Dalla Senna a Versailles, la Macchina di Marly - Report - NAUTICA REPORT
Report / Dalla Senna a Versailles, la Macchina di Marly
Dalla Senna a Versailles, la Macchina di Marly

Dalla Senna a Versailles, la Macchina di Marly

L'acqua per le fontane della Reggia

La macchina di Marly situata nell'odierno comune di Bougival nel dipartimento di Yvelines rappresenta il primo tratto di un sistema idraulico costruito per prelevare l'acqua dalla Senna e portarla alla Reggia di Versailles e al castello di Marly.

 

Questa acqua era utilizzata soprattutto per alimentare le numerose fontane e giochi d'acqua della reggia.
 


 

Pierre Denis Martin - Vista della Macchina di Marly e dell'acquedotto a Louveciennes (1722)

 

L'acqua veniva innalzata fino a 163 metri rispetto al punto di prelievo (livello della Senna) attraverso tre condotte successive passando per due serbatoi intermedi ad altezze di 48 e 99 metri rispetto al punto di prelievo. La portata era compresa tra i 1500 e i 1800 m³/giorno.

 

Le quattordici grandi ruote idrauliche della macchina, ciascuna con un diametro di 12 metri, mosse dalla corrente della Senna, azionavano dei pistoni che come delle pompe fornivano l'energia all'acqua. Queste pompe erano in totale 221 ed erano disposte lungo il pendio secondo questa modalità: 64 al livello del fiume, 79 al primo serbatoio e 78 al secondo.
 

  
 

La Macchina di Marly - Foto da www.handelforever.com

 

Una tale realizzazione era eccezionale per l'epoca ed aveva anche dei grossi limiti tecnici infatti i pistoni non potevano reggere una pressione superiore ai 15 bar e per questo si ripartirono in tre successivi tratti ciascuno di 50 metri.

 

La macchina era dotata di dispositivi per evitare che il ghiaccio o le sostanze galleggianti sull'acqua potessero danneggiare le pale o i meccanismi della macchina.
 

  
 

Canalizzazione della Macchina di Marly a Louvenciennes

 

L'acqua effettuava la sua ultima salita nella torre di levante, alta 23 metri dell'acquedotto di Louveciennes, per poi percorrere 640 metri fino alla torre di Jongleur alta 12 metri per riversarsi nel serbatoio di Marly, detto della batteria, sulla collina del Cœur Volant che dominava la Reggia di Versailles da 33 metri.

 

Questa grande opera fu costruita dal vallone Rennequim Sualem, originario dell'antico principato di Liegi, sotto la supervisione dell'ingegnere capo del progetto nonché ideatore Arnold de Ville, anche lui di origine vallone.
 

  
 

Arnold de Ville capo del progetto e ideatore della Macchina di Marly - Foto da www.handelforever.com

 

Il cantiere cominciò nel 1681 e terminò il 16 giugno del 1684. Il de Ville propose all'allora re Luigi XIV tale soluzione per portare sufficiente acqua alla Reggia di Versailles e il sovrano accettò entusiasta. La macchina fu inaugurata dallo stesso re.

 

Tuttavia però la macchina era rumorosa e dalla gestione economicamente onerosa, essendo costituita essenzialmente da legno è andata deteriorandosi. Dopo che da vari anni si era smesso di manutenzionarla si procedette a smontarla definitivamente nel 1817.
 

  
 

La Reggia di Versailles, i suoi giardini e gli spettacolari giochi d'acqua - Foto mcguffin.altervista.org

 

A questo punto la macchina fu rimpiazzata da una macchina a vapore costruita da Cécile e Martin che tuttavia continuava ad avere costi troppo alti e fu così che nel 1859 si realizzò una terza macchina idraulica che sarebbe rimasta in funzione fino al 1968, quando il crescente bisogno di acqua richiese la definitiva sostituzione della macchina con una serie di potenti pompe elettriche.

 

Leggi anche: L'acqua del Re Sole

 

In copertina foto di Welcome to all and thank you for your visit ! ツ da Pixabay 
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Eugène Cornu, architetto di ''Stelle''

Nel 1943 progettò il famoso Bélouga

Eugène Cornu è stato un architetto navale francese, n...

La leggenda dell'El Dorado

Lo Zipa di Guatavita cosparso di polvere d'oro si tuffava nella laguna

La laguna di Guatavita è un lago situato...

Viaggio in Vietnam e Cambogia - Ha Long: una baia indimenticabile

di Fabrizio Fattori

A pochi chilometri da Hanoi, nel golfo del Tonchino, si trova una t...

HMS Belfast e il convoglio artico

di Tealdo Tealdi

Non sono molte le navi militari partecipanti alla II° Guerra Mo...

Hans Langsdorff marinaio prussiano

di Fabrizio Fattori

Le guerre spesso sono lo scenario di atrocità inutili e grat...
Turismo e ormeggi
Porto Cesareo (LE) - Un porto naturale nella costa salentina
Porto Cesareo grazie al suo "Porto naturale" che si affaccia sull'Isola Grande, detta anche Isola dei Conigli è uno dei più bei posti della costa salentina.   Essa dista solo 500 m dalla costa ed è
Fonte: parks.it e Nautica Report
Titolo del: 29/07/2021 07:40

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI