navale di Salamina” dipinto ne...

Syros. Autentica e solenne

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Cinque anni fa sfiorammo appena Syros mentre, in avaria di motore c...

Agostino Straulino, nato per essere marinaio

una delle figure leggendarie della vela italiana

Nato a Lussinpiccolo, Croazia, il 10 ottobre 1914 e morto a Roma il...

Un voto per navigare nei secoli

di Tealdo Tealdi

Dal 1237 la prima domenica di luglio si svolge a Grado una straordi...

Che fine ha fatto Nessie?

Il primo avvistamento risale al 565 da parte di un monaco irlandese

Il Mostro di Loch Ness "Nessie", è una creatura le...
Turismo e ormeggi
Zoagli (GE) - La terrazza sul Tigullio
Zoagli è un piccolo borgo incastonato tra i comuni costieri di Rapallo e Chiavari nel golfo del Tigullio, ad est di Genova.   Confina a nord con i comuni di Rapallo, Coreglia Ligure e San Colombano Certenoli, a sud è bag
Fonte: wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 30/03/2020 07:45

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI