Il Cristo degli abissi - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il Cristo degli abissi
Il Cristo degli abissi

Il Cristo degli abissi

La statua è posta a 15 metri di profondità della baia di San Fruttuoso

Il Cristo degli abissi è una statua bronzea posta nel 1954 sul fondale della baia di San Fruttuoso, tra Camogli e Portofino all'interno dell'Area naturale marina protetta Portofino, a 15 metri di profondità.

 

La statua nacque da un'idea di Duilio Marcante che, a seguito della morte di Dario Gonzatti durante un'immersione nel 1950, spinse per la posa di una statua di Cristo sul fondale marino; il 22 agosto 1954 la statua del Cristo degli abissi venne posta nella baia di fronte a San Fruttuoso, tra Camogli e Portofino.
 


 

Posa del Cristo degli Abissi a San Fruttuoso di Camogli 22 agosto 1954

 

La statua, alta circa 2,50 metri e realizzata dallo scultore Guido Galletti, venne posta grazie alla Marina Militare Italiana a circa 17 metri di profondità, fu portata sul fondo grazie a molti subacquei; le mani del Cristo, rivolte alla superficie (o al cielo, se non si trattasse di una statua subacquea) sono aperte in segno di pace.

 

Per ottenere il bronzo della statua vennero fuse medaglie, elementi navali (perfino eliche di sommergibili americani donati dall'U.S. Navy) e campane. A seguito della morte di Marcante venne posta una targa sul basamento della statua in sua memoria.


  
 

Nel 2003 la statua è stata restaurata per preservarla dalla corrosione e dalle incrostazioni e, soprattutto, per riattaccarle la mano staccata da un'ancora, ritrovata dal subacqueo Enea Marrone, per poi essere riposizionata sott'acqua il 17 luglio 2004 su un nuovo basamento, ad una profondità inferiore a quella precedente.

 

L'immersione per osservare la statua è una delle escursioni più famose del litorale ligure, e il Cristo è diventato negli anni il simbolo della passione per la subacquea e il mare. L'immersione è relativamente semplice e poco profonda, e non richiede particolari accorgimenti se non la presenza degli accompagnatori iscritti alla Regione Liguria, in quanto ci si trova all'interno dell'Area naturale marina protetta Portofino.
 

  
 

San Fruttuoso - Il Cristo degli abissi

 

Per chi non fosse in grado di ammirare la statua in immersione subacquea una copia della stessa è stata posta nella chiesa di San Fruttuoso. L'originale in gesso della statua è invece conservato a Marina di Ravenna nel Museo Nazionale delle Attività Subacquee.

 

Un'altra copia della statua è stata posta in Florida, a Key Largo, offerta da Egidio Cressi agli sportivi degli Stati Uniti.

 

Una ulteriore copia degna di nota è la statua che venne posta il 17 settembre 1972 nel lago Palü, in Val Malenco, in modo da contrastare lo svuotamento indiscriminato del bacino idrico.
 

  
 

Camogli - I sub puliscono la statua del Cristo degli abissi

 

Esiste un'altra copia del Cristo degli Abissi, in formato un po' ridotto e "a secco" sulla banchina del porto di St. George's, capitale dell'isola caraibica di Grenada.

 

È stata donata al popolo di Grenada dalla compagnia di navigazione "famiglia Costa" di Genova, per la coraggiosa e decisiva opera di salvataggio di passeggeri ed equipaggio della nave italiana Bianca C, distrutta nel porto di St. George's da un furioso incendio scoppiato il 22 ottobre 1961.

 

COORDINATE

44°18′58″N 9°10′30″E
 

Titolo del:

Tags

Liguria, baia di San Fruttuoso, Camogli, Portofino, Area naturale marina protetta Portofino
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il relitto di Uluburun: una storia mediterranea

di Fabrizio Fattori

Al largo delle coste turche, nell’estate del 1982, un pescato...

Colombia: San Andrés, il Caribe dei Pirati

Colonizzata nel 1602 dagli Ugonotti nella vicina isola di Providencia

A 326 miglia nautiche da Cartagena e a solo due ore di vo...

Il Passaggio a Nord-Est. La Rotta del Mare del Nord

La rotta era conosciuta prima del XX secolo come Passaggio a Nord-Est

La Rotta del Mare del Nord è una rotta marittima dal Mar di ...

Saint Barth (o Barthélemy), l'isola dei VIP nel Mar dei Caraibi

di Claudia Stiatti

Madre Natura ha creato un’isola affascinante: Saint Bart...

I gusti marini dei Romani

I romani amavano molto il mare e costruivano splendide ville sulle coste del Lazio

Se l’orzo era il cereale preferito dai Greci, il farro era qu...
Turismo e ormeggi
Il Porto di Alghero, grande ospitalità sulla Riviera del Corallo
Il più ricco approdo della costa occidentale della Sardegna, Alghero, naturalmente scolpito sulla penisola amena, si affaccia sulla Riviera del Corallo lasciando senza fiato tutti coloro che arrivano dal mare.   Il porto natur
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 05/08/2020 07:05

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI