I sogni infranti della città di Cagliari e del suo porto industriale - Porti, Shipping e Logistica - NAUTICA REPORT
Porti, Shipping e Logistica / I sogni infranti della città di Cagliari e del suo porto industri...
I sogni infranti della città di Cagliari e del suo porto industriale

I sogni infranti della città di Cagliari e del suo porto industriale

di Nicola Silenti

Qualcuno salvi dal tracollo il Porto canale di Cagliari. Un allarme che chiama in causa il comparto marittimo isolano e le istituzioni politiche locali e nazionali davanti alla denuncia diffusa in questi giorni dalla sigla sindacale Uiltrasporti, che ha richiamato l’attenzione di tutti sui dati inquietanti registrati dallo scalo industriale del capoluogo isolano negli ultimi tre anni.
 
Uno scalo, il Porto canale, che tra il 2015 e il 2017 ha visto crollare i dati sulla movimentazione delle merci di oltre il 70%, con la fosca previsione per l’anno in corso di un’ulteriore flessione del 55% rispetto al fallimentare anno appena trascorso.
 
Da qui la richiesta della sigla di settore dell’apertura urgente di un tavolo di crisi e un impegno diretto del ministro delle Infrastrutture Toninelli, invitato a dare risposte concrete su una situazione divenuta ormai inaccettabile da tutti i punti di vista e che chiama pesantemente in causa la Regione Sardegna e i tre anni e mezzo di indecisioni e beghe da cortile sulla scelta del presidente dell'Autorità portuale: uno stallo pagato a caro prezzo con il commissariamento della struttura e la mancanza di una visione progettuale d’insieme di una dirigenza forte del sostegno delle istituzioni.
 
 
E dire che i tentativi di rilancio annunciati negli ultimi anni non si contano, sia quelli delle governances succedutesi alla guida della struttura, sia quella dei rappresentanti dei cittadini, privi alla prova dei fatti di un orizzonte strategico del sistema delle infrastrutture e dei trasporti isolano e del necessario supporto all’intero sistema produttivo.
 
Un peccato mortale, questo, che rischia di segnare per gli anni a venire la fine di ogni velleità industriale della seconda isola del Mediterraneo, incapace di competere con successo in un’epoca segnata da un’agguerrita concorrenza globale. Questo almeno dice l’inarrestabile spirale in discesa dei dati sui volumi di sbarchi delle merci, con un conseguente crollo nei numeri degli operatori e degli investimenti.
 
Una situazione da allarme rosso negata in più occasioni e da più parti nei palazzi che contano della politica sarda, eppure inesorabili nel dare conto di una debacle che nessuno può ormai più contestare o nascondere.
 
 
Un fallimento palesato in più occasioni da segnali incontrovertibili, come l’abbandono dello scalo da parte dei grandi operatori internazionali attratti dal posizionamento strategico in altri lidi di gran lunga più allettanti, meglio posizionati sulle rotte 'calde' di Oceano Indiano e Nord Europa.
 
Una resa alla spicciolata che rischia di sancire la fine del terminal, privo di risposte adeguate e iniziative coraggiose davanti al pericolo concreto della fine dell’approdo delle merci indiane e cinesi, pari a oltre il 90% del volumecomplessivo dei traffici dello scalo, con un prevedibile effetto domino ai danni di tutto l’indotto.
 
Una minaccia che incombe sulla vita degli oltre seicento lavoratori interessati, tra dipendenti diretti e lavoratori dell’indotto, che vedono sempre più a rischio il proprio impiego a causa dello spostamento di alcuni operatori e dei relativi mezzi navali verso mete più appetibili come il terminal di Gioia Tauro.
 
Da qui l’urgenza di una reazione d’orgoglio, possibile soltanto attraverso un pacchetto di misure mirate e ai tanto agognati investimenti ormai necessari per riportare lo scalo cagliaritano a un adeguato livello di competitività con gli approdi vicini.
 
Nicola Silenti
 
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

BWA Yachting welcomes BWA Yachting Greece

As announced in early March 2021, BWA Yachting has completed the acquisition of the yac...

Mitsubishi Shipbuilding begins verification testing of Marine-Based CO2 Capture System

"CC-Ocean" Project in Partnership with "K" Line and ClassNK Part of...

L'industria marittima accoglie con favore la creazione da parte della Nigeria di ''Deep Blue'' per debellare la pirateria nel Golfo di Guinea

Le associazioni armatoriali e l'Oil Companies International Marine Forum (OCIMF) ha...

Joe Biden invita i leader mondiali a garantire che gli obiettivi di decarbonizzazione siano raggiunti dallo shipping globale

Con il vertice ospitato dagli Stati Uniti visto come un precursore vitale della COP26 e...

ECSA: il trasporto marittimo europeo è fondamentale per il successo della nuova strategia commerciale dell'UE

Con il lancio del riesame della politica commerciale della Commissione europea pubblica...
Turismo e ormeggi
Parco di San Rossore (PI)
San Rossore è una frazione di Pisa, celebre per la tenuta, in passato proprietà diretta del Presidente della Repubblica, ed oggi, in seguito alla convenzione effettuata tra il Presidente Oscar Luigi Scalfaro 
Fonte: parcosanrossore.org e Nautica Report
Titolo del: 21/05/2022 07:30

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI