Principe Alberto I di Monaco: un navigatore pacifista - Report - NAUTICA REPORT
Report / Principe Alberto I di Monaco: un navigatore pacifista
Principe Alberto I di Monaco: un navigatore pacifista

Principe Alberto I di Monaco: un navigatore pacifista

A 22 anni crebbe in lui la passione per le scienze naturali e per l'Oceanografia

Nacque il 13 novembre 1848 a Parigi, figlio di Carlo III di Monaco (1818-1889) e della Contessa Antoinette de Mérode (1828-1864).


Da giovane, il Principe Alberto servì nella marina spagnola, ma durante la Guerra Franco-Prussiana passò alla marina francese dove si guadagnò la Legion d'Onore
 


 

Il Principe in bicicletta nei giardini del palazzo

 

Egli aveva appena 22 anni quando iniziò a sviluppare la propria passione per le scienze naturali ed in particolare per l'Oceanografia.

 

Dopo diversi anni di studio, Alberto mostrò il proprio interesse per i nuovi strumenti che la tecnica metteva a disposizione per lo studio dei fondali marini. Accompagnato da diversi scienziati mondiali del suolo marino, egli fece molti studi oceanografici, mappe e carte nautiche. Egli fondò quindi quello che sarebbe divenuto l'"Istituto Oceanografico" di Monaco che include oggi un acquario, un museo e una biblioteca con molti acquisti provenienti da Parigi.
 


 

Inaugurazione del Museo Oceanografico di Monaco

 

Oltre a questi studi, Alberto era molto interessato alle origini dell'uomo ed, a Parigi, egli fondò l'Istituto di Paleontologia Umana che fu responsabile di diversi scavi a tema.

 

Le acquisizioni culturali di Alberto trovarono riconoscimento nel 1909, quando la "British Academy of Science" lo fece suo membro. Nel 1920, l'"American Academy of Science" concesse al Principe Alberto la medaglia d'oro per i suoi studi.

 


 

Il Principe Alberto I
 

A differenza della propria carriera militare, il Principe fu un pacifista, fondando l'"Istituto Internazionale per la Pace" di Monaco come luogo dove risolvere pacificamente le controversie del mondo. Sentendo le prime avvisaglie della Prima guerra mondiale, il Principe Alberto tentò diverse volte di dissuadere l'Imperatore Guglielmo II di Germania dalla guerra.

 

Allo scoppio della guerra, Monaco si dichiarò neutrale, ma di fatti sostenne gli alleati con il ricovero dei feriti negli ospedali, mettendo a disposizione centri di convalescenza e soldati, incluso l'unico figlio del Principe Alberto, Luigi.

 

Le imbarcazioni di Alberto
 

Il Principe Alberto I di Monaco, utilizzava le imbarcazioni per lo studio del mare, della fauna e della flora.

Nel 1873 acquistò il suo primo yacht, la Hirondelle I, un panfilo di 200 tonnellate con il quale farà diverse crociere.
 


 

Hirondelle I - Foto da yachts.monacoeye.com

 

La frequentazione del suo vecchio compagno di classe del liceo Stanislas, il dottor Regnard, vice direttore del laboratorio di Fisiologia della Sorbona, e del professor Milne-Edwards, direttore del museo di Storia Naturale di Parigi, stimoleranno la sua naturale propensione verso la scienza.

 

Nel 1875 la Hirondelle I, fino a quel momento semplice imbarcazione da diporto, diventerà una vera e propria nave scientifica. Il Principe Alberto I solcherà il Mar Mediterraneo e l'Oceano Atlantico fino alle Azzorre. Le acque furono scandagliate fino alla profondità di 3.000 metri, un vero record per l'epoca.
 


 

Missione scientifica su Hirondelle I

 

Nel 1889, alla morte del padre, divenne Principe di Monaco. Nel 1891 fece costruire la Princesse Alice I, una goletta a vapore di 600 tonnellate.
 


 

Princess Alice
 

Seguiranno poi nel 1898 la Princesse Alice II (1.400 tonnellate ) e nel 1911 la Hirondelle II (1.650 tonnellate ).
 


 

Tra il 1885 e il 1915 porterà a termine 28 spedizioni scientifiche.

 

Le spedizioni effettuate tra il 1892 e il 1897 inclusero un dragaggio a 5580 metri di profondità a sud dell'isola di Madera; seguirono poi le spedizioni a Capo Verde, in BrasileNorvegia ed America del Nord.

 

La prima guerra mondiale metterà termine alle attività oceanografiche del principe Alberto I; a partire da questo periodo la Hirondelle II resterà ormeggiata nel porto di Monaco fino al 1923 per essere poi venduta in Inghilterra, un anno dopo la morte del Principe.
 


 

Il Pricipe Alberto I sul ponte durante una spedizione scientifica
 

Il Principe ha diretto 3.698 operazioni in mare, mollando nasse per astici e reti d'altura lunghe fino a sei chilometri, portando la prova delle incessanti migrazioni marine, studiando la penetrazione della luce, utilizzando la fotografia e il cinema, scoprendo l'anafilassi, suggerendo l'utilizzo d'idrovolanti per la pesca, ma denunciando al tempo stesso i danni causati dalla pesca a strascico.

 

Pubblicò la prima mappa batimetrica degli oceani incoraggiando le misurazioni degli abissi con gli ultrasuoni e studiando i fenomeni atmosferici che ricevono dal mare i principali elementi delle loro attività.
 


Inaugurazione dell'Istituto Oceanografico di Parigi in rue Saint Jacques il 23 gennaio 1911

 

Nel 1906 il principe Alberto I fonderà l'Istituto Oceanografico di Monaco destinato alla scienza marina. L'Istituto include un edificio situato a Parigi, in rue Saint Jacques, dove si tengono lezioni e conferenze ed il Museo Oceanografico di Monaco, la cui inaugurazione avverrà il 29 marzo 1910.

 

Foto tratte da: www.oceano.mc

 

Titolo del:

Tags

Carlo III di Monaco, Contessa Antoinette de Mérode, Legion d'onore, Oceanografia, stituto di Paleontologia Umana
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Viaggiare su una nave Cargo

di Fabio Adone

Secondo numerose opinioni sul web, è cosa davvero eccitante ...

Salto Angel, la cascata più alta del mondo

Il nome viene dal suo scopritore il pilota americano Jimmy Angel

Il Salto Angel è la cascata più alta del mondo (979 m...

La barca ideale, per viaggiare

di Luigi Ottogalli

Quale dovrebbe essere la barca ideale per grandi navigazioni, &egra...

Joan Blaeu (1598-1672). La grande mappa del mondo

di Fabrizio Fattori

“Vi presento una nuova mappa della terra onnicomprensiva e mi...

Irlanda del Nord: viaggio a Rathlin island

L’unica isola abitata al largo dell’Irlanda del Nord

L’isola d’Irlanda è famosa nel mondo per i suoi ...
Turismo e ormeggi
Isole dello Stagnone di Marsala (TP) - Un microcosmo sotto il sole
Suggestiva e sensuale, la Riserva Naturale Orientata dello Stagnone si estende, entro il territorio di Marsala, per un lungo tratto che va da capo Lylibeo a San Teodoro.   Stiamo parlando di un luogo molto speciale: dal
Fonte: trapaniwelcome.it e Nautica Report
Titolo del: 11/12/2019 07:30

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI