L'Andrea Doria: la più grande, la più bella - Report - NAUTICA REPORT
Report / L'Andrea Doria: la più grande, la più bella
L'Andrea Doria: la più grande, la più bella

L'Andrea Doria: la più grande, la più bella

Fu varata nel 1951 ed effettuò il suo viaggio inaugurale il 14 gennaio 1953.

L'Andrea Doria era una nave passeggeri della Italia di Navigazione S.p.A., gruppo IRI - Finmare, meglio conosciuta nel mondo dello shipping internazionale con il nome di Italian Line.

 

Costruita ai cantieri navali Ansaldo di Genova Sestri Ponente, fu varata il 16 giugno 1951 ed effettuò il suo viaggio inaugurale il 14 gennaio 1953.



 

Il varo dell'Andrea Doria

 

La nave prese il suo nome dall'ammiraglio ligure del XVI secolo Andrea D'Oria. Poteva portare fino a 1241 passeggeri e, quando venne varata, rappresentava uno dei punti d'orgoglio dell'Italia, che stava allora cercando di ricostruire la propria reputazione dopo la seconda guerra mondiale. Degna erede dei transatlantici degli anni trenta, la Andrea Doria era la più grande e più veloce nave da passeggeri della flotta italiana di linea ed era considerata anche la più sicura.
 

La nave Stockholm

Il 25 luglio del 1956, in allontanamento dalla costa di Nantucket e diretta a New York, l'Andrea Doria si scontrò con la nave svedese Stockholm della Swedish America Line, in quello che fu uno dei più famosi e controversi disastri marittimi della storia.
 

Sebbene quasi tutti i passeggeri sopravvissero (morirono 46 passeggeri dell'Andrea Doria e 6 della Stockholm, per la maggior parte alloggiati nelle cabine investite dalla prua della Stockholm), la nave, con una fiancata completamente squarciata, si coricò su un fianco e affondò dopo 11 ore, la mattina di giovedì 26 luglio 1956, davanti alle coste statunitensi.

 

L'inclinazione della nave rese inutilizzabili metà delle scialuppe (tutte quelle sul lato opposto), ma in seguito al disastro del Titanic del 1912 erano state migliorate le procedure di comunicazione di emergenza e si poterono chiamare altre navi in soccorso, inoltre le procedure e le manovre di evacuazione furono veloci ed efficienti.

 

L'incidente ricevette una grande copertura dai media; l'Andrea Doria fu l'ultimo grande transatlantico ad affondare prima che l'aereo si imponesse come mezzo di trasporto per le lunghe traversate dell'Oceano Atlantico.
 

  
 

Il relitto dell'Andrea Doria - mai recuperato - giace tuttora, posato sul fianco di dritta, a una profondità di 75 metri. Le spedizioni più recenti hanno constatato come il materiale di pregio sia stato razziato, nel corso degli anni, da varie "incursioni" di sciacalli.

 

Ha avuto una gemella, la Cristoforo Colombo; e una sostituta, molto simile nell'aspetto ma con alcuni accorgimenti tecnici, apportati appunto dopo l'esperienza del naufragio, la Leonardo da Vinci.
 

Titolo del:

Tags

transatlantico, New York, Stockholm, nave Cristoforo Colombo, nave Leonardo da Vinci
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il Grande Fiume Nilo

di Fabrizio Fattori

Che i fiumi abbiano costituito realtà propulsive dello svilu...

La formazione del Mediterraneo

La formazione del Mediterraneo risale alla fine del Miocene (6-7 milioni di anni fa)

La formazione geologica del Mediterraneo ha origini antic...

Le navi fantasma

Equipaggi sottopagati rispondono agli ordini di armatori pronti a tutto

Vecchie e nuove navi mercantili e passeggeri solcano i mari sotto i...

Levadas de Madeira

di Fabrizio Fattori

L’utilizzo ottimale delle acque è da sempre una emerge...

Andrea Gail, ''La Tempesta Perfetta''

La nave partì per l'ultimo viaggio da Gloucester Harbor, Massachusetts, il 20 settembre 1991

L'Andrea Gail era una nave da pesca commerciale che naufrag&ogr...
Turismo e ormeggi
Palau
Palau (OT)
Palau è un comune della provincia di Olbia-Tempio, in Sardegna.    Anticamente, coloro che abitavano le campagne circostanti, (dove solitamente avevano la casa al mare, per fuggire dal caldo torrido dell'interno d
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 23/01/2020 07:05

© COPYRIGHT 2011-2020 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - EDITORE CARLO ALESSANDRELLI



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI