William D. Porter, la nave da guerra pių pazza del mondo - Report - NAUTICA REPORT
Report / William D. Porter, la nave da guerra pių pazza del mondo
William D. Porter, la nave da guerra pių pazza del mondo

William D. Porter, la nave da guerra pių pazza del mondo

di Fabrizio Fattori

Su ogni imbarcazione ed in specie sulle navi da guerra, la buona riuscita della navigazione e di ogni operazione bellica dipende dalla capacità di comando degli ufficiali e dalla perizia dell’equipaggio.

 

Quando queste qualità vengono meno per difetto di esperienza o mancanza di adeguata formazione gli scenari che si concretizzano possono essere disastrosi.

 

Durante la seconda guerra mondiale la marina americana per far fronte al forte impegno bellico sottoponeva gli equipaggi ad una formazione affrettata che a stento trasformava i poco più che adolescenti mandriani del west in esperti marinai e soldati.

 

Sull’incrociatore “William D. Porter” se ne ebbe una concentrazione eccessiva sin dai primi giorni di navigazione con conseguenze tragicomiche.

 

Comandante Wilfred A. Walter

Varata nel maggio del 1942 e al comando del comandante Wilfred A. Walter ebbe come primo incarico di rinforzare la scorta della corrazzata “USS Iowa”, che trasportava una delegazione governativa in vista della conferenza di Teheran.

 

Oltre all’allora presidente USA Roosevelt la nave comprendeva il meglio degli strateghi e della diplomazia americana destinati ad incontrare Stalin e Churchill per definire le modalità politico-militari comuni al fine di accelerare la disfatta nazista.

 

La delicata operazione top secret comportava l’altissimo rischio di una traversata atlantica in un oceano infestato dai sottomarini tedeschi.

 

L’inesperto equipaggio ebbe modo di distinguersi sin dalla partenza dimenticando di alare completamente le ancore e causando danni all’imbarcazione vicina, comprese scialuppe di salvataggio e altri armamenti.

 

Raggiunto il mare aperto ed in piena area ad alto rischio, dalla nave venne incidentalmente sganciata una carica di profondità la cui detonazione all’armò tutto il convoglio con conseguenti concitate manovre difensive. Seguirono meste scuse del capitano Walter.

 

La navigazione proseguì a velocità ridotta sia per i tentativi di recuperare un “uomo a mare”, tentativi non coronati da successo, sia per guasti meccanici. La “Willie Dee”, come veniva chiamata per brevità l’incrociatore, ritardata da questi inconvenienti, assistette ad alcune esercitazioni coordinate dalla “Iowa” con gli altri mezzi del convoglio.

 

La voglia di riscatto per la pessima figura precedente spinse il capitano ad attivare, motu proprio, una esercitazione di siluri opportunamente disattivati. Nella concitazione dell’evento un siluro partì verso la “Iowa” e il presidente degli Stati Uniti, perfettamente armato.

 

Quello che seguì sull’incrociatore fu il panico totale e solo ripetuti tentativi di comunicazione a vista ( le comunicazioni radio erano state silenziate dato l’alto rischio di intercettazione) captati dal personale della corrazzata consentì loro, con una repentina virata, di evitare la mortale collisione.

 

La “Willie Dee” fu comandata perentoriamente di abbandonare il convoglio e dirigersi verso la base navale più prossima, dove tutto l’equipaggio venne sottoposto a stretti interrogatori ipotizzando l’idea della presenza a bordo di un vero sabotatore. Il marinaio colpevole del lancio del siluro venne condannato a 14 anni di carcere duro, condonati successivamente dallo stesso Roosevelt.

 

Dopo un lungo periodo di quarantena su rotte meno impegnative l’incrociatore venne “casualmente” affondato dallo scoppio di un aereo giapponese durante la battaglia di Okinawa, a coronamento di una non certo brillante carriera.

 

Fabrizio Fattori
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Viaggio in Vietnam e Cambogia - Lam-Son: una bottega per marinai

di Fabrizio Fattori

Forse appare, oggi, tramontata l’immagine del vecchio marinai...

I fari d'Irlanda: che spettacolo!

Dieci fra i pių belli dell'isola

I fari hanno sempre affascinato l’immaginario collettivo. Tra...

Frank Cabot Paine, uno dei ''Grandi'' della Coppa America

Frank Cabot Paine nacque il 9 luglio 1890 a Boston, Massachusetts, figlio del...

Clipper Stad Amsterdam, 1997: una scuola di vita

Fedele ricostruzione storica di un clipper del XIX secolo

Costruito nel 1997 su commissione del Gruppo Randstad e la citt&agr...

Un pasticciere in India

di Fabrizio Fattori

Ricordare Federico Peliti (1844 - 1914 ) per questa sua attivit&agr...
Turismo e ormeggi
Isole Borromee - Lago Maggiore (VCO)
L'arcipelago delle Isole Borromee è situato nel medio lago Maggiore, a occidente, nel braccio di lago chiamato golfo Borromeo che vede affacciate e contrapposte Stresa e Pallanza.   L'arcipelago si compone di tre isole,
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 23/02/2020 07:18

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI