Gli Etruschi e il mare - Report - NAUTICA REPORT
Report / Gli Etruschi e il mare
Gli Etruschi e il mare

Gli Etruschi e il mare

di Ario Locci

I Greci chiamavano gli Etruschi “Tirreni”, in ricordo di quel Tirreno che si diceva fosse il condottiero che, dalla lontana Lidia -oggi Turchia -, aveva portato nelle coste d’Italia il popolo che aveva dato origine agli Etruschi.

 

Una migrazione via mare - sicuramente mai avvenuta almeno nei termini in cui ce la tramanda lo storico greco Erodoto - elemento che comunque assai precocemente si pone in stretta relazione con questa antica civiltà dell’Italia antica.
 


 

Arte greca antica

 

Anche lo storico romano Tito Livio ribadisce che la potenza degli Etruschi prima del dominio di Roma era assai estesa, per terra e per mare. I nomi attribuiti al mare superiore e al mare inferiore che circondano l’Italia come un’isola possono costituirne una prova, per quel che può valere.

 

I popoli d’Italia chiamarono infatti un mare Etrusco, dalla comune denominazione di quel popolo, l’altro Adriatico, da Adria,  colonia degli Etruschi. I greci li chiamarono Tirreno e Adriatico.
 


 

Tarquinia - La tomba dei Leopardi

 

Nella fase più antica della civiltà etrusca, compresa fra il IX e l’inizio del V secolo a.C., i centri etruschi raggiunsero livelli d'attività produttiva, di espansione commerciale e politica tra i più progrediti del bacino del Mediterraneo, entrando in concorrenza con i Fenici e i Greci nel controllo delle grandi vie marittime. Uno degli elementi essenziali correlati al quadro generale dello sviluppo è da riconoscere nella situazione privilegiata in cui si trovava l’Etruria per la presenza di grandi risorse minerarie.

 

Metalli come il rame, il ferro e l'argento e altri minerali come l'allume, essenziali per il progresso delle tecnologie produttive in campo militare ed agrario, abbondano nei giacimenti dell'isola d'Elba, nelle colline metallifere a nord di Vetulonia e in altre località come i Monti della Tolfa nel territorio di Cerveteri.
 


 

Utensili per il servizio del v ino - Da www.archeobologna.beniculturali.it

 

All'approvvigionamento di queste materie prime e al controllo, diretto o indiretto, delle loro fonti di estrazione va certamente attribuito l'interesse dei naviganti Fenici e Greci verso la parte occidentale del mare Mediterraneo e in particolare verso le coste del medio Tirreno, dove intorno al 770 a.C. viene fondata nell'isola di Ischia la prima colonia greca da Greci dell'Eubea.

 

I contatti tra Etruschi ed Euboici avviano una rete di scambi sempre più fitta che reca alle genti italiche della prima età del ferro non solo merci di lusso ma anche tecnologie nuove relative sia all’ambito agricolo (l'introduzione della coltura della vite avviene nel corso dell’VIII secolo, quella dell'olivo nel secolo successivo) sia alla produzione di beni materiali con l'arrivo di artigiani specializzati nella lavorazione della ceramica (l'uso del tornio del vasaio è introdotto nel corso dell'VIII secolo) e di materiali preziosi come l'avorio e l'oro.
 


 

Vetulonia - Parte di una Domus estrusca

 

La vicinanza al mare dei principali centri etruschi d'età arcaica, da Populonia a Cerveteri è indice dello spiccato interesse di questo popolo ad un coinvolgimento effettivo nella dinamica egli scambi commerciali. Già all'età del Ferro (IX-VIII sec. a.C.) risale la tradizione letteraria della «talassocrazia» (dominio del mare) etrusca.

 

Secondo il greco Eforo di Cuma pirati «tirreni» infestavano le acque della Sicilia al momento della fondazione delle più antiche colonie greche dell'isola già alla fine deII'VIII secolo. In quest'epoca così antica le azioni di pirateria rientravano in una prassi peculiare delle società aristocratiche e si confondevano in parte con il commercio: l'attività commerciale si svolgeva attraverso «guerre di corsa», razzie originate da capi aristocratici con funzioni “imprenditoriali” piuttosto che mediante spedizioni organizzate da mercanti.

 

 
Sperone per l'attacco

La forma stessa delle navi etrusche, spesso raffigurate nelle ceramiche testimonia la duplice funzione svolta dalla navigazione etrusca: si tratta di imbarcazioni mercantili con scafo rotondo e spazioso, fornito a prua di uno sperone per l'attacco.
 

Alla fine del VII secolo a.C., quando si definiscono nelle linee generali le strutture urbane delle principali città etrusche, l'organizzazione degli scambi commerciali tende a divenire sistematica.

 

II fenomeno è evidente nell’Etruria meridionale marittima, dove nei porti di Pyrgi, Gravisca e Regisvilla, dipendenti rispettivamente dai centri di Cerveteri, Tarquinia e Vulci, nascono strutture stabili di natura commerciale
 

 
Antiche monete

Nella dinamica degli scambi di quest'epoca (fine VII-VI sec. a.C.) il ruolo determinante, anche come intermediari, è svolto dai mercanti della Grecia orientale, provenienti dai centri costieri dell'Asia minore (Samo, Mileto, Focea).

 

Mercanzie preziose, ceramiche decorate da mensa di fabbriche diverse (di Corinto e della Grecia dell'Est fino a 550 a.C., di Atene dalla seconda metà del secolo fino all'inizio di quello successivo), anfore per il trasporto di vino e di olio e altri materiali deperibili (stoffe, profumi) giungono ai lidi tirrenici.
 

Come in passato, maestranze specializzate straniere si immettono nella produzione artigianale etrusca, influenzandone in modo grande ogni settore, dalle ceramiche agli affreschi parietali, alle terrecotte architettoniche. L'aspetto esteriore delle città etrusche tende ad apparire quello di polis greca.
 

Nel fervore degli scambi che in quest'epoca si manifesta nel bacino centrale del Tirreno, il movimento mercantile in partenza dall’Etruria si indirizza in prevalenza verso le coste della Francia meridionale. In questa regione, anch'essa ricca di metalli (stagno), occupata da insediamenti celtici e liguri , ove i Greci di Focena intorno a 600 a.C. avevano fondato la colonia di Marsiglia, era esportato il vino etrusco, la cui produzione si era sviluppata nei territori meridionali, insieme al vasellame di bronzo, ai pregiati buccheri e alla ceramica etrusca d’imitazione corinzia.



 

La Colonia Greca di Marsiglia - Un dipinto di Pierre Puvis De Chavannes 1849

 

I relitti di navi naufragate, rinvenuti su questa stessa costa, rivelano carichi di anfore vinarie etrusche — le più antiche delle quali imitano quelle fenicie - insieme alle ceramiche fabbricate in Etruria. Gli stessi materiali si diffondono contemporaneamente nel meridione, nel Lazio, in Campania e in Sicilia.

 

Sul finire dell'età arcaica il controllo delle rotte tirreniche da parte degli Etruschi viene meno a causa della crescita di Cartagine e, successivamente, in Sicilia della potenza di Siracusa.



 

Battaglia di Cuma - Trireme

 

Nel 474 a.C. la sconfitta inflitta da quest'ultima alle navi etrusche nelle acque di Cuma comportò una battuta d'arresto per i traffici nel Tirreno meridionale, anche se il distretto minerario dell'isola d'Elba continuò ad essere oggetto d’interesse da parte dei Greci. Non è certo un caso se l'emissione delle prime monete etrusche si deve a Populonia a partire dalla seconda metà del V secolo

 

GLI ETRUSCHI DELLA COSTA

 

L’area costiera, da Massa a Grosseto è un punto privilegiato per costatare quanto gli Etruschi andarono modificando il loro rapporto con l'ambiente e la loro organizzazione sociale venendo a contatto con la civiltà greca, lasciando testimonianze ancora oggi tangibili, che la cura di tante amministrazioni comunali ha conservato in maniera esemplare e offerto alla fruizione del grande flusso turistico che oggi costituisce per questo vasto comprensorio una grandissima risorsa culturale ed economica.
 

Nel corso dell’VIII e VII sec. l'area centro-etrusca aveva conosciuto uno sviluppo notevole: ricca di quelle miniere che costituivano fonti essenziali di approvvigionamento per i coloni greci, si avviò assai rapidamente verso un'organizzazione di tipo urbano lungo la fascia costiera ed a un genere di popolamento sparso nelle aree interne.  Così incontriamo grandi centri primari quali Vetulonia e Populonia (già documentati dal IX sec. a.C. da necropoli ad incinerazione) e piccoli insediamenti sulla costa tirrenica come Pescia Romana od Orbetello, Poggio Buco e Sovana, Magliano, Marsiliana e Saturnia che sembrano formarsi in epoca appena posteriore (fine dell’VIII sec. a.C.). In quest'area già negli ultimi decenni dell'VIII  sec.  la società sembra trasformarsi: oggetti preziosi rinvenuti in tombe ricchissime di Marsiliana e Vetulonia, provenienti dall'Oriente o imitati in ambiente etrusco sembrano arrivare qua tramite i commercianti greci che avevano stabilito fondachi ad Ischia e Cuma in Campania e che ricevevano in cambio quantità notevoli di minerali allo stato grezzo. Nelle fonderie dei coloni greci  di  Pithecusa (Ischia)  si  sono  rinvenute scorie di fusione di minerale di ferro (ematite) proveniente dall'Elba.



 

Parco archeologico di Baratti e Populonia

 

Vetulonia e Populonia  sono i centri dove prevale l'attività estrattiva  e  metallurgica  e  che  sembrano  proiettati, specialmente  la  seconda,  verso  i  commerci  marittimi.

 

Anche a Populonia durante il primo periodo orientalizzante sono evidenti trasformazioni dell'assetto sociale, nonostante   la  città  sembri  mostrare  un  certo  conservatorismo con una netta distinzione tra un ceto aristocratico (a cui appartengono le grandi tombe monumentali della necropoli  di S.Cerbone a Baratti) e una classe subalterna. Una situazione simile sembra riflettersi sul territorio dove sono dislocate tombe monumentali a Bibbona, Bolgheri,  Casaglia. Casale  Marittimo, destinate a quei capi che dominavano i territori lungo la strada per Volterra.



 

Golfo di Baratti dal promontorio di Populonia

 

Intorno al VI sec. l'area del territorio grossetano sembra spopolarsi: i centri di Sovana, Poggio Buco, Marsiliana e Magliano sono abbandonati forse a seguito di lotte con Vulci. Di questa condizione sembrano trarre vantaggio Roselle e Vulci stessa dove assistiamo ad un fenomeno di vero e proprio inurbamento delle masse rurali.  Solo con la conquista romana del III sec. a.C. si rivitalizzerà quest'area dal punto di vista   agricolo in piccoli centri come Ghiaccio Forte (Scansano) o nelle colonie romane di Cosa e Saturnia.

 

Populonia e Vetulonia durante  il  IV ed il III secolo si erano fortificate, probabilmente minacciate dalle spedizioni degli eserciti e delle navi di Siracusa che si accaniva contro  i  porti  minerari  etruschi.  E' in questo periodo che a Populonia le attività industriali legate alla raffinazione del ferro Elbano comportano un notevole ampliamento demografico.  La  città  entrata  nell'orbita  romana  come città federata già dal III sec. a.C. si garantì una sopravvivenza fino al periodo del tardo impero.



 

Volterra - Città etrusca

 

Ma la città di gran lunga più potente e dotata del territorio  dipendente  più vasto  fra quello  di  tutte  le città etrusche settentrionali fu  certamente  Volterra, posta su un colle che dominava le tre valli dei fiumi Cecina, Era ed Elsa.  Formatasi come agglomerato urbano già alla fine dell’VIII sec. rimase fortemente in ombra durante il periodo orientalizzante ed arcaico (V1I-V sec. a.C.).
 

Fu dal IV sec. e fino a tutto il II che la città visse il periodo del suo massimo rigoglio fondato essenzialmente su una base agricola largamente produttiva. La Val d'Elsa con i centri rurali di Casole, Monteriggioni, Colle Val d'Elsa, S. Gimignano, Barberino, quella del Cecina con Pastina, Vada e Castiglioncello e l'alta Val d'Era con Terricciola e Morrona costituiscono un comprensorio in cui è evidente l'impronta culturale e sicuramente anche politica di Volterra.
 

Un caso a parte è la bassa Val d'Era, dove gli interessi volterrani sembrano venire a contatto con quelli di un centro finora poco conosciuto ma che recenti ricerche hanno contribuito a collocare con maggior precisione nel novero delle più importanti città etrusche: Pisa.



 

Pisa - Tumulo etrusco

 

I recentissimi scavi in Piazza del Duomo, a due passi dalla Torre Pendente, e lo straordinario rinvenimento delle navi romane hanno rivelato una stratificazione archeologica d’eccezionale interesse che conferma  che Pisa era una città  etrusca  e  non  ligure  come  veniva considerata da taluni  studiosi  sulla  scorta  di  controverse  tradizioni letterarie e l’entroterra dell’Etruria settentrionale. 

Sulla  base delle  ricerche  recenti  che  si  integrano  a  quanto  già evidenziato  con  altri  precedenti  ritrovamenti  la  facies  culturale  di  V  secolo  penetra lungo  la direttrice  fluviale  dell'Arno,  fino ai confini dell'agro fiesolano. Tutta una serie di ulteriori elementi confermano rapporti tra il territorio pisano - che sembra comprendere  l'area del Valdarno da  S. Miniato alla foce del  fiume  e  il  litorale  tirrenico  da  Castiglioncello a Camaiore  e l'area padana.

 

Dr. Ario Locci
 

Titolo del:

Tags

Tirreni, Lidia, Turchia, Erodoto, Tito Livio, Etruria, Monti della Tolfa, Cerveteri, Vetulonia
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Acquario di Genova, il più grande d'Europa

L'Acquario di Genova è il più grande acquario italiano...

Salone Nautico di Genova. La Piazza del Vento

Nata come evento temporaneo è diventata un'opera pubblica permanente

Il progetto della “Piazza del Vento” nasce ne...

Arti e mestieri tra i carrugi di Genova

Itinerari dello sfizio di Olivia e Marino

Palazzi e sculture non sono la sola ricchezza della Genova storica:...

59° Salone Nautico: inaugurata oggi la ''Città della Nautica''

Dal 19 al 24 settembre convegni, appuntamenti, eventi ed il meglio della nautica internazionale

Ha preso il via oggi, giovedì 19 settembre, la 59^ edizione ...

Il Museo Navale di Pegli

La storia del museo navale ha origini alla fine dell'Ottocento

Il Museo navale di Pegli è un museo di Genova, ospitato all&...
Turismo e ormeggi
Isola di Favignana - I. Egadi (TP)
Favignana è un'isola appartenente all'arcipelago delle isole Egadi, in Sicilia.   Principale isola delle Egadi, si trova a circa 4 mn dalla costa occidentale della Sicilia, tra Trapani e Marsala, di fronte alle Isole de
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 22/09/2019 07:30

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI