Napoli e le navi romane di piazza Municipio - Report - NAUTICA REPORT
Report / Napoli e le navi romane di piazza Municipio
Napoli e le navi romane di piazza Municipio

Napoli e le navi romane di piazza Municipio

di Fabrizio Fattori

Il sottosuolo del nostro paese, spesso in via del tutto casuale, rivela importanti reperti che contribuiscono alla conoscenza del nostro passato. 

 

Questo avviene in maniera significativa  in quei luoghi che registrano la presenza umana stratificarsi secolo dopo secolo, costituendo una vera e propria ininterrotta cronologia storico artistica.

 

E’ il caso delle grandi città alcune delle quali hanno visto i loro insediamenti risalire ad epoche preistoriche (III millennio a.c.) e rimanere, in continuità, abitate sino ai giorni nostri. 

 

Napoli ad esempio, dove, nel 2004, durante i lavori  della nuova linea “1” di trasporto metropolitano, hanno messo in luce straordinari reperti legati all’attività portuale della città.
 

  
 

Strutture archeologiche emerse durante le opere di scavo per la stazione Municipio, nell'omonima piazza - Foto di Armando Mancini

 

Gli scavi per la messa a punto della tratta e della stazione Municipio, più prossima all’antica linea di costa hanno portato alla luce cinque navi d’epoca imperiale(datate tra il I ed il III secolo d.c.) nella sola zona di piazza Municipio coincidente con l’area portuale dell’antica Neapolis e prodotto migliaia di reperti strettamente collegati all’attività commerciale e all’umanità ad essa collegata, oltre alle antiche strutture portuali.

 

Le navi erano destinate al trasporto di merci tra il porto e le navi onorarie di maggior stazza ancorate in rada, ma alcune destinate a percorrenze più impegnative lungo la costa e probabilmente in grado di raggiungere anche il porto di Ostia. Lunghe in media circa 15 metri erano costruite in legno di abete con interventi conservativi in antico a testimonianza dell’intenso uso cui erano destinate, ed evidenziavano una abilità costruttiva di notevole livello.

 

Alcune sono caratterizzate da una estremità a specchio, tagliata cioè in verticale, così come riscontrato in altri ritrovamenti avvenuti in area mediterranea (Tolone ed Ostia). Le imbarcazioni sono state estratte da un letto di fango formatosi a seguito di una alluvione che interrò parte del porto di Neapolis tra il III ed il V secolo d.c., che le ha sigillate in uno stato spesso circa tredici metri e ne ha consentito l’ottima conservazione.

 

I materiali ritrovati, consistenti in anfore, alcune ancora sigillate, bottiglie di vetro, monete, gioielli, corde, calzari e ceramiche varie, opportunamente restaurati sono stati esposti nella stessa stazione metropolitana in un percorso espositivo strettamente cronologico dove hanno trovato spazio anche gli altri molteplici reperti affiorati nel corso dei lavori di costruzione della linea “1” della linea metropolitana durati più di un decennio e rivelatesi  estremamente proficui da un punto di vista archeologico.

 

Fabrizio Fattori

 

Foto di copertina tratta da www.diariopartenopeo.it
 

Titolo del:

Tags

archeologia, reperti archeologici, Neapolis,
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il Museo delle Navi Romane di Nemi: la Casa di Caligola

Fa parte del Sistema Museale Museum Grandtour

Il Museo rappresenta un centro fondamentale per il consolidamento d...

La Gomera, ''El conocimiento de los Reinos del Mundo''

La prima mappa è nell'Atlante di Creques del 1375

Situata nella parte occidentale dell'arcipelago canario, l'...

Porto di Aquileia - Emporio Cosmopolita dell'Impero Romano

Il commercio di roma nel nord Adriatico

A partire dal periodo immediatamente successivo alla fondazione del...

Il colore nelle marine di William Turner

di Fabrizio Fattori

L’opera di William Turner viene giustamente considerata come ...

Ferragosto degli anni '60, come oggi: ''Tutti ar mare!''

La scelta mai cambiata di preferire il mare alla montagna

Era l’abitudine degli italiani, quelli che preferivano il mar...
Turismo e ormeggi
Portosole, l'approdo marino di Sanremo
Un mare di servizi, un mare accogliente per super-yacht  fino a 90 metri, un mare circondato dalla natura. Il Marina di PortoSole dal 1977, anno della sua inaugurazione, è un'eccellenza italiana e internazionale tutta da conoscere.
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 09/08/2020 07:25

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI