Mare Nostrum - Report - NAUTICA REPORT
Report / Mare Nostrum
Mare Nostrum

Mare Nostrum

di Giulio Galassi

Luogo d'incontro dei tre continenti conosciuti dalla geografia degli antichi, il Mediterraneo diventò quasi naturalmente il centro virtuale e il punto di arrivo di molti storici che ne hanno approfondito l’argomento.
 

Nella visione complessiva del succedersi delle età del mondo e degli Imperi (dagli Assiro-Babilonesi ai Romani) due idee principali emergevano: la storia marcia da est a ovest e gli Imperi fioriscono e decadono secondo un segreto disegno divino, nel quale il Mediterraneo gioca la parte di teatro privilegiato.



 

L'Impero Romano nella sua massima espansione

 

L'impero Romano  per primo unifica tutto il Mediterraneo e quindi tutto il mondo allora conosciuto. In questa unione di storia sacra e profana due sono le capitali del Mediterraneo, Gerusalemme e Roma, ma è la seconda a comandare gli sviluppi della storia terrena: anche quando, successivamente alla decadenza della potenza Romana, l'Impero verrà trasferito ai Franchi e ai Tedeschi, che comunque saranno tenuti a considerare Roma come il fondamento di legittimità del loro potere.

 

I Romani non erano un popolo marinaio ed avevano dovuto copiare le navi fenicie, tant’è vero che in pochi anni  costruirono molte navi per contrastare la flotta nemica. Nel 241 a.C. conquistarono la Sicilia e poi Cartagine nel  146 a.C., divenendo i nuovi dominatori del mare Mediterraneo, da allora conosciuto come il “Mare Nostrum”.

 

L’impero romano, che controllava tutte le coste del Mediterraneo, si estese fino in Inghilterra e lungo il fiume Reno in Germania e ad est fino in Ungheria, compresa la Romania, la Turchia ed il vicino Oriente


  
 

Costa Egea - Pergamo

 

L'attuale costa Egea della Turchia era un’ importante provincia Romana, e ancora oggi navigando in quelle acque, è possibile ammirare le magnifiche rovine romane tutt’ora ben conservate, costruite sopra quelle Greche precedentemente dominate e conquistate: Pergamon, Efesus, Miletus, Priene, Iassus, Didyma, Teos ecc.
 

Lo splendore dell’impero Romano durò alcuni secoli, fino a circa il 400 d.C. quando gli invasori, i Goti ed i Vandali, discersero dal nord, e gli Unni dall’Asia capeggiati da Attila, portando con sé terrore e devastazione. L’impero Romano finì con la destituzione dell’ultimo Imperatore nel 476 d.C., quando incominciò una nuova era: il Medioevo.


  
 

La scoperta dell'America

 

Da allora il Mediterraneo ha visto molti tumulti, dati dalla sete di ricchezza e di potere di alcuni popoli. Molti imperi nacquero e morirono, alcuni nati dalla spada ed altri dal commercio. Le navi divennero più grandi e più adatte ad affrontare gli oceani, cosicché i lontani discendenti dei Fenici navigarono sempre in direzione dell’ovest, scoprendo e conquistarono nuove terre: le Americhe.

 

La pirateria e le razzie continuarono nelle coste più isolate, fino al diciottesimo secolo. Ecco perché la Sardegna, particolarmente esposta agli attacchi via mare, aveva un tempo poche città lungo le coste, tranne quelle fondate dai Fenici.

 

Pisa, Genova, Ravenna e Venezia divennero le dominanti potenze marinare, accumulando molta ricchezza. Queste ricchezze si riflettono tutt’ora nei bellissimi edifici, nelle Chiese e nei tesori artistici di queste città.
 

  
 

La Nascita di Venere di Botticelli
 

Durante il Rinascimento, l’Italia produsse qualcosa come il 70% degli attuali tesori artistici di tutto il mondo.

 

Quando le provviste locali di legname cominciarono a diminuire a causa dell’impoverimento dei boschi e delle foreste, non fu più possibile mantenere o rinnovare le flotte ed il dominio dei mari, quindi le potenze marinare divennero altre, al di fuori del Mediterraneo: il Portogallo, l’Olanda ed in fine, l’Inghilterra.

 

Gibilterra rappresenta una delle ultime roccaforti britanniche nel Mediterraneo, presidio a cui l’Inghilterra non vuole rinunciare. Come non rinuncia la Spagna al suo presidio, Ceuta, di fronte alla costa marocchina.

 

  
 

Lo stretto di Gibilterra

 

Più recentemente la protezione del Mediterraneo è stata affidata alle forze NATO, capeggiate dagli Stati Uniti. La NATO possiede molte basi aeree e navali in questa area: Rota (Spagna), Napoli, Verona, Sigonella (in Sicilia), La Maddalena e Teulada (in Sardegna), Corfù, Malta, Turchia, Kosovo.

 

La storia del Mediterraneo si sta ancora scrivendo: stiamo vivendo gli ultimi cambiamenti nei Balcani, in Palestina, i confini tra i paesi europei che vengono eliminati e le drammatiche migrazioni dai Paesi più poveri a quelli più ricchi.

 

Vi è ora un crescente senso di responsabilità da parte di tutti i Paesi confinanti con il Mediterraneo verso questo mare. Si stanno finalmente compiendo passi concreti per la sua protezione, per mantenerlo pulito, sano e sicuro, per tutti coloro che sono abbastanza fortunati da poterlo navigare ed esplorare le sue molteplici meraviglie.

 

Giulio Galassi

 

In copertina Foto di 11333328 da Pixabay 
 

Titolo del:

Tags

Mediterraneo, impero Romano, Pisa, Genova, Ravenna, Venezia, Rinascimento, Gibilterra
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Londra 1665, barche e navi nell'anno della peste

di Manuela Revello

Di Daniel Defoe tutti conoscono il personaggio di Robinson Crusoe, ...

Isole Vergini: in nome di Sant'Orsola

Colombo chiaṃ l'arcipelago "Sant'Orsola e le 11.000 Vergini"

Le Isole Vergini sono un arcipelago nel Mar dei Caraibi, situate ad...

Virgin Atlantic Challenger II: quando Davide tolse il nastro a Golia

di Tealdo Tealdi

L’appassionante storia di un monocarena di 22 metri capa...

Gerardo Mercatore e la sua proiezione

Nova et aucta orbis terrae descriptio

Il filosofo e teologo fiammingo Gerardo Mercatore (1512-1594) fu un...

La ''Mary Rose'', una sfortunata nave da guerra Tudor

di Fabrizio Fattori

Le grandi potenze marinare hanno sistematicamente manifestato il lo...
Turismo e ormeggi
Fiumicino (RM) Porto Canale
Il porto canale di Fiumicino è costituito dal tratto di canale, lungo 1400 metri, compreso tra la foce ed il ponte elevatoio “Due Giugno” proseguendo oltre fino a reggiungere il Tevere: il canale è largo 40 m all'inte
Fonte: Pagine Azzurre e Nautica Report
Titolo del: 07/05/2021 07:10

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI