Le Canarie isole fortunate - Report - NAUTICA REPORT
Report / Le Canarie isole fortunate
Le Canarie isole fortunate

Le Canarie isole fortunate

di Fabrizio Fattori

La prima narrazione intorno a queste isole, caratterizzate, nella descrizione fatta da Al-Idrisi nel suo “Libro di Ruggero” (1154), da uomini e donne dalla pelle bianca e bellissimi, si inserisce nell’epopea dei navigatori che superarono per avventura o amore dell’incognito, le colonne d’Ercole.

 

Prima di lui Plinio il vecchio e Tolomeo ne parlano in termini di isole Fortunate alimentandone il mito di luogo dove è possibile una vita idiliaca. Altri navigatori aggiungeranno, nei secoli successivi, altri particolari di queste popolazioni che appariranno “diverse” ai loro occhi.

 

Biondi e con i capelli lunghissimi, il corpo tatuato al pari di prezioso vestiario, integrato, vento permettendo, da foglie di palma o da una casta nudità al quale porrà rimedio, successivamente, una cristianizzazione non sempre garbata. Non hanno pane e si alimentano con un impasto di orzo ed acqua.
 


 

Statua di un capo Guanci, antico popolo delle Canarie, Candelaria, Tenerife - Foto da Pixers

 

Hanno costumi sessuali molto liberi e viene praticato il diritto del sovrano ad unirsi alle, forse non più vergini, ragazze prima delle nozze. Uno “ius primae noctis” improbabile diritto solo favoleggiato nell’Europa feudale.

 

Rimaste a lungo nel limbo tra fantasia e realtà, vengono riscoperte, ai primi del XIV° sec. dal genovese Lanzarotto Malocello che chiamerà la più importante delle isole Lanzarote dal suo nome.

 

Nella tentativo di localizzare il paradiso terrestre come descritto nelle sacre scritture, si arriva ad ipotizzarne la sede nelle isole Canarie, già all’ora definite isole Fortunate dove la vita era facile e felice immersa in un ambiente paradisiaco di lussureggiante natura dove era possibile vivere a lungo senza pene e dolori circondati da una perenne primavera.

 

Fabrizio Fattori

 

Foto di Yves Bernardi da Pixabay 
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Emilio SalgÓri, il padre sfortunato di Sandokan

Scrittore italiano di romanzi d'avventura

Emilio Carlo Giuseppe Maria Salgàri (Verona, 21 agosto 1862 ...

Il Museo Marinaro di Camogli

Fondato da Gio Bono Ferrari nel 1937

Il museo marinaro "Gio Bono Ferrari" è un sito mus...

Olimpo, un altro luogo

di Fabrizio Fattori

Siamo usi ad abbinare al nome Olmpo la vetta nebbiosa del monte car...

Il bradisismo

Fenomeno presente nell'area dei Campi Flegrei

ll bradisismo è un fenomeno legato al vulcanismo secondario,...

Alexander Selkirk, il vero Robinson Crusoe

Visse per quattro anni e quattro mesi su un'isola deserta

Alexander Selkirk nato Alexander Selcraig (Lower Largo, 1676 &ndash...
Turismo e ormeggi
Capo Palinuro e le sue grotte (SA)
Le suggestive grotte del Capo Palinuro, che oggi si specchiano in un mare cristallino, circa 130.000 anni fa (fase glaciale Riss), erano circondate da un paesaggio completamente diverso.   Il mare arretrando per centinaia di metri da
Fonte: capopalinuro.it e Nautica Report
Titolo del: 26/11/2020 07:15

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI