La Grande Voragine Blu del Belize - Report - NAUTICA REPORT
Report / La Grande Voragine Blu del Belize
La Grande Voragine Blu del Belize

La Grande Voragine Blu del Belize

di Fabrizio Fattori

La barriera corallina mesoamericana rappresenta, ancora oggi, uno degli ecosistemi meglio conservati del pianeta.

 

Si estende per circa mille chilometri di fronte alle coste messicane, del Belize, del Guatemala e dell’Honduras. Ma nell’atollo Lighthouse a circa sessanta miglia dalle coste del Belize, esiste uno dei luoghi più singolari della terra: il “Great Blue Hole” una voragine ampia più di trecento metri e profonda circa centoventi metri.

 

Si tratta di una dolina marina iniziatasi a formare circa 150.000 anni fa in tempi diversi, probabilmente, nel corso dell’ultima glaciazione del quaternario. Il fenomeno di erosione carsica ha strutturato una profonda grotta ricca di stalattiti e stalagmiti calcaree e di pareti a strapiombo riempitasi delle acque oceaniche a seguito del disgelo e di sommovimenti tellurici.

 

La voragine, che per la sua bellezza appartiene al patrimonio Unesco dell’umanità, si staglia, con l’intensità del suo blu, tra le acque cristalline  dell’atollo che di per se rappresenta un’ incomparabile bellezza. Lungo circa trentacinque chilometri e largo otto, l’atollo si estende come laguna sabbiosa di scarsa profondità e conserva nelle sue parti emerse colonie protette di rari uccelli marini.

 

La grande voragine è stata esplorata nel 1971 da Jacques-Yves Cousteau di casa in questa acque con la sua epica nave oceanografica “Calypso” e da lui definita una dei luoghi più affascinanti di immersione subacquea. La bellezza delle immersioni consiste non tanto nella varietà biologica di forme e di colori, improponibile rispetto a quanto offerto dalla barriera corallina, ma dalla suggestione di aggirarsi tra i particolari ambienti della sterminata grotta, magari in compagnia di grossi squali o cernie giganti.

 

Un recente progetto (2018) prevede la mappatura in 3D della voragine ad opera di un team guidato da Sir R. Branson, in cui è presente anche Fabien Cousteau nipote di Jacques-Yves, che si avvale di piccoli sottomarini e di sonar scanner.

 

Fabrizio Fattori

 

In copertina foto di U.S. Geological Survey (USGS) - Source: [1], fetched September 2006. Caption on this USGS web page was, "Blue Hole: Aerial view of the 400-ft-deep oceanic blue hole (Lighthouse Reef Atoll Blue Hole) located east of Belize.", Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1813649

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Phoinikes: i ''Rossi'' Fenici

di Fabrizio Fattori

Così i greci chiamavano gli uomini dalla pelle “arross...

Museo del Mare di Napoli

Museo di interesse regionale della Campania

Il Museo del Mare è stato istituito nel 1992 come struttura ...

La Nave Punica di Marsala

di Fabrizio Fattori

Nel 1969 i lavori di una draga impegnata a largo di punta Scario, d...

La pirateria nel Golfo dei Caraibi - I ''Diavoli del mare'' che terrorizzarono le colonie spagnole

di Roberta Gallina

Le "Indie Occidentali", scoperte da Cristoforo Colombo, f...

Charlie Barr: Hall of Fame

Tre volte vincitore della Coppa America e record di traversata dell'Atlantico nel 1905

Charlie Barr, 11 luglio 1864 - 24 gennaio 1911, è stato...
Turismo e ormeggi
Lusben: a Livorno e Viareggio, la Marina dei Superyacht
Lusben nasce come Lusben Craft nel 1956 dall'acronimo di due imprenditori toscani e sin da subito si è posizionata come leader nell’attività di refit e manutenzione di imbarcazioni fino a 30 metri nel Mediterran
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 08/12/2021 07:20

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI