I popoli del mare - Report - NAUTICA REPORT
Report / I popoli del mare
I popoli del mare

I popoli del mare

di Fabrizio Fattori

Con questo nome vengono identificati genericamente un insieme di popolazioni, esperte nell’arte della navigazione e della guerra, che alla fine dell’età del bronzo (XIII a.c.)  sconvolsero l’area mediterranea.

 

Sommando la loro attività ad altri eventi catastrofici come cambiamenti climatici, siccità, terremoti seriali. La loro provenienza appare ancora oggi incerta e discordante  non essendo stati individuati  resti degli antichi siti originari.
 


 

Gaston Maspero nel 1912 - Da egittoantico.net

 

Tale diversità, geografica e culturale, è ulteriormente testimoniata da fonti archeologiche, in particolare da reperti studiati nell’area egiziana, dove vengono rappresentati con armi e abbigliamenti eterogenei e difformi tra popolo e popolo.

 

Il termine “popoli del mare”, venne utilizzato per la prima volta dall’egittologo Gaston Maspero verso la fine dell’ottocento, riunendo con questo una serie di popolazioni che appaiono nelle fonti egizie identificate con vari nomi : Peleset (da cui deriva il nome Palestina), i Tjekker, gli Shekelesh (da cui deriva il nome Sicilia), gli Shardana (da cui deriva il nome Sardegna), i Danuma, i Lukka, gli Eqwesh, i Teresh e i Weshsh.

 

Gli egizi furono, infatti, tra i primi ad entrare in conflitto con queste popolazioni, le quali dopo aver invaso l’area anatolico-siriana entrarono nella terra di Canaan tentando di occupare territori oggi occupati dal Libano, da Israele e dal delta del Nilo.
 

  
 

Medinet Habu (Tebe), tempio funerario di Ramesse III. Rilievo raffigurante la battaglia - Da archeo.it

 

Nel tempio funerario del faraone Ramses IIIMedinet Habu, in prossimità della valle dei Re, una iscrizione fornisce ampie descrizioni degli accadimenti di quel periodo (1.170 a.c circa) evidenziando come ogni resistenza fosse inutile e che prospere civiltà come quella degli Ittiti, dei Micenei ed altre, furono spazzate via, innescando profonde trasformazioni sociali, politiche ed economiche, in tutte le aree interessate.

 

Da queste iscrizioni, ed in particolare dal così detto “papiro di Harris” si evince che gli egiziani di Ramses, così come precedentemente (1.207 a.c.) del faraone Merenptah riuscirono, dopo aspre battaglie navali e terrestri, ad arginare l’espansione di questo popolo ma subendo, a loro volta,  un declino.

 

Di Fabrizio Fattori

 

Titolo del:

Tags

Gaston Maspero, i Tjekker, gli Shekelesh, Shardana, i Danuma, i Lukka, gli Eqwesh, i Teresh, i Weshsh
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il Gozzo Ligure

di Filiberto Putzu

Un tempo, neanche troppo lontano, ogni spiaggia di paese della cost...

Simbad il Marinaio

di Fabrizio Fattori

Nelle “Mille e una notte” compare questo personagg...

Il Tunnel della Manica - Eurotunnel Le Shuttle

Francia-Inghilterra, 50 km sul fondo del Canale della Manica

Il tunnel della Manica (in inglese Channel Tunnel, in francese Tunn...

L'isola di Natale

Fu scoperta nel 1643 dal capitano inglese William Mynors a bordo della Royal Mary

Christmas Island è una piccola isola appartenente politicame...

Studio Faggioni, 5 secoli di yacht design

La famiglia Faggioni presente nella zona della Spezia da oltre 500 anni

La famiglia Faggioni è presente nella zona della Spezia da o...
Turismo e ormeggi
Marciana Marina - Isola d'Elba (LI)
Marciana Marina è un comune della provincia di Livorno ed è, per estensione territoriale, il più piccolo comune della Toscana.   Marciana Marina si trova sull'Isola d'Elba ed è bagnata dal Mar Tirr
Fonte: wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 09/12/2019 07:00

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI