Palinuro, 1934: ''Faventibus ventis'' - Barche e Navi d'Epoca - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Isola delle Femmine (PA)
Il comune deve il nome all'isolotto che gli sta di fronte chiamato appunto Isola delle femmine. Diverse leggende hanno subito il fascino esercitato dalla torre ormai in gran parte diroccata che sovrasta l'isolotto.   Quel
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 19/04/2019 07:20
Barche e Navi d'Epoca / Palinuro, 1934: ''Faventibus ventis''
Palinuro, 1934: ''Faventibus ventis''

Palinuro, 1934: ''Faventibus ventis''

La goletta Palinuro della Marina Militare italiana è una nave scuola per gli allievi sottufficiali, di qualsiasi categoria e specialità, frequentanti il corso normale marescialli presso la Scuola sottufficiali di Taranto.

 

Storia

 

Costruita nei cantieri di Nantes in Francia e varata nel 1934, con il nome Commandant Louis Richard, per una società privata, venne adibita alla pesca e al trasporto del merluzzo nei banchi di Terranova.
 


 

La Pallinuro e l'Amerigo Vespucci le due navi scuola della Marina Militare

 

Nel 1951 venne acquistata dall'Italia per affiancarla all'Amerigo Vespucci nel ruolo di nave scuola, in sostituzione del Cristoforo Colombo, ceduto all'Unione Sovietica in conto riparazioni danni di guerra.

 

La nave, dopo l'acquisto, venne avviata ai lavori di trasformazione per essere adibita a nave scuola. Al termine di questi lavori, avvenuti presso il cantiere navale di Castellammare di Stabia e l'Arsenale di La Spezia, la nave entrò in servizio nella MMI il 16 luglio 1955, ribattezzata Palinuro in onore del mitico nocchiero di Enea nell'Eneide di Virgilio. Il motto della nave è "Faventibus ventis" (col favore dei venti).
 


 

La nave scuola Palinuro

 

Durante la sua attività, dal 1955 ad oggi, la Palinuro ha toccato la maggior parte dei porti del Mediterraneo e del Nord Europa e si stima che abbia percorso più di 263 mila miglia nautiche (al 2013). Ha inoltre preso parte ai più prestigiosi raduni di imbarcazioni e navi d’epoca e alle regate delle cosiddette “Tall Ships”, tra le quali la "Cutty Sark", l’”Amsterdam Sail” ed il raduno delle Vele d’Epoca d'Imperia.

 

Caratteristiche
 

Varata il: 21/03/1934 
Cantiere: Cantieri Dubigeon (Francia) 
Dislocamento: 1341 t p.c. 
Lunghezza: 59 m (69 m fuori tutto) 
Larghezza: 10 m 
Velatura: 1000 mq 
Immersione: 4,8 
Apparato motore: 1 GMT D MAN G8V 
Potenza: 331 KW (443,88 HP ) 
Velocità: 8 nd 
Autonomia: 5400 mg (motore diesel) 
Equipaggio: 83 

 

Sito ufficiale:  www.marina.difesa.it
 

Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del:

Tags

goletta, Marina Militare, Scuola sottufficiali, allievi sottufficiali, cantieri di Nantes, Commandant Louis Richard
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Mignon, 1912 - La rinascita ''Fai da te''

SLOOP MARCONI O BERMUDIANO

Mignon (numero velico K8), ex Pinaster e Kyane, è un raro es...

Caroly, 1948

YAWL MARCONI O BERMUDIANO

La storia di Caroly, costruita nei Cantieri Baglietto di Varazze,&n...

Concordia, 1938. Gli Yawl di Raymond Hunt

YAWL MARCONI O BERMUDIANO

Lo yawl Concordia fu progettato nel 1938 dall'architetto navale...

Dyon, 1924

SLOOP MARCONI O BERMUDIANO

Un articolo su Dyon comparso nel 1925 sul Rudder definisce la barca...

AIVE Associazione Italiana Vele d’Epoca: presentato il calendario delle regate 2019

Genova, 15 aprile 2019

L’AIVE, Associazione Italiana Vele d’Epoca, ha presenta...

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI