La ''Batavia'' qualcosa di più di un ammutinamento - Report - NAUTICA REPORT
Report / La ''Batavia'' qualcosa di più di un ammutinamento
La ''Batavia'' qualcosa di più di un ammutinamento

La ''Batavia'' qualcosa di più di un ammutinamento

di Fabrizio Fattori

Salpata insieme ad altre imbarcazioni, nell’ottobre del 1628 da un porto olandese delle isole Frisone occidentali per conto della Compagnia Olandese delle Indie Orientali alla volta di Giacarta, aveva, oltre al suo carico di metalli preziosi, equipaggio e passeggeri quanto mai determinati ad assecondare le proprie inconfessabili aspirazioni.

 

In particolare Jeronimus Cornelisz, imbarcatosi per fuggire ai suoi creditori e alla giustizia olandese, divenne il perno di una vicenda che cambiò drammaticamente la vita di molti. Trovato un alleato nell’alcolizzato primo ufficiale Adrian Jacobsz pianificarono un ammutinamento con l’intento di sbarazzarsi del comandante Francisco Pelseart e, impossessatisi del prezioso carico, trovare altrove un dorato rifugio.

 

Separata dal resto della flottiglia da un’ improvvida tempesta, la “Batavia” subì un primo tentativo di sovversione dei ruoli di comando ma Pelseart riuscì a mantenere il controllo della situazione. Ma il 4 giugno 1629 la nave, guidata senza perizia dal primo ufficiale si incagliò sulla barriera corallina a quaranta miglia dalla costa ovest australiana. Il grosso dell’equipaggio e dei passeggeri trovò rifugio su due inospitali isolotti affioranti dal reef, anche se alcuni perirono nel definitivo affondamento della nave.
 


 

La replica della Batavia - Photo by Malis 

 

Gli isolotti palesarono immediatamente l’impossibilità di una adeguata sopravvivenza dei superstiti. La scarsezza d’acqua e di cibo indussero il comandante Pelseart a tentare un rischioso viaggio in cerca di aiuto. In trentatre giorni le scialuppe con 48 persone a bordo, compreso il negligente primo ufficiale, raggiunsero Giacarta dove venne organizzato il viaggio di recupero naufraghi..

 

Ma in quei giorni sugli isolotti si scatenò una lotta fratricida, non solo per la mera sopravvivenza ma anche per la conquista di un potere assoluto dei pochi su tutti gli altri. A capo di questa iniziativa si era posto Jeronimus Cornelisz l’unico ad aver tutto da guadagnare anche da una così poco confortevole situazione.

 

Grazie alle sue capacità di persuasione si circondò in breve tempo di una quarantina di fedeli compagni disposti a tutto. Abbandonato il progetto iniziale di attendere passivamente gli incerti aiuti il gruppo si strutturò come una sanguinaria oligarchia capace di accentrare nelle proprie mani le poche risorse offerte dalle isole e da quanto rimaneva del “Batavia”. Naturalmente questo costò la vita a quanti rappresentavano un ostacolo o un mancato riconoscimento al progetto di Cornelisz e compagni.

 

La follia di questo progetto, l’idea stessa di divenire sovrano assoluto di questi remoti lembi di terra, trovò rapido e fatale ridimensionamento nello scontro con alcuni rifugiati sull’isola più remota che capitanati da Wiebbe Haynes riuscirono ad arrestarne la follia e naturalmente non appena la spedizione di soccorso prese terra. Il processo agli ammutinati si tenne sull’isola principale e comportò l’impiccagione di quanti vi avevano partecipato essendo risultato dalle indagini decine di omicidi, stupri, ed appropriazioni indebite.

 

Una replica della “Batavia”, eseguita con tecniche e materiali del XVII° secolo si trova oggi ancorata nel porto olandese Lelystad poco lontana dal luogo dal quale era partita per il suo tragico viaggio, mentre quanto rimane della “Batavia” originale e di altri reperti di questa folle avventura dell’uomo viene conservato nel Western Australian Museum ( WAM) a Fremantle.

 

Fabrizio Fattori
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

John Gale Alden, marinaio e designer americano

John G. Alden iniziò la sua carriera di designer, apprendista con la BB Crownins...

Fuga ad Achill, l’isola della spiaggia riemersa

Una delle località più belle e spettacolari d’Irlanda

Sono ben cinque le spiagge Bandiera Blu che adornano la costa d...

Bocas del Toro, baie e lagune ''Quasi'' incontaminate!

di Luigi Ottogalli

Navigando in questa parte del Caribe, i personaggi che s'incont...

Michele da Cuneo navigatore e testimone epistolare

di Fabrizio Fattori

Spesso le grandi imprese sono messe in relazione con pochi, grandi ...

L'altra Saint Tropez, le Musée de l’Annonciade

di Tealdo Tealdi

Nella perla della Costa Azzurra, dove i più importanti pitto...
Turismo e ormeggi
Peschici (FG)
La città di Peschici si trova su una rupe a picco sul mare e domina una delle baie fra le più belle d’Italia.   Il nome Peschici è probabilmente di origine Slava, infatti Sueripolo, capitano degli Slavi, dop
Fonte: www.viaggiareinpuglia.it e Nautica Report
Titolo del: 07/04/2020 07:45

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI