Montecristo un paradiso ritrovato - Report - NAUTICA REPORT
Report / Montecristo un paradiso ritrovato
Montecristo un paradiso ritrovato

Montecristo un paradiso ritrovato

di Fabrizio Fattori - Foto di Attilio Scataglini©

Sappiamo quanto l’uomo non sia spesso in grado di godere di quanto la natura offra, e veda in questa una sola opportunità di sfruttamento e spesso ciò accade al di là delle migliori intenzioni di tutela e salvaguardia.

 

Ambienti naturali unici, flora e fauna sono esposti a rischio di irreversibile degrado o di totale rapida scomparsa malgrado siano istituiti progetti di protezione e conservazione anche internazionale.
 


 

In questa ottica la riserva dell’isola di Montecristo, facente parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, severamente controllata dal Comando Unità Forestali Ambientali ed Agroalimentari dell’Arma dei Carabinieri, rappresenta una drastica soluzione alla minaccia di degrado.

 

Navigazione di prossimità, immersioni, attracchi sono proibiti salvo specifiche richieste che necessitano di un lungo iter burocratico e di tempi biblici di attesa, oltre ad un rilevante costo ad imbarcazione (circa 500,00 €) ed ad un biglietto di accesso per persona (25,00 €).
 

  
 

Si può perlustrare l’isola su percorsi protetti, per i quali è richiesto un certo impegno, e sotto l’attenta presenza di due Carabinieri, oltre alla visita del Museo e dell’orto botanico.

 

Il comando dei Carabinieri per la biodiversità di Follonica (via Bicocchi 2) è l’ente autorizzato a rilasciare i permessi di accesso in misura non superiore ai duemila l’anno e per gruppi non superiori alla cinquanta persone.
 

  
 

Malgrado questi filtri che rendono la riserva uno dei luoghi maggiormente protetti di tutta l’area mediterranea, è certamente un’esperienza affascinante visitare un ecosistema praticamente intatto ed immobile, nella sua biodiversità, da secoli. Secoli che hanno stratificato nell’isola memorie ricche di storia e di mistero.

 

Dagli insediamenti preistorici con tracce di lavorazione del ferro, agli eremi medievali, ai relitti millenari dei suoi fondali, alle scorrerie piratesche capaci di brutali cambiamenti nel precario assetto sociale dell’isola.
 

  
 

All’eremitaggio di pochi, alla nascita di piccole comunità contadine, alle campagne di cacce reali, fino al racconto del Conte e del favoloso tesoro, peraltro mai rintracciato sull’isola, narrato da Dumas nell’ottocento.

 

Ma la stessa osservazione della fauna e della flora tipica dell’isola rappresentano un’occasione di testimonianza di come un ecosistema si autoregoli in modo equilibrato ed armonico se l’uomo si astiene dall’introdurre elementi di disturbo.
 

  
 

Come peraltro è stato fatto anche in questa isola (ratti che impedivano, ad esempio la riproduzione di uccelli marini o l’introduzione dell’ailanto, pianta fortemente invasiva) e che con campagne mirate di controllo e selezione hanno garantito e garantiscono quell’equilibrio armonico raggiunto negli ultimi anni, da tutelare, appunto con estrema severità. 

 

COORDINATE
ISOLA DI MONTECRISTO
42°20′N 10°19′E

 

Fabrizio Fattori

 

Guarda le foto di Montecristo nell'album di Attilio Scataglini© su Facebook

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Eugène Cornu, architetto di ''Stelle''

Nel 1943 progettò il famoso Bélouga

Eugène Cornu è stato un architetto navale francese, n...

Port Royal il covo sicuro dei pirati

di Fabrizio fattori

Ancora oggi il nome di questa cittadina della Giamaica evoca un pas...

Dalla Senna a Versailles, la Macchina di Marly

Il percorso delle acque per alimentare le fontane della Reggia

La macchina di Marly situata nell'odierno comune di Bougival ne...

La mummia del Titanic - Fantasie, maledizioni e premonizioni

di Claudio Bossi

Facciamo un salto al Cairo nell'anno 1910, due anni prima ...

La Storia dell'Ardito

di Giancarlo Poddighe

Le navi che hanno portato il nome di Ardito sono state quattro. ...
Turismo e ormeggi
Area marina protetta di Capo Caccia - Isola Piana (SS)
Siamo nella costa ovest, vicino ad Alghero, nell’ampia insenatura di Porto Conte, che va dalla rocciosa penisola di Capo Caccia, sino a Capo Galera, di fronte ci sono le isole Piana e Foradada.    I fondali sono ricchi di c
Fonte: Nur on-line e Nautica Report
Titolo del: 11/07/2020 06:45

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI