60 anni di Costa Smeralda - Report - NAUTICA REPORT
Report / 60 anni di Costa Smeralda
60 anni di Costa Smeralda

60 anni di Costa Smeralda

Nascita e sviluppo di una delle localitÓ turistiche piu famose al mondo

Tra le località turistiche più note in Sardegna e nel mondo, spicca senza dubbio la Costa Smeralda, così chiamata per il suo mare color smeraldo.

 

L'idea di far nascere la Costa Smeralda cominciò a prendere forma verso la fine degli anni Cinquanta e l'inizio degli anni Sessanta, quando un gruppo di industriali e di finanzieri internazionali decise di acquistare numerosi terreni sul mare nel comune di Arzachena e di Olbia nel nord della Gallura.
 

 

Questi territori, bellissimi in un mare puro e incontaminato, attirarono l'attenzione del principe KARIM AGA KHAN IV, ventiduenne, studente all'università americana.

 

Karim Aga Khan IV

Il principe ed i suoi amici, acquistarono, in brevissimo tempo, oltre tremila ettari adiacenti il mare gallurese.

 

Su questi territori sorsero ben presto degli alberghi, i primi in assoluto entrarono in funzione già nel 1963 e nel 1964, dando vita ad una espansione urbanistica che non si sarebbe arrestata e ad uno sviluppo economico dell'intero nord Sardegna (Gallura).

 

Nella costruzione della Costa Smeralda si cercò il più possibile di tutelare il paesaggio, considerato il bene più prezioso da proteggere.

 

Furono create delle regole ben precise da rispettare affinchè questo ambiente rimanesse "perfetto" e libero da ogni capriccio dettato dalle esigenze prettamente mondane e passeggere.
 

  
 

La piazzetta di Porto Cervo foto dall'articolo del www.iljournal.it 

 

Possiamo ricordare alcune di queste particolari norme per comprendere meglio il fenomeno COSTA SMERALDA:

 

- tutte le condotte, elettriche, telefoniche devono essere sotterranee;
 

- in tutto il territorio della Costa Smeralda sono proibiti cartelloni pubblicitari di qualsiasi tipo;
 

- sono assolutamente proibiti i campeggi e specificatamente la sistemazione di tende, roulottes e simili.
 

  
 

Porto Cervo in costruzione

 

Inoltre, sempre per proteggere e per tutelare il territorio e l'ambiente naturale, fu proibito piantare molti tipi di piante, fra cui l'eucalipto, le palme di alto fusto, il pino di qualsiasi varietà, il pioppo euroamericano ed il salice piangente, per evitare l'introduzione di piante che ricordassero paesaggi utopistici e paradisiaci e che non fossero in linea con l'ambiente originario della costa gallurese.

 

La capitale della Costa Smeralda è Porto Cervo, cuore pulsante di questo splendido luogo, da molti chiamata la città invisibile, architettonicamente parlando fatta prevalentemente di archi e di pietre, usati come ornamento, che si sostengono a vicenda.
 

  
 

Costa Smeralda - Cervo Hotel 

 

I suoi simboli sono tre alberghi che da sempre rappresentano la Costa Smeralda:

 

Cervo Hotel , l'hotel Pitrizza e l'hotel Cala di Volpe, sedi esclusive per un turismo di elite.

 

In copertina Foto di Peter Müller da Pixabay 
 

Titolo del:

Tags

Sardegna, anni 50-60, Arzachena, Olbia, Gallura, KARIM AGA KHAN IV,
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Capo Leeuwin, il mistero della ''Leonessa''

La punta pi¨ a sud-ovest dell'Australia

Capo Leeuwin è la punta più a sud-ovest dell'Aust...

Dal blues allo spazio: Alan Lomax, l'uomo che registr˛ il mondo

Con il padre John la grande ricerca culturale del Sud degli Stati Uniti

Tutto il blues nasce e si sviluppa in seguito alla schiavitù...

Lancastria: una tragedia dimenticata

di Tealdo Tealdi

Lancastria. Nessuno ricorda questa nave da crociera varata nel 1922...

La mania dei tulipani

Dal 1636 i bulbi di tulipano vennero scambiati in borsa

La storia del tulipano affonda le radici non in Olanda, bensì...

Violet Costance Jessop: quando si dice aver fortuna

di Fabrizio Fattori

Avere la fortuna dalla propria parte, averne ripetuta certezza, sap...
Turismo e ormeggi
Costa degli Infreschi e della Masseta (SA)
Viaggio in uno degli ultimi paradisi d'Italia
Siamo sulla costa che va dalla Torre dello Zancale (Marina di Camerota) a Scario nel Golfo di Policastro.   Macchia mediterranea, oliveti, vigneti, il tutto lambito da un mare che, secondo gli orari, assume gradazioni di verde diverse
Fonte: hermes.campania.it e Nautica Report
Titolo del: 30/05/2020 07:05

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI