Profumo di mare: il finocchio marino - Scienza, Natura e Ambiente - NAUTICA REPORT
Scienza, Natura e Ambiente / Profumo di mare: il finocchio marino
Profumo di mare: il finocchio marino

Profumo di mare: il finocchio marino

Di Fabrizio Fattori

Tra i mille sapori che possono essere legati all’ambiente marino uno in particolare sta riconquistando diffusione al punto che può essere reperito con buona facilità anche nei supermercati, naturalmente facendo incuriosire i più, nel banco del pesce.

 

Il “Crithmum maritimum” era alimento insostituibile dei marinai in lunga navigazione, l’apporto di vitamina “C” era essenziale per evitare lo scorbuto, patologia tipica dei naviganti di secoli fa. Grandi quantità venivano imbarcate sotto sale e riuscivano a contenere il problema brillantemente.

 

Superata questa necessità dai progressi medici e dall’evoluzione dei processi di conservazione, l’uso di questa pianta è rimasto confinato al sapere gastronomico locale, dove ha continuato a essere consumata come sapiente aggiunta ai piatti di pesce.

 

La pianta, definita “alofita”, in quanto cresce esclusivamente in prossimità del mare, prevalentemente su scogliere a picco e spesso bagnata dalle onde, appartiene alla famiglia delle “ombrellifere” ed è caratterizzata da foglioline grigio – azzurro - verdi, carnose e di forma ovale che si raccolgono alla fine dell’estate e si conservano prevalentemente in aceto leggero o sott’olio.

 

La pianta prende vari nomi locali (critmo, paccasassi, salissia, bacicci,…), e il suo uso prevalente è quello di accompagnare piatti di pesce ai quali conferisce una gradevole aggiunta di salmastro, anche se in alcune regioni viene fritta in pastella  o in piatti di insalata o carne. In Corsica se ne ricava un olio aromatizzato utilizzato anche in profumeria.

 

La diffusione non è esclusivamente mediterranea  ma interessa ampie aree del nord Atlantico, del Mare del Nord e del Mar Nero.

 

Fabrizio Fattori

 

Leggi anche: La vitamina ''C'' e il suo contributo all'esplorazione geografica

Titolo del:

Tags

La vitamina ''C'' e il suo contributo all'esplorazione geografica
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Č nato un nuovo vulcano nell'Oceano Indiano

di Andrea Piazza

A partire dal maggio dello scorso anno e per oltre 365 giorni, un l...

Le Best Practices: il Cold Ironing

di Felice Magarelli

Il settore marittimo-portuale contribuisce in maniera piuttosto mas...

Suzuki a Santa Margherita Ligure per l’iniziativa “A pesca di immondizia” 8° edizione del Suzuki & Save the green

Santa Margherita Ligure, 26 marzo 2019

- Pescatori, sub e diportisti tutti fianco a fianco per ripulire sp...

Mal di plastica come guarirne

Una barca di bottiglie da Rimini a Venezia

Il successo di questo materiale nelle sue molteplici funzioni ed us...

La guerra dell'acqua

di Fabrizio Fattori

Risorsa imprescindibile che produce con il mutare del clima, con l&...
Turismo e ormeggi
La Riviera del Brenta con le sue Ville (PD)
Lungo l'asta del fiume Brenta, vero e proprio cordone ombelicale che collegava Venezia alla Riviera e alla colta Padova, sorgono le splendide ville circondate da parchi che hanno reso famosa questa verde località. &n
Fonte: turismovenezia.it - Nautica Report
Titolo del: 26/06/2019 06:55

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI