Vasa: il triste destino di un nave da guerra della corona svedese - Report - NAUTICA REPORT
Report / Vasa: il triste destino di un nave da guerra della corona svedese
Vasa: il triste destino di un nave da guerra della corona svedese

Vasa: il triste destino di un nave da guerra della corona svedese

di Fabrizio Fattori

La Svezia nel corso di un solo secolo, grazie al re Gustavo (1523-1560),  riuscì a trasformare le proprie limitate forze navali, che svolgevano un mero controllo costiero, in una vera potenza marittima.

 

I costruttori olandesi, i migliori del tempo, lavorarono intensamente per produrre imbarcazioni da guerra di varie dimensioni fino a consentire alla Corona di disporre di una delle più temibili flotte del proprio tempo.

 

Le imbarcazioni venivano allestite nei cantieri di Stoccolma, sotto la guida dei maestri olandesi, utilizzando le querce dei boschi  trasportate per mare e per terra. Tra le navi reali (Regalskepp) in cantiere nel 1625 primeggiava il “WASA” , un tre alberi di 1400 tonnellate, lungo 70 metri e largo più di 11 metri, con tre batterie  di oltre 60 bocche da fuoco. I suoi 1200 metri quadri di vela  consentivano una velocità di circa 10 nodi.

 

Per la sua realizzazione venne impiegato il legno di più di mille querce e utilizzata la sola esperienza tecnica dei costruttori. Infatti in quel periodo non esistevano progetti o disegni preparatori. Si procedeva sulla base di “stime” segrete realizzando lo scafo a terra e non appena reso galleggiabile lo si varava completando in mare il resto dell’opera, non potendo, dato l’enorme peso, varare una nave completamente allestita.
 


 

La poppa del Vasa

 

La costruzione di questo galeone subì notevoli variazioni in corso d’opera. Lo steso Re richiese migliorie e rimaneggiamenti al fine di farne una poderosa nave da guerra.

 

Malgrado l’esperienza dei costruttori queste variazioni resero precario l’assetto dell’imbarcazione al punto che il giorno dell’inaugurazione (10 agosto 1628), sollecitata da venti anomali, sbandò iniziando ad imbarcare acqua dai portelli  dei cannoni  del ponte inferiore troppo vicini alla linea di galleggiamento. Lo sbandamento provocò anche lo spostamento di alcuni cannoni che accentuarono l’inclinazione e l’ingresso dell’acqua.

 

L’affondamento fu abbastanza rapido al punto da causare più di cinquanta vittime. Tra queste pochi furono i marinai che forti della loro esperienza riuscirono, prevedendo il disastro, a mettersi in salvo prima degli ospiti e delle autorità presenti a bordo. Si recuperarono solo alcuni cannoni e poco  di quanto imbarcato il giorno dell’inaugurazione.

 

La commissione d’inchiesta non pervenne a comprendere la dinamica ed ad individuare responsabilità. L’accaduto venne attribuito all’imponderabile sempre presente nei fatti di mare.

 

Nel 1958 il governo svedese intraprese con notevole impiego tecnico ed economico, il recupero dell’imbarcazione riuscendo, dopo due anni di lavori, a riportarla in superficie dai 32 metri di profondità nei quali aveva trascorso più di tre secoli. Il restauro, alquanto impegnativo, diede buoni risultati grazie al microclima di conservazione del legno ( scarsa salinità del Baltico, assenza di parassiti del legno per via delle basse temperature dell’acqua,…). Vennero recuperati gli ambienti e buona parte delle suntuose decorazioni, riallestiti i locali creando affascinanti rievocazioni di vita marinara e ponendo le basi di un museo dedicato che costituisce ancora oggi una delle più interessanti attrazioni turistiche di Stoccolma.

 

Fabrizio Fattori
 

Titolo del:

Tags

Svezia, re Gustavo, flotta svedese da guerra, cantieri di Stoccolma, Regalskepp, affondamento del Wasa
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

La battaglia di Salamina - '''Meglio morire in piedi che vivere in ginocchio''

di Tealdo Tealdi

Il quadro, “La battaglia navale di Salamina” dipinto ne...

Syros. Autentica e solenne

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Cinque anni fa sfiorammo appena Syros mentre, in avaria di motore c...

Agostino Straulino, nato per essere marinaio

una delle figure leggendarie della vela italiana

Nato a Lussinpiccolo, Croazia, il 10 ottobre 1914 e morto a Roma il...

Un voto per navigare nei secoli

di Tealdo Tealdi

Dal 1237 la prima domenica di luglio si svolge a Grado una straordi...

Che fine ha fatto Nessie?

Il primo avvistamento risale al 565 da parte di un monaco irlandese

Il Mostro di Loch Ness "Nessie", è una creatura le...
Turismo e ormeggi
Zoagli (GE) - La terrazza sul Tigullio
Zoagli è un piccolo borgo incastonato tra i comuni costieri di Rapallo e Chiavari nel golfo del Tigullio, ad est di Genova.   Confina a nord con i comuni di Rapallo, Coreglia Ligure e San Colombano Certenoli, a sud è bag
Fonte: wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 30/03/2020 07:45

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI