Il raddoppio del Canale di Suez: la porta di ingresso per gli alieni - Scienza, Natura e Ambiente - NAUTICA REPORT
Scienza, Natura e Ambiente / Il raddoppio del Canale di Suez: la porta di ingresso per gli ali...
Il raddoppio del Canale di Suez: la porta di ingresso per gli alieni

Il raddoppio del Canale di Suez: la porta di ingresso per gli alieni

Di Armando Gariboldi

Nonostante l’instabilità politica e il terrorismo, l’Egitto ce l’ha fatta: ad agosto saranno pressoché completati i lavori di parziale raddoppio del canale di Suez, che ridurrà il tempo di percorrenza delle navi da 18 a 11 ore. L’opera punta a raddoppiare i passaggi quotidiani delle navi, dalle circa 49 di oggi alle 97 nel 2023, con un traffico no-stop nelle due direzioni.

 

Gli impatti sull’ambiente saranno pesanti. Uno di questi sarà l’incremento in Mediterraneo di specie esotiche, provenienti dal Mar Rosso e dall’Oceano Indiano, per le quali non è stata fatta nessuna valutazione preventiva dei rischi.


“Un vero Studio di Impatto Ambientale sarebbe oggi la prima priorità – ci dice la ricercatrice israeliana Bella Galil, forse la principale esperta internazionale in materia di specie marine aliene nel Mediterraneo. Al contrario del Canale di Panama – prosegue la studiosa – Suez non ha chiuse o bacini intermedi e le aggressive specie dei mari eritrei entrano così nel Mediterraneo sospinti direttamente dalla forte corrente che sale verso Nord”.


Già oggi il Canale di Suez costituisce la principale “porta” sul Mediterraneo per l’ingresso di specie marine aliene provenienti dai mari tropicali. Alcune di queste sono più o meno direttamente nocive per la salute umana, come il pesce palla d’argento (Lagocephalus sceleratus), mentre altre hanno letteralmente sostituito le specie autoctone, come nel caso della triglia di fondo (Mullus barbatus) ormai soppiantata in molte pescherie dall’alloctona Upeneus moluccensis.

 

Nonostante i pronunciamenti della comunità scientifica internazionale ed anche le Convenzioni e gli accordi, come ad esempio la Convenzione sulla Diversità Biologica del 1993 o quella sulla tutela del Mediterraneo (Convenzione di Barcellona del 1995) nulla è stato fatto.


Un atteggiamento cieco e dissennato che pagheranno nei prossimi decenni tutte le comunità del Mediterraneo, umane e non.

 

Armando Gariboldi, naturalista

 

Tratto da  www.rivistanatura.com

Titolo del:

Tags

Egitto, navigazione canale di Suez, Mar Rosso, Mar mediterraneo, specie marine aliene
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Tartarughe marine: Assonautica Italiana lancia l'allarme cold - stunning

Assonautica Italiana, fautrice del progetto "Turtle Walks" che fa da sentinel...

Mediterraneo: proteggere il 30% per salvarlo tutto!

Rigenerare la biodiversitÓ

Solo il 9,68% del Mediterraneo è formalmente tutelato da are...

La nuova 'Corsa all'Oro', noduli di manganese in fondo al mare

di Fabrizio Fattori

L’uomo è da millenni predatore di risorse che hanno co...

Il lago di Nyos una camera a gas a cielo aperto

di Fabrizio Fattori

Tra i tanti fenomeni connessi alle attività vulcaniche, molt...

''Oceana'' un progetto per salvare il mondo dalla fame

di Fabrizio Fattori

La produzione responsabile di cibo per soddisfare una domanda cresc...
Turismo e ormeggi
Cagliari, CittÓ di Mare
Cagliari è un comune capoluogo dell'omonima provincia e della regione Sardegna.   La città di Cagliari è sede universitaria e arcivescovile. Città dalla storia plurimillenaria, è il centro ammini
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 13/04/2021 07:00

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI