I sogni infranti della città di Cagliari e del suo porto industriale - Porti, Shipping e Logistica - NAUTICA REPORT
Porti, Shipping e Logistica / I sogni infranti della città di Cagliari e del suo porto industri...
I sogni infranti della città di Cagliari e del suo porto industriale

I sogni infranti della città di Cagliari e del suo porto industriale

di Nicola Silenti

Qualcuno salvi dal tracollo il Porto canale di Cagliari. Un allarme che chiama in causa il comparto marittimo isolano e le istituzioni politiche locali e nazionali davanti alla denuncia diffusa in questi giorni dalla sigla sindacale Uiltrasporti, che ha richiamato l’attenzione di tutti sui dati inquietanti registrati dallo scalo industriale del capoluogo isolano negli ultimi tre anni.
 
Uno scalo, il Porto canale, che tra il 2015 e il 2017 ha visto crollare i dati sulla movimentazione delle merci di oltre il 70%, con la fosca previsione per l’anno in corso di un’ulteriore flessione del 55% rispetto al fallimentare anno appena trascorso.
 
Da qui la richiesta della sigla di settore dell’apertura urgente di un tavolo di crisi e un impegno diretto del ministro delle Infrastrutture Toninelli, invitato a dare risposte concrete su una situazione divenuta ormai inaccettabile da tutti i punti di vista e che chiama pesantemente in causa la Regione Sardegna e i tre anni e mezzo di indecisioni e beghe da cortile sulla scelta del presidente dell'Autorità portuale: uno stallo pagato a caro prezzo con il commissariamento della struttura e la mancanza di una visione progettuale d’insieme di una dirigenza forte del sostegno delle istituzioni.
 
 
E dire che i tentativi di rilancio annunciati negli ultimi anni non si contano, sia quelli delle governances succedutesi alla guida della struttura, sia quella dei rappresentanti dei cittadini, privi alla prova dei fatti di un orizzonte strategico del sistema delle infrastrutture e dei trasporti isolano e del necessario supporto all’intero sistema produttivo.
 
Un peccato mortale, questo, che rischia di segnare per gli anni a venire la fine di ogni velleità industriale della seconda isola del Mediterraneo, incapace di competere con successo in un’epoca segnata da un’agguerrita concorrenza globale. Questo almeno dice l’inarrestabile spirale in discesa dei dati sui volumi di sbarchi delle merci, con un conseguente crollo nei numeri degli operatori e degli investimenti.
 
Una situazione da allarme rosso negata in più occasioni e da più parti nei palazzi che contano della politica sarda, eppure inesorabili nel dare conto di una debacle che nessuno può ormai più contestare o nascondere.
 
 
Un fallimento palesato in più occasioni da segnali incontrovertibili, come l’abbandono dello scalo da parte dei grandi operatori internazionali attratti dal posizionamento strategico in altri lidi di gran lunga più allettanti, meglio posizionati sulle rotte 'calde' di Oceano Indiano e Nord Europa.
 
Una resa alla spicciolata che rischia di sancire la fine del terminal, privo di risposte adeguate e iniziative coraggiose davanti al pericolo concreto della fine dell’approdo delle merci indiane e cinesi, pari a oltre il 90% del volumecomplessivo dei traffici dello scalo, con un prevedibile effetto domino ai danni di tutto l’indotto.
 
Una minaccia che incombe sulla vita degli oltre seicento lavoratori interessati, tra dipendenti diretti e lavoratori dell’indotto, che vedono sempre più a rischio il proprio impiego a causa dello spostamento di alcuni operatori e dei relativi mezzi navali verso mete più appetibili come il terminal di Gioia Tauro.
 
Da qui l’urgenza di una reazione d’orgoglio, possibile soltanto attraverso un pacchetto di misure mirate e ai tanto agognati investimenti ormai necessari per riportare lo scalo cagliaritano a un adeguato livello di competitività con gli approdi vicini.
 
Nicola Silenti
 
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

ECSA: il trasporto marittimo europeo è fondamentale per il successo della nuova strategia commerciale dell'UE

Con il lancio del riesame della politica commerciale della Commissione europea pubblica...

I porti della Sicilia occidentale diventano Smart e lanciano la sfida della transizione energetica

- Firmata la concessione tra l’AdSP e il raggruppamento di imprese costituito da ...

Tankoa inizia la due diligence per l’acquisizione del 100% di Cantieri di Pisa

Tankoa ha iniziato le procedure amministrative per l’acquisizione di Cantieri di ...

Venezia/Chioggia e Trieste/Monfalcone: un unico grande sistema portuale in alto Adriatico ?

Bernardo e Sommariva: “Suggestione affascinante “ Un processo che deve matu...

Dagli imprenditori del Port of Venice “mano tesa” e una “scialuppa” al nuovo presidente

Il C.D. dell’’International Propeller Club Port of Venice alla luce della p...
Turismo e ormeggi
La Laguna di Grado (GO)
La laguna di Grado è una laguna situata nell'Alto Adriatico che si estende da Fossalon di Grado fino all'isola di Anfora, all'altezza della foce dei fiumi Ausa e Corno.
  La laguna, che occupa una superficie di
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 10/04/2021 07:00

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI