Fellini a Fregene, la villa che non c'è più - Report - NAUTICA REPORT
Report / Fellini a Fregene, la villa che non c'è più
Fellini a Fregene, la villa che non c'è più

Fellini a Fregene, la villa che non c'è più

Diceva Fellini: ''Fregene è per me come la Genesi''.

"E' a Fregene che sono nato come regista, con "Lo sceicco bianco" e inseguito vi ho ambientato il finale di "La Dolce Vita", gran parte di "Giulietta degli Spiriti", alcune scene di "La città delle donne"."
 


 

Federico Fellini, Marcello Mastrioanni e Sophia Loren a Fregene

 

"Ma anche altri miei film li ho concepiti e in parte scritti a Fregene, dove io e Giulietta abbiamo vissuto per molti anni, o hanno come sfondo il mare, che è il mare di Fregene, oltre e più che il mare di Rimini".
 

Il mare di Fregene, Fellini lo aveva visto per la prima volta sul finire degli anni Trenta, qualche tempo dopo che si era trasferito a Roma, e ne era rimasto incantato: "Restai a lungo - raccontava in seguito - col fiato sospeso.
 

  
 

Giulietta Masina e Federico Fellini sulla spiaggia di Fregene

 

Era d'un azzurro puro, che all'improvviso trascolorava diventando verde, blu notte, rosso fuoco o rosso vino, come il mare cantato da Omero o dipinto da Giorgio De Chirico. Una spiaggia lunghissima, deserta, polinesiana, lungo la quale si rincorrevano le dune, fra solitari capanni di paglia. Al di qua del mare, una pianura sterminata, a perdita d'occhio vibrante del frastuono delle cicale, che sembrava il fotogramma d'uno dei film di Kurosawa, una landa del suo “ Al di qua del mare"
 

Fu a Fregene, nell' estate del '58, che Fellini incontrò Marcello Mastroianni per proporgli il ruolo del reporter mondano in "La Dolce Vita", il film che avrebbe dato al regista, peraltro già vincitore di due Oscar, fama mondiale, e che avrebbe fatto dell'attore un divo di prima grandezza.
 

  
 

Marcello mastroianni ne "La Dolce Vita"

 

Raccontava Mastroianni: "L'incontro avvenne a Villa dei Pini. C'era anche Ennio Flaiano. Fellini mi parlò, in termini molto vaghi del film e del ruolo che intendeva affidarmi. Io gli chiesi: "Posso vedere il copione? -"Ennio fagli vedere il copione", disse a Flaiano. Flaiano mi porse una cartella: dentro c'era soltanto un disegno pornografico, che raffigurava un uomo dal sesso spropositato e creature marine che gli nuotavano intorno, come in un balletto stile Esther Williams".

 

Fu a Fregene, nella pineta monumentale, che Fellini girò una delle scene più sensazionali di "Lo sceicco bianco": la scena in cui Alberto Sordi, tutto ammantato di bianco, si dondolava vertiginosamente su un'altalena di oltre trenta metri, issata fra due di quei pini secolari. Quella scena sarebbe diventata una delle più celebri della storia del cinema.
 

  
 

Alberto Sordi nella famosa scena nella pineta di Fregene ne "Lo Sceicco Bianco"

 

Fu ancora nella pineta di Fregene che Fellini fece, negli anni Sessanta, un incontro memorabile: "Ogni mattina - raccontava - andavo dalla pineta al mare e dal mare alla pineta. Delle passeggiate lunghissime, che mi ricordavano quelle che facevo a Rimini quand'ero adolescente, con il mare burrascoso, il cielo plumbeo e quel clima di festa finita che sono diventati uno dei temi ricorrenti dei miei film. Una mattina, mentre passeggiavo fra i pini, una bella vocina tonante ruppe il silenzio profondo che vi regnava: "Federico! Federico!" Era Orson Welles. Ci abbracciammo, tutti e due emozionati. Ci promettemmo di incontrarci tutte le mattine per passeggiare insieme, ma quella fu la prima e l'ultima volta che ci incontrammo a Fregene, in quella pineta stupenda".
 

  
 

La pineta di Fregene intitolata nel 2014 a Federico fellini

 

P.S. La villa di Fellini non c' è più, il 10 gennaio 2006  l'hanno rasa al suolo le ruspe. Al suo posto, sono nati 12 splendidi villini a schiera. Poche parole. «Così muore tutto», dice Sandra Milo. Via Volosca 13, Fregene. Nel 2014 finalmente in ricordo di Fellini è stata intitolata la celebre pineta di Fregene.

 

Costanzo Costantini
 

Titolo del:

Tags

Fregena, pineta di Fregene, il mare di Roma, lido di Fregene
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

La mummia del Titanic - Fantasie, maledizioni e premonizioni

di Claudio Bossi

Facciamo un salto al Cairo nell'anno 1910, due anni prima ...

La Storia dell'Ardito

di Giancarlo Poddighe

Le navi che hanno portato il nome di Ardito sono state quattro. ...

La bussola: un travagliato successo

di Fabrizio Fattori

La bussola, il cui none deriva dal legno di bosso, materiale con cu...

Cefalonia, due passi nell’azzurro del mar Ionio

di Junio Tumbarello

Cefalonia è tutto quello che potete immaginare della Grecia ...

Croazia, il Mediterraneo com'era una volta

Il paese vanta ben otto parchi nazionali

Il territorio della Croazia è una delle aree ecologicamente ...
Turismo e ormeggi
Villammare - Vibonati (SA)
Villammare è la maggiore frazione del comune di Vibonati, in provincia di Salerno.   Si trova sulla costa tirrenica al centro del Golfo di Policastro, lungo la SS 18. Dista circa 3,5 km da Sapri, 8 da Policastro, 15 da Scario e
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 09/07/2020 07:15

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI