Virginie Hériot prima ''Madame de la Mer'' - Report - NAUTICA REPORT
Report / Virginie Hériot prima ''Madame de la Mer''
Virginie Hériot prima ''Madame de la Mer''

Virginie Hériot prima ''Madame de la Mer''

di Fabrizio Fattori

La marineria professionale ed amatoriale è stata connotata per un lungo periodo di tempo da figure prevalentemente maschili anche se nel corso dei secoli passioni ed abilità al femminile si sono configurate sempre più frequentemente.

 

In specie quando l’andar per mare rappresentava luogo di competizioni sportive e “joie de vivre” intensamente sviluppatesi nelle culture marinare e negli strati sociali economicamente più stabili. Una di queste “Mesdames de la mer”  è certamente Verginie Heriot che frequentando, nei primi anni del novecento, le imbarcazioni familiari o di amici di famiglia avvertì nascere un’insopprimibile passione per la vela.

 

Dopo intensi impegni esistenziali, matrimonio, figlio, divorzio e malattia, dal 1912 si dedicherà pienamente ad imprese marine, divenendo armatrice di imbarcazioni sempre più fortemente competitive. Dalla sua goletta “Aile” dove passa molti mesi l’anno organizza le sue sfide specie contro gli inglesi, competitori naturali per riconquistare la “Coupe de France”, impresa riuscitale nel 1929, ma anche con altre nazioni altrettanto competitive.
 


 

Virginie Hériot - Foto da www.chasse-maree.com/virginie-heriot-a-tire-daile

 

L’esperienza accumulata in un’attività quasi forsennata le consentirà di vincere la medaglia d’oro alle olimpiadi di Amsterdam del 1928 nella categoria fino ad 8 metri con il suo “Aile VI” a capo di un equipaggio tutto maschile. Conquisterà altre coppe internazionali come la “Coupe d’Italie” (1928) e la “Coupe du Roi d’Espagne” (1929).

 

Il suo talento viene riconosciuto internazionalmente donandole un’aurea di credibilità professionale che lei metterà al servizio del suo paese divenendo ambasciatrice della marina francese e diffondendo nel mondo la qualità armatoriale degli ingegneri e dei cantieri navali francesi.

 

Ancora per alcuni anni alternerà la sua attività sportiva con iniziative di sostegno e sviluppo alle associazioni  e scuole velistiche nazionali, sostenendole economicamente e tecnicamente. Sul traguardo di una competizione verrà colta dalla morte e dopo qualche anno, come da lei desiderato, verrà inumata nelle acque di Brest.

 

Il ricordo di questa navigatrice è ancora fortemente presente nei cuori di tutti gli appassionati così come della sua imbarcazione, una splendida goletta di 50 metri con tre alberi e scafo in acciaio, progettata da Nicholson nel 1928, del cui ricordo, come spesso capita, non rimane che la memoria delle sue conquiste sportive.

 

Fabrizio Fattori

 

Foto di copertina da espaces.ffvoile.fr

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Alain Bombard: un'avventura estrema

Di Fabrizio Fattori

Navigare espone a rischi che con il tempo sono andati via via dimin...

La riva sinistra del Gange. Varanasi ''Città Santa''

Per gli indù il fiume Gange (che è femminile) è sacro

È adorato dagli indù ed è personificato come u...

Che schianto quelle fotografie

di Tealdo Tealdi - Foto National Maritime Museum Greenwich

"Sulle coste del piccolo arcipelago situato all’ingresso...

Il punto dove tutti i venti arrivano da Sud

di Tealdo Tealdi

Arrivare al Polo Nord a bordo di una nave mossa dall’energia ...

Capo Nord: il sole di mezzanotte e l'aurora boreale

Erroneamente considerato il punto più a nord dell'Europa

Capo Nord è una falesia che si trova sulla punta nord dell&#...
Turismo e ormeggi
Bari, Porta d'Oriente
Bari è la città più grande ed economicamente più importante che si affaccia sul Mar Adriatico.    È nota per essere la città nella quale riposano le reliquie di San Nicola. Tale privilegi
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 01/04/2020 07:40

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI