Roskilde: la Scuola dei Vichinghi - Report - NAUTICA REPORT
Report / Roskilde: la Scuola dei Vichinghi
Roskilde: la Scuola dei Vichinghi

Roskilde: la Scuola dei Vichinghi

di Fabrizio Fattori

Chiunque abbia visitato il Museo delle Navi Vichinghe, a pochi chilometri da Oslo, non può dimenticare la bellezza di quelle imbarcazioni che pur vecchie di secoli rappresentano una sapiente realizzazione di abilità tutt’ora attuali.

 

La purezza delle linee, il fascino dei materiali, l’eleganza dell’insieme rendono quelle imbarcazioni indimenticabili per chiunque vada per mare.
 


 

Un piccolo porto della Danimarca: Roskilde a pochi km ad ovest di Copenaghen, ha affiancato ad un proprio museo delle navi vichinghe un’interessante attività di archeologia ricostruttiva. Tutto ruota intorno ai resti di cinque imbarcazioni ritrovate nel 1962 all’imboccatura del fiordo, volontariamente affondate in difesa della cittadina.

 

Le imbarcazioni che risalgono al XII secolo, sono due drakkar, imbarcazioni militari e da esplorazione; un knarr usato per i commerci, e altre  due imbarcazioni per la pesca ed il piccolo trasporto.

 

Se paragonate alle navi norvegesi, il livello di conservazione e completezza è decisamente inferiore, ma ammirarle nel museo che le accoglie suscita ugualmente forti emozioni.
 

  
 

Il museo è circondato da un attivissimo cantiere dove utilizzando conoscenze tradizionali, materiali ed utensili adeguati si ricostruiscono  imbarcazioni filologicamente simili alle navi presenti nel museo.

 

Il cantiere è aperto al pubblico e ne é sollecitata la partecipazione, specie in quelle attività meno impegnative come la preparazione del cordame o la tessitura delle vele. Intorno operano i mastri d’ascia che con attrezzi d’epoca ricostruiti sbozzano il legno ed assemblano le parti.

 

Nei canali circostanti si possono osservare le imbarcazioni già ricostruite, alcune delle quali sono disponibili per escursioni nella rada del porticciolo.

 

Fabrizio fattori

 

Leggi anche: Le navi dei Vikinghi
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

L'importanza di chiamarsi William. Tre generazioni di Fife

di Paolo Venanzangeli

Una dinastia di progettisti scozzesi ha regalato allo yachting mond...

Un polpo al cuore

di Fabrizio Fattori

Nella variegata fauna marina niente come il polpo (octopus vulgaris...

Delfini d'acciaio

La vita a bordo di un sommergibile classe Toti

L'equipaggio di un sommergibile classe Toti era costituito, dop...

La nave italiana “Leonardo da Vinci”

Costruita per sostituire l'Andrea Doria affondata nel 1956

La Leonardo da Vinci era una nave da passeggeri della Ita...

Lisbona, la Città della Luce

Un susseguirsi di colori, dal mare alle case...

Lisbona entra nel cuore. Uno dei figli più illustri del...
Turismo e ormeggi
Punta Palasća o Capo d'Otranto (LE)
Il punto più orientale d'Italia
« I pescatori del tratto di mare tra la Torre del Serpe e la Palascìa raccontano che in certe giornate, quando le nuvole in cielo sono gonfie di pioggia e il sole le illumina come fossero vele, sulla superficie dell'acqua si pu&og
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 20/10/2020 07:14

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI