Le radici africane - Report - NAUTICA REPORT
Report / Le radici africane
Le radici africane

Le radici africane

di Fabrizio Fattori

Veniamo tutti dall’Africa e ancor prima dalle scimmie antropomorfe di quelle regioni; “Purché non si sappia in giro” come affermò la moglie di Darwin alle prime certezze dello scienziato.

 

Forse questa diffidenza rende, ancora oggi, difficile riconoscere che le risorse e la forza lavoro di quel continente hanno contribuito enormemente allo sviluppo della modernità dell’occidente. Risorse e forza lavoro rimandano inevitabilmente all’aspetto più tragico e violento del colonialismo dove rapina e schiavitù ne hanno strutturato per secoli la fisionomia.

 

Le prime esplorazioni, del XV° secolo, fuori dal Mediterraneo hanno riguardato le coste dell’Africa occidentale, dove marinai iberici cercavano di ampliare i commerci spinti dalla ricerca delle favolose ricchezze ipotizzate a quelle latitudini. I primi avamposti, come Elmina, nell’odierno Ghana, hanno costituito il trampolino di lancio per le successive esplorazioni atlantiche ed asiatiche.

 

Le miniere d’oro di quelle regioni hanno finanziato i viaggi e le esplorazioni di Bartolomeo Diaz (1488) verso il sud del continente africano che hanno permesso a Vasco da Gama (1498) di raggiungere l’India e a Colombo (1492) di acquisire esperienze tali da spingerlo verso ovest e le Americhe.

 

I portoghesi divennero eminenti tra le nazioni grazie all’oro di Elmina e aprirono la strada ad altri in un forsennato susseguirsi di scoperte e conoscenze inimmaginabili. Certo l’arroganza dell’origine giudaico cristiana della cultura europea ha fortemente intriso le relazioni politiche ed economiche con l’Africa di ingiustizie inenarrabili dove il solo commercio degli schiavi ne sintetizza adeguatamente l’orrore.

 

Ma è indubbio che il contatto tra mondi ha generato un’accelerazione verso la modernità dove l’ampliarsi degli orizzonti ha implicato, inevitabilmente, una nuova apertura mentale, un nuovo modo di affrontare le molteplici complesse realtà superando provincialismi e retaggi medievali.

 

L’enorme ricchezza generata dalle risorse dei nuovi continenti e soprattutto l’economia delle piantagioni (canna da zucchero, cotone, tabacco, caffè..) innescarono il germe di un economia capitalista in senso moderno basata sull’industrializzazione delle produzioni e sull’ampliamento dei mercati di consumo.

 

Tutto questo al netto del riconoscimento dell’alto prezzo pagato dalle popolazioni subsahariane , deportate a milioni tra continenti e a milioni deceduti nelle condizioni peggiori. Fatto salvo alcuni episodi di “marronage” (fuga degli schiavi organizzati in comunità autonome) storicizzati in Brasile, Florida ed altri luoghi caraibici, l’energica opposizione al commercio da parte di alcune tribù del Benin o altre forme di resistenza passiva; il coinvolgimento forzoso delle masse di schiavi risultò essere sempre condotto sotto l’egida di una superiorità culturale ed organizzativa oltre che da soverchiante forza armata, e comunque avulsa totalmente da implicazioni morali.

 

Ci sono voluti secoli, l’apporto dell’illuminismo ed una sanguinosa guerra civile per ridare dignità umana a questi esseri che ancora, in molti luoghi del mondo, lottano perché  vengano pienamente riconosciuti loro i meriti al progredire del mondo.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Cantiere Valdettaro, 1917

Una gloriosa tradizione centenaria

Il Cantiere Valdettaro, fondato nel lontano 1917 a Porto Venere, ne...

La tratta degli schiavi nell'800

Il 1 gennaio 1863 Abramo Lincoln abolisce la schiavitý in America

Dalla fine del XVIII sec. nel sud degli Stati Uniti si svilupp&ogra...

Islanda, una saga infinita

di Fabrizio Fattori

Spesso il termine colonizzare apre a scenari di usurpazioni territo...

Il Mito delle Sirene

Come nacque questa leggenda di sempre?

Cominciamo con lo splendido mare che, secondo antichi confini, orla...

William Starling Burgess, ''Inquieto'' genio americano

Uno dei grandi dello yacht design americano

William Starling Burgess (25 dicembre 1878 - 19 marzo 1947) designe...
Turismo e ormeggi
Isola di San SŤrvolo (VE) - Dal dolore allo sviluppo culturale
San Sèrvolo (denominazione veneziana di San Servilio, martire dell'Istria, festa il 24 maggio), è un'isola della laguna di Venezia, collocata all’incrocio tra i canali dell’Orfano, di San Nicolò e del Lazza
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 16/05/2022 07:45

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI