La luna e il mare. Una Leggenda Bretone - Report - NAUTICA REPORT
Report / La luna e il mare. Una Leggenda Bretone
La luna e il mare. Una Leggenda Bretone

La luna e il mare. Una Leggenda Bretone

di Barbara Stuffer

I marinai e i pescatori conoscono le correnti marine, i venti, sanno leggere nel cielo stellato, sanno dell’influsso della luna sul mare, perché a queste conoscenze hanno affidato per secoli la loro vita.

 

Al di là di ogni conoscenza scientifica, quanto è piú semplice e piú poetico immaginare che un dissidio fra la luna ed il mare abbia sottomesso le acque al capriccio della luna! Sul litorale della Manica si dice che la luna comandi il mare e a questo proposito si racconta la seguente leggenda.
 


 

Luna piena

 

Un giorno, il mare fece infrangere sugli scogli una bella nave e tutti i marinai che vi erano imbarcati annegarono; la luna, indignata contro il mare, lo rimproverò d’aver fatto morire così tanta gente e lo inghiottì. Da allora non vi fu piú il commercio perché, a causa della mancanza d’acqua, le navi non potevano piú navigare. Un giorno, un capitano incontrò la luna e le disse: ”Da quando avete il mare nella vostra pancia la gente muore di fame, perchè le navi sono in secca. Dovete aver pietà dei marinai e rimettere il mare al suo posto. Saranno molto contenti, se avrete la bontà di farlo.“

 

Allora la luna si rivolse al mare:


”Se mi prometti una cosa, ti farò uscire dal mio ventre e ti rimetterò dove ti ho preso.


”Che cosa dovrei prometterti? ” chiese il mare.


”Di essere sempre ai miei ordini e di obbedire ai miei comandi ”.


Il mare accettò; la luna lo trasse fuori dal suo ventre e lo rimise dove l’aveva preso. Ma qualche tempo dopo il mare litigò con la luna, sua padrona; questa, per punirlo, volle berlo ancora una volta.

 

Era l’epoca in cui il mare, un tempo dolce, era diventato salato. La luna cominciò a bere l’acqua, ma questa volta la trovò così cattiva, che si mise a sputare tutta quella che aveva bevuta.


Da quel momento non cercò più di bere il mare. Quest’ultimo è rimasto sotto il comando della luna, ed è obbligato ad andare e venire secondo il volere della sua padrona, che lo punì in questo modo per aver inondato i Paesi dove si trovavano le cave di sale (che da dolce lo facero divenire salato).

 

La marea

 

Il termine marea indica le sollecitazioni provocate dall’attrazione gravitazionale di un corpo sopra un altro. Ogni corpo dell’universo ( pianeta, stella o minuscolo asteroide che sia ) esercita un’azione gravitazionale ( e quindi causa maree ) sugli altri. In pratica però, siccome l’attrazione gravitazionale diminuisce moltissimo con la distanza ed è tanto più piccola quanto più piccolo e meno denso è il corpo che la esercita, gli unici corpi che determinano maree sensibili sulla Terra sono la Luna (piccola, ma vicina) e il Sole (lontano, ma grande).

 

Questi due corpi esercitano la loro attrazione su tutta la Terra, cioè sull’acqua, sull’aria e sulle rocce. Cosicché, oltre alle maree classiche, quelle che si verificano nell’acqua facendone innalzare e abbassare periodicamente il livello, ci sono altre maree assai meno facilmente percettibili dagli uomini: le maree terrestri e le maree atmosferiche.


  
 

Marea

 

Le maree atmosferiche interessano la massa d’aria che circonda la Terra e, trattandosi di aria, è impossibile vederne le deformazioni.

 

Esistono però strumenti, i barometri, che misurano la pressione che l’aria esercita sulla superficie terrestre: la pressione misurata dal barometro varia, oltre che per altre cause, anche per la diversa attrazione esercitata ogni giorno dal Sole e dalla Luna.

    
 

Barometro

 

Le maree terrestri sono costituite dal periodico innalzarsi e abbassarsi della superficie delle rocce e del terreno su cui posa i piedi l’uomo. Dato che sono rigide, le rocce oppongono una notevole resistenza a questi movimenti, che perciò sono così piccoli da non essere rilevabili se non con strumenti molto sensibili.

 

Nel mare, negli oceani e persino nei grandi laghi e fiumi, invece, il fenomeno della marea è ben visibile: due volte al giorno, quando un punto della Terra e quello ai suoi antipodi passano sotto la verticale della Luna, si ha l’alta marea. Il fenomeno si complica per il fatto che anche il Sole esercita un’attrazione sensibile. Se il Sole e la Luna sono allineati tra loro (e questo accade quando c’è la Luna piena o Luna nuova) le attrazioni dei due corpi si sommano: in questo caso avremo la massima ampiezza di marea (è questa la cosiddetta marea sizigiale).
 

  
 

Quando le linee, che uniscono il centro della Luna e il centro del Sole con quello della Terra, non sono allineate e sono disposte invece in modo da formare un certo angolo tra loro, l’ampiezza delle maree è minore e raggiunge il minimo quando l’angolo è retto; sono queste le maree di quadratura.
 

L’altezza raggiunta dalla marea cambia notevolmente a seconda delle località, della profondità dell’acqua, dell’andamento delle coste ed è maggiore negli estuari dei fiumi o nelle baie che si aprono verso est; da questa direzione, infatti, giunge il flusso di marea, e l’acqua si incanala e si innalza via via che le due sponde si avvicinano. Nel Mediterraneo in genere l’altezza della marea è di ca. 50 cm. Lungo le coste dell’Adriatico, però, il livello del mare può alzarsi o abbassarsi rispetto al normale di oltre un metro.


  
 

Canada - Baia di Fundy

 

La marea più alta della Terra si registra nella baia di Fundy (Canadà), dove raggiunge i 20 m di altezza e periodicamente un muro d’acqua alto come una casa di sette piani si abbatte sulla spiaggia o si ritira.

 

LE MASSIME MAREE
 

Località
 

baia di Fundy (Nuova Scozia; Canadà)  

foce del Río Gallegos (Argentina)

baia di Frobisher (Canadà)

foce del fiume Severn (Gran Bretagna)

baia del Mont - Saint - Michel (Francia)

foce del fiume Fitzroy (Australia)

Saint - Malo (Francia)

Bhaunagar (India)

foce del Rìo Colorado (Messico)

Ampiezza
 

20,0 m

18,0 m  

17,4 m

16,3 m

14,7 m

14,0 m

13,3 m

12,4 m

12,3 m


Barbara Stuffer per www.schule.suedtirol.it 

 

In copertina foto di mollyroselee da Pixabay 
 

Titolo del:

Tags

litorale della Manica, maree, luna, mare, terra, gravitazione terrestre, Baia di Fundy, luna piena
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Donoussa. Convocati dall'isola del Diavolo

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

''Più vado per mare, più lo capisco: nulla &e...

La goletta ''N° 5 Elbe'' la banalità della sfortuna

di Fabrizio Fattori

Si sa navigare è pieno di imprevisti ma a volte a questi si ...

Capitan Bavastro, intrepido corsaro nizzardo

Giuseppe Bavastro nacque a Sampierdarena da madre genovese e padre spagnolo. Il momento...

Londra 1665, barche e navi nell'anno della peste

di Manuela Revello

Di Daniel Defoe tutti conoscono il personaggio di Robinson Crusoe, ...

Isole Vergini: in nome di Sant'Orsola

Colombo chiaṃ l'arcipelago "Sant'Orsola e le 11.000 Vergini"

Le Isole Vergini sono un arcipelago nel Mar dei Caraibi, situate ad...
Turismo e ormeggi
Manfredonia (FG) Porta del Gargano
Manfredonia è un comune della provincia di Foggia, in Puglia.   In fondo al Golfo omonimo, accarezzata dalle spumeggianti onde azzurre del Mare Adriatico, difesa dal Gargano, la Montagna
Fonte: comune.manfredonia.fg.it e Nautica report
Titolo del: 09/05/2021 07:05

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI