Le professioni del mare - Le professioni del mare - NAUTICA REPORT
Le professioni del mare / Le professioni del mare
Le professioni del mare

Le professioni del mare

Il settore marittimo si sta attualmente evolvendo in un contesto di marcata globalizzazione. L’Unione Europea sostiene fortemente gli sforzi e le iniziative volti a migliorare le regole internazionali. 


Il Decreto del Presidente della Repubblica del 18 aprile 2006 n. 231 specifica le qualifiche professionali del personale marittimo e i requisiti minimi per l’accesso alla professione. 

Personale di coperta:

  • Mozzo: avere 15 anni di età;
  • Giovanotto di coperta: aver effettuato almeno 12 mesi di navigazione da mozzo;
  • Marinaio: aver compiuto 18 anni di età e aver effettuato almeno 24 mesi complessivi di navigazione, dei quali almeno 12 in servizio di coperta;
  • Tankista per petroliere: aver effettuato specifico corso di addestramento per petroliere. Aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione su navi petroliere, in coperta o in macchina almeno da marinaio o da comune; oppure avere effettuato almeno 12 mesi di navigazione da allievo tankista;
  • Tankista per chimiche: aver effettuato specifico corso di addestramento per chimiche. Aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione su navi chimiche in coperta od in macchina almeno da marinaio o da comune; oppure avere effettuato almeno 12 mesi di navigazione da allievo tankista;
  • Tankista per gasiere: aver effettuato specifico corso di addestramento per gasiere. Aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione su navi gasiere, in coperta o in macchina almeno da marinaio o da comune; oppure avere effettuato almeno 12 mesi di navigazione da allievo tankista;
  • Operaio di coperta: aver effettuato almeno 12 mesi di navigazione con qualifica di operaio meccanico o di carpentiere o di operaio motorista;
  • Trattorista: essere in possesso della patente di guida D/E e dimostrare con idonea documentazione rilasciata da un precedente datore di lavoro di aver prestato per almeno 24 mesi attività lavorativa con mansioni richiedenti il possesso della patente sopraindicata;
  • Stipettaio: aver lavorato almeno 3 anni presso imprese di costruzioni di mobili, oppure aver effettuato 24 mesi di navigazione in servizio di coperta, dei quali almeno 12 in aiuto allo stipettai;
  • Carpentiere: aver prestato specifica attività lavorativa per almeno 3 anni in stabilimenti di costruzione, riparazione o allestimento di navi o galleggianti, oppure possedere l'abilitazione di maestro d'ascia, aver effettuato almeno 3 anni di navigazione di coperta e macchina, oppure 24 mesi di navigazione da allievo carpentiere;
  • Ottonaio: aver lavorato per almeno 4 anni come operaio in stabilimenti di costruzione, riparazione ed allestimento navi o in stabilimenti di installazione e riparazione di impianti idraulici; aver acquisito la qualifica di operaio meccanico, oppure aver effettuato 24 mesi di navigazione da allievo ottonaio o 36 mesi di navigazione come giovanotto;
  • Capitano d'armi: aver effettuato almeno 3 anni di navigazione da marinaio;
  • Nostromo/secondo nostromo: aver effettuato almeno 4 anni di navigazione da marinaio;
  • Primo nostromo: aver effettuato almeno 12 mesi di navigazione da nostromo;

Personale di macchina

  • Giovanotto di macchina: aver compiuto 18 anni di età;
  • Comune di macchina: aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione di cui 12 in servizio di macchina;
  • Giovanotto frigorista: aver frequentato con esito favorevole un corso presso un centro di formazione professionale per frigoristi, oppure dimostrare con idonea documentazione, rilasciata da un precedente datore di lavoro, di aver nozioni di impianti frigoriferi o di impianti di condizionamento d'aria;
  • Frigorista: essere in possesso del diploma di istituto professionale di Stato per le attività marinare, sezione frigoristi, oppure aver lavorato per almeno 4 anni con qualifica di operaio frigorista presso stabilimenti di produzione o di riparazione di impianti frigoriferi, aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione con qualifica di comune di macchina su navi da carico dotate di impianti per la refrigerazione del carico, aver effettuato almeno 24 mesi di servizio su navi passeggeri in aiuto al frigorista, essere in possesso della qualifica di operaio motorista, oppure aver effettuato 24 mesi di navigazione da allievo frigorista o 30 mesi di navigazione da giovanotto frigorista;
  • Giovanotto elettricista: aver frequentato con esito favorevole un corso presso un centro di formazione professionale per elettricisti, aver lavorato almeno per 12 mesi presso un’officina o stabilimento elettromeccanico; 
  • Elettricista o secondo elettricista: essere in possesso del diploma di istituto professionale di Stato per le attività marinare sezioni elettricisti o elettromeccanici, aver prestato almeno per 4 anni servizio in uno stabilimento elettrotecnico con qualifica di elettricista, aver effettuato 24 mesi di navigazione da giovanotto elettricista o da allievo elettricista, oppure 24 mesi di navigazione in servizio di macchina con specifica destinazione ai servizi di categoria dopo frequenza di un corso professionale;
  • Primo elettricista: aver effettuato almeno 12 mesi di navigazione da elettricista o da secondo elettricista;
  • Operaio motorista: aver effettuato 12 mesi di lavoro in officina meccanica-navale e 12 mesi di navigazione al servizio di motori endotermici di potenza non inferiore a 50 HP/asse; aver effettuato, prima o dopo la frequenza di un idoneo corso professionale, almeno 12 mesi di navigazione in servizio di macchina da comune di macchina, oppure aver effettuato 24 mesi di navigazione da allievo operaio motorista;
  • Operaio meccanico: essere in possesso del diploma di istituto professionale di Stato per le attività marinare sezione meccanici, o della qualifica di operaio specializzato o qualificato con almeno 12 mesi di servizio in stabilimenti con tale qualifica, oppure aver effettuato 24 mesi di navigazione da allievo operaio meccanico;
  •  Capo operaio: aver effettuato 24 mesi di navigazione da operaio meccanico o proveniente dalla qualifica di capo fuochista. 

Personale polivalente

  • Allievo comune polivalente: aver compiuto 18 anni di età ed appartenere alle categorie iniziali di mozzo, di giovanotto o diplomati nautici di coperta e macchina ed essere in possesso del libretto sanitario qualora adibito a servizi di cucina o di mensa;
  • Comune polivalente: aver compiuto 18 anni ed aver effettuato 24 mesi complessivi di navigazione nelle qualifiche iniziali dei quali almeno 12 in servizio di coperta ed aver superato uno dei corsi per comuni polivalenti previsti dalla Circolare del 14 dicembre 1988  n. 88, oppure aver effettuato 24 mesi di navigazione da allievo comune polivalente;
  • Allievo operaio polivalente: aver compiuto 18 anni di età e aver conseguito il diploma dell'istituto professionale di Stato per le attività marinare, sezione macchina; avere la licenza di scuola media con almeno 6 mesi di esperienza di lavoro a bordo nella categoria iniziale;
  • Operaio polivalente: aver effettuato 24 mesi di navigazione da allievo operaio polivalente oppure, dopo aver conseguito la qualifica di operaio meccanico, di operaio motorista, di operaio frigorista o di operaio di coperta, aver effettuato 36 mesi di navigazione (dei quali almeno 12 in servizio di coperta per partecipare alla guardia di navigazione in plancia) e aver superato uno dei corsi per operai polivalenti previsti dalla Circolare del 14 dicembre 1988 n. 88;
  • Capo operaio polivalente: aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione da operaio polivalente e aver superato uno dei corsi previsti dalla circolare n. 88 del 14 dicembre 1988.

Personale sanitario

  • Infermiere: essere in possesso della relativa abilitazione ai sensi della legge sanitaria.

Personale di camera

  • Piccolo di camera: avere 15 anni di età;
  • Garzone di seconda: aver effettuato almeno 12 mesi di navigazione da piccolo di camera;
  • Garzone di camera: aver effettuato almeno 18 mesi di navigazione da piccolo di camera oppure almeno 6 mesi da piccolo di camera dopo aver frequentato un corso alberghiero riconosciuto;
  • Garzone di prima: aver effettuato almeno 6 mesi di effettiva navigazione da garzone di seconda;
  • Cameriere: aver compiuto 18 anni di età e avere effettuato almeno 12 mesi di effettiva navigazione da garzone di prima o da garzone di camera oppure comprovare di aver prestato almeno un anno di servizio in albergo o di aver maturato almeno 24 mesi di navigazione come allievo: commis, cabin steward, lounge steward e comune di camera;
  • Cameriere (con buona conoscenza di lingue): aver compiuto 18 anni di età e aver effettuato almeno 12 mesi di navigazione da garzone di prima con buona conoscenza di lingue; comprovare di aver prestato servizio alberghiero per almeno 2 anni e aver buona conoscenza di lingue, aver maturato 24 mesi di navigazione come allievo comune alberghiero, cabin steward, lounge steward, ecc; 
  • Cameriere ripostiere: aver effettuato almeno 12 mesi di navigazione da cameriere;
  • Primo cameriere - Capo alloggi: aver effettuato almeno 48 mesi di navigazione da cameriere;
  • Aiuto guardarobiere: aver effettuato 18 mesi di navigazione da piccolo di camera;         Guardarobiere: aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione da cameriere; 48 mesi di navigazione da garzone di prima o da garzone di camera;
  • Maggiordomo - Maitre d'hotel: aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione in qualità di primo cameriere; aver svolto per almeno 48 mesi di servizio come maggiordomo in alberghi di lusso o di prima categoria;
  • Bambinaia: aver compiuto 18 anni di età, aver conseguito la licenza di scuola media inferiore;        
  • Barista: aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione come cameriere o almeno 48 mesi di navigazione da garzone di camera o garzone di prima;
  • Guardiano notturno alberghiero: aver effettuato 24 mesi di navigazione, dei quali almeno 6 nella sezione di camera e aver frequentato, con esito positivo, un corso antincendio riconosciuto.  

Personale di cucina e famiglia

  • Piccolo di cucina: essere in possesso di libretto sanitario;
  • Garzone di cucina: aver effettuato almeno 12 mesi di navigazione da piccolo di cucina (tale requisito non è richiesto sulle navi da carico);
  • Terzo cuoco: avere 18 anni di età e aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione da garzone di cucina, oppure aver effettuato 24 mesi di navigazione come allievo cuoco;
  • Secondo cuoco: aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione da terzo cuoco o 36 mesi da garzone di cucina;
  • Primo cuoco/capo partita: aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione da secondo cuoco;
  • Sottocapo cuoco - Sous chef: aver effettuato almeno 12 mesi di navigazione da primo cuoco, oppure aver effettuato almeno 36 mesi di servizio come cuoco in alberghi di prima categoria;
  • Capo cuoco/Chef: aver effettuato almeno 12 mesi di navigazione da sottocapo cuoco o sous chef o 24 da primo cuoco, oppure dimostrare di aver esercitato le mansioni di capo cuoco in grandi alberghi;
  • Cuoco equipaggio: essere in possesso dell'abilitazione a imbarcare quale cuoco di bordo ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 14 luglio 1957 n. 1065;
  • Dispensiere di equipaggio: aver effettuato almeno 12 mesi di navigazione da cuoco di equipaggio;
  • Garzone pasticciere: avere la qualifica di garzone di cucina oppure aver effettuato 12 mesi di navigazione da piccolo di cucina, oppure essere in possesso di un certificato comprovante l'esercizio delle mansioni di garzone pasticciere a terra;
  • Pasticciere: aver effettuato almeno 12 mesi di navigazione da garzone pasticciere oppure essere in possesso di un certificato comprovante l'esercizio delle mansioni di pasticciere a terra, oppure aver effettuato 24 mesi di navigazione da allievo pasticciere;
  • Capo pasticciere: aver effettuato almeno 12 mesi di navigazione da pasticciere o dimostrare di aver svolto le mansioni di capo pasticciere in grandi alberghi;
  • Garzone di cambusa: possedere la licenza di scuola media inferiore ed avere effettuato almeno 12 mesi di navigazione da garzone di cucina, oppure 24 mesi di navigazione da piccolo di cucina; ·       
  • Cambusiere: aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione da garzone di cambusa, oppure possedere la qualifica di secondo cuoco, ovvero aver effettuato 24 mesi di navigazione da allievo cambusiere;
  • Primo cambusiere o cambusiere unico: aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione da cambusiere, oppure possedere la qualifica di primo cuoco o di dispensiere o avere effettuato almeno 48 mesi da garzone di cambusa;
  • Bottigliere: aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione da garzone di cambusa ovvero 18 mesi di navigazione da cameriere in servizio di sala;
  • Maestro di casa: avere effettuato almeno 24 mesi di navigazione da dispensiere o da cambusiere ovvero aver effettuato almeno 5 anni di navigazione da cuoco o da primo cameriere;
  • Garzone panettiere: avere la qualifica di garzone di cucina, aver effettuato 12 mesi di navigazione da piccolo di cucina, oppure essere in possesso di un certificato comprovante l'esercizio delle mansioni di garzone panettiere a terra;
  • Panettiere: aver compiuto 18 anni di età ed essere in possesso di certificato comprovante l'esercizio delle mansioni di panettiere a terra, oppure aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione come allievo panettiere o avere la qualifica di cuoco di equipaggio;
  • Capo panettiere: aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione come panettiere;
  • Garzone macellaio: essere in possesso della qualifica di garzone di cucina oppure di un certificato attestante 12 mesi di attività lavorativa in una macelleria con mansioni di garzone macellaio; ·       
  • Macellaio: aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione come garzone-macellaio, oppure essere in possesso di un certificato attestante la specifica capacità professionale, o aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione come allievo macellaio, avere la qualifica di cuoco di equipaggio;
  • Capo macellaio: aver effettuato 24 mesi di navigazione da macellaio;
  • Garzone lavandaio: possedere un certificato di capacità professionale;
  • Lavandaio/stiratore: aver compiuto 18 anni di età ed essere in possesso di un attestato di capacità professionale rilasciato da un precedente datore di lavoro;
  • Capo lavandaio: aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione da lavandaio.

Personale addetto ai servizi vari

  • Tipografo: avere 18 anni di età ed essere in possesso di un certificato di idoneità professionale e aver prestato per almeno 12 mesi attività lavorativa presso una tipografia, oppure aver effettuato almeno 24 mesi di navigazione da allievo tipografo;
  • Operatore cinematografico: avere 18 anni di età ed essere in possesso di attestato di idoneità professionale;
  • Assistente di ufficio: essere in possesso di licenza di scuola media inferiore ed aver lavorato per almeno due anni presso un ufficio specializzato nel settore turistico ed avere buona conoscenza di almeno una lingua estera; oppure aver conseguito la licenza di segretario d'azienda o l'abilitazione di segretario di amministrazione o il diploma di scuola superiore, o aver effettuato 24 mesi di navigazione come allievo assistente d'ufficio;
  • Hostess: essere in possesso del libretto di idoneità professionale rilasciato dal centro italiano di cultura turistica; aver conseguito il diploma di liceo linguistico o di istituto commerciale per periti aziendali e corrispondenti in lingue estere; oppure dimostrare con idonea documentazione di aver svolto per almeno 24 mesi compiti di assistenza turistica presso un'agenzia del settore, o aver navigato per 24 mesi come allieva hostess.

Per alcune figure professionali concernenti l'estetica della persona, l'intrattenimento sociale, l'attività ricreativa e lo shopping dei passeggeri (estetica, manicure, parrucchiere, barbiere, ginnasta, orchestrale, intrattenitore sociale, venditore) è ammesso l'imbarco, per il tramite dell'ufficio di collocamento, a richiesta dell'armatore che ne valuta la professionalità.

Il documento allegato al Decreto del Presidente della Repubblica del 18 aprile 2006 n. 231 specifica anche i requisiti necessari per gli allievi di ciascuna categoria e professione. 

Oltre alla Gente di mare, il lavoro marittimo include anche il personale addetto ai servizi dei porti, definito dal Regolamento per l'esecuzione del codice della navigazione:

Piloti:

Secondo il Regolamento, i piloti sono sottoposti alla disciplina del comandante del porto e devono essere provvisti di un distintivo. Devono avere la residenza nel luogo dove ha sede la corporazione, alla quale si viene ammessi con concorso per titoli ed esami.   

I requisiti per poter partecipare sono:

1. Titolo di capitano di lungo corso;

2. Età non inferiore a ventotto e non superiore a trentacinque anni;

3. Sei anni di navigazione in servizio di coperta su navi nazionali, di cui almeno tre anni come ufficiale di coperta su navi mercantili di stazza lorda non inferiore alle 1.500 tonnellate oppure come ufficiale di vascello su navi militari di dislocamento non inferiore a 500 tonnellate;

4. Almeno un anno della navigazione richiesta deve essere effettuato come 1° ufficiale su navi mercantili di stazza lorda non inferiore alle 1.500 tonnellate oppure come ufficiale in seconda su navi militari di dislocamento non inferiore alle 500 tonnellate;

5. Possesso di requisiti fisici e psichici necessari per l'espletamento del servizio di pilotaggio, da accertare a mezzo della commissione medica;

6. Nessuna condanna per reati dai quali derivi l’interdizione dai titoli o dalla professione marittima per oltre due anni salvo che si sia ottenuta la riabilitazione.

I marittimi che abbiano prestato cinque anni di lodevole servizio potranno esserenominati piloti effettivi con provvedimento del capo del compartimento previa autorizzazione del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, sentita la corporazione. Tale periodo si riduce a sei mesi nel caso di pilota effettivo proveniente da altre corporazioni. 

Lavoratori portuali 

Ai lavoratori portuali si applica il Ccnl unico dei porti secondo le modalità operative definite a livello nazionale.

Palombari in servizio locale L’articolo 204 del Regolamento per l'esecuzione del codice della navigazione definisce le Attività dei palombari.

I palombari in servizio locale, ad esempio, esercitano la loro attività entro l'ambito del porto presso il cui ufficio sono iscritti, e possono esercitare temporaneamente anche in altri porti su autorizzazione dell'autorità marittima del porto di iscrizione.  

L’articolo 205 è dedicato al Registro dei palombari, che è tenuto dal comandante del porto.

Per ottenere l'iscrizione nel registro sono necessari: 

1. Età non inferiore a diciotto e non superiore a quaranta anni; 

2. Cittadinanza italiana; 

3. Costituzione fisica particolarmente robusta ed esente da tendenze alla pletora e alle congestioni, accertata dal medico di porto o, in sua assenza, da un medico designato dal capo di compartimento; 

4. Non essere stato condannato per un delitto punibile con pena non inferiore nel minimo a tre anni di reclusione, oppure per contrabbando, furto, truffa, appropriazione indebita, ricettazione, o per un delitto contro la fede pubblica, salvo che sia intervenuta la riabilitazione;
 
5. Buona condotta morale e civile; 

6. Avere effettuato un anno di navigazione in servizio di coperta, o aver prestato, per lo stesso periodo, servizio nella marina militare in qualità di palombaro.

All'atto dell’iscrizione nel registro al palombaro in servizio locale il comandante del porto rilascia il Libretto di ricognizione.

Ormeggiatori 

A questa categoria di lavoratori marittimi (così come per i barcaioli) è applicato il Contratto collettivo nazionale di lavoro. 

Come i palombari, anche gli ormeggiatori devono essere iscritti all’apposito registro tenuto dal comandante del porto. 

Per ottenere l'iscrizione nel registro degli ormeggiatori sono necessari i seguenti requisiti:
 
1. Età non inferiore ai diciotto e non superiore ai quarantacinque anni; 

2. Cittadinanza italiana; 

3. Sana e robusta costituzione fisica, accertata dal medico di porto, o, in sua assenza, da un medico designato dal capo del compartimento;  

4. Non essere stato condannato per un delitto punibile con pena non inferiore nel minimo a tre anni di reclusione, oppure per contrabbando, furto, truffa, appropriazione indebita, ricettazione, o per un delitto contro la fede pubblica, salvo che sia avvenuta la riabilitazione;  

5. Buona condotta morale e civile;  

6. residenza nel comune nel cui territorio è il porto o l'approdo nel quale l'interessato intende svolgere la sua attività o in un comune vicino;

7. Avere effettuato due anni di navigazione in servizio di coperta.  

Il comandante del porto può limitare il numero degli ormeggiatori in relazione alle esigenze del traffico e determina il numero e le caratteristiche delle imbarcazioni di cui devono essere provvisti gli ormeggiatori. (Le imbarcazioni degli ormeggiatori devono portare scritta sulla prua e sulla poppa la parola "ormeggiatore" e tenere alzato un pannello bianco con eguale scritta in rosso).   

Gli ormeggiatori non possono pilotare le navi, ma devono prestare la loro opera per le navi in arrivo soltanto quando la nave sia stata condotta al punto di ormeggio. Per le navi in partenza la prestazione degli ormeggiatori cessa al momento in cui la nave ha salpato le ancore e ha messo in moto.

Anche gli ormeggiatori sono dotati di libretto di ricognizione rilasciato dal comandante del porto all’atto dell'iscrizione nel registro previsto dall'articolo 208 Regolamento per l'esecuzione del codice della navigazione.

Barcaioli 

I barcaioli sono addetti alla condotta dei mezzi nautici adibiti ai servizi attinenti al traffico nell'ambito del porto presso il cui ufficio essi sono iscritti. 

Il comandante del porto disciplina il servizio dei barcaioli in modo da assicurare la regolarità del servizio stesso secondo le esigenze del porto e determina, in particolare, le tariffe per le operazioni svolte dai barcaioli. Il comandante del porto tiene inoltre il registro dei barcaioli ai quali consegna il Libretto di ricognizione. 

Per ottenere l'iscrizione al registro sono necessari i seguenti requisiti: 

1. Età non inferiore ai 18 e non superiore ai 45 anni; 

2. Cittadinanza italiana; 

3. Sana e robusta costituzione fisica, accertata dal medico di porto, o, in sua assenza, da un medico designato dal capo del compartimento;

4. Non essere stato condannato per un delitto punibile con pena non inferiore nel minimo a tre anni di reclusione, oppure per contrabbando, furto, truffa, appropriazione indebita, ricettazione, o per un delitto contro la fede pubblica salvo che sia avvenuta la riabilitazione;

5. Buona condotta morale e civile;

6. Residenza nel comune nel cui territorio è il porto o l'approdo nel quale l' interessato intende svolgere la sua attività o in un comune vicino;

7. Avere effettuato un anno di navigazione in servizio di coperta.   

Ancora, fra i lavoratori marittimi si inserisce anche il personale tecnico delle costruzioni navali: 

Ingegneri navali 

In base all’articolo 277 del Regolamento, gli ingegneri navali progettano e dirigono la costruzione, la trasformazione e la riparazione di qualsiasi tipo e tonnellaggio di nave.

Costruttori navali   

Progettano, costruiscono e riparano navi con scafo in legno di qualunque tonnellaggio, fino alla stazza lorda di 300 tonnellate. 

Maestri d’ascia e calafati 

Professioni di origini molto antiche, oggi in via d’estinzione. 
Il maestro d’ascia può costruire e riparare navi in legno di stazza lorda non superiore a 150 tonnellate. 

Secondo l’aricolo 280 del Regolamento di esecuzione del codice di navigazione , per conseguire l’abilitazione all’esercizio della professione di maestro d’ascia occorrono i seguenti requisiti: aver compiuto 21 anni di età; non aver riportato condanne per i reati di cui all’articolo 238 del Regolamento; aver lavorato per almeno 36 mesi come allievo maestro d’ascia in un cantiere di costruzioni navali. Per diventare allievo maestro (articolo 279), è necessario avere compiuto i quattordici anni di età, gli studi del corso superiore elementare, ed essere domiciliato in uno dei comuni dello Stato italiano.   

La Gente di mare è il registro di persone che lavorano a bordo di navi, iscritte presso le Capitanerie di Porto locali. 

La Gente di mare si divide in tre categorie: 

1. Personale di stato maggiore e di bassa forza addetto ai servizi di coperta, di macchina e in genere ai servizi tecnici di bordo; 

2. Personale addetto ai servizi complementari di bordo: 

3. Personale addetto al traffico locale e alla pesca costiera, a servizi ausiliari sulle navi e in porto. 

I datori di lavoro che devono assumere lavoratori da impiegare sulle navi devono effettuare la comunicazione attraverso il sistema Unimare che presto darà informazioni sulla forza lavoro di questo particolare settore.

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Al via ''E-JOB', il progetto europeo per nuove professioni nello yachting italiano e francese

Il progetto è stato presentato a Viareggio dalla Provincia di Lucca e da Isyl

Favorire le opportunità di lavoro nell’economia de...

Seatec 2020: opportunità per i giovani al Seatec Career Day

I cantieri nautici alla ricerca di figure esperte in ingegneria e progettazione nautica

Nella prospettiva di incentivare l’incontro tra domanda e off...

Superyacht & Refit: YARE 2020 compie 10 anni

Le novità dell’edizione del decennale per l'Appuntamento Internazi...

Cosa accomunano uno yacht a motore, un tender, una barca a vela, un catamarano ed un aereo?

Matteo Bugliari intervista l'eclettico Arman Swilsson

In un mondo caratterizzato da una forte specializzazione, i profess...

I cantieri toscani con la Fondazione ISYL puntano alla formazione dei futuri professionisti dello yachting

Azimut Benetti, Cantieri Navali Codecasa, Overmarine Group, Perini Navi e Rossinavi a f...

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI