Navigare pescando - Pesca sportiva - NAUTICA REPORT
Pesca sportiva / Navigare pescando
Navigare pescando

Navigare pescando

Il settore dei natanti è sostenuto anche dalla diffusa e crescente passione per la pesca sportiva . Un fisherman, o più semplicemente una barca che si adatti alla pesca, è tra i sogni di molti diportisti che possono esplorare il segmento di mercato più rappresentativo dei "pescasportivi", ovvero i natanti tra i 6 e i 10 metri.
 

LE SPECIALITA'
 

Il bolentino, la traina e il drifting sono le tre grandi specialità della pesca dalla barca. Una buona barca da pesca deve essere in grado di assecondare l'azione del pescatore in queste tre discipline molto diverse tra loro.
 

Il bolentino
 

E' una tecnica che consente nel calare lenze piombate su fondali rocciosi e popolati di pesce, precedentemente individuati.

L'azione di pesca si svolge con la barca ancorata o, più raramente, a scarroccio. Si distingue in bolentino leggero,se l'azione di pesca si svolge su profondità di 10/20 m circa; in bolentino medio, su fondali e secche che vanno dai 20 ai 60 m; in bolentino di profondità, che si svolge su fondali molto impegnativi, che possono superare i 300 m di profondità e hanno bisogno di attrezzi specifici come mulinelli elettrici e lenze particolari.
 

La traina
 

E' basata sul trascinamento di una o più esche con la barca in movimento. Si utilizzano canne corte e robuste, con mulinelli specifici solitamente alloggiate nele murate in appositi reggicanne. E'un sistema complesso e ricco di variabili e va distinto in traina leggera, quando si svolge in superficie e sottocosta; in traina media, quando si svolge in un più ampio raggio di mare con le lenze in superficie o in profondità; in traina d'altura, quando la pesca è rivolta ai grandi pelagici in mare aperto. In particolare la traina di profondità, che negli ultimi anni si è sviluppata per effetto delle prestigiose catture che possono derivarne, richiede vari adeguamenti tecnici per l'affondamento delle lenze e per la perfetta conoscenza dei fondali su cui deve essere praticata.
 

Il drifting
 

Si è diffuso negli ultimi anni a partire dall'Adriatico, dove sono state individuate significative concentrazioni di tonni ed altre specialità pelagiche. Nel drifting la barca, condotta in zona di pesca, viene ancorata o tenuta in lento scarroccio. Per un tempo significativo viene svolta la pasturazione, con la quale si richiamano in scia i grandi pelagici. E' una tecnica paziente e accurata, che richiede grandi quantità di pastura per il richiamo delle prede e si svolge in mare aperto con attrezzi simili a quelli impiegati nella traina d'altura.

 

 

Un dentice pescato alla traina nelle acque del Cilento. La presenza di questo pesce pregiato è purtroppo sempre più rara nei nostri mari.



 

 

 

 

 

 

foto di Rosario Concilio

 

 

 

 

 

Costruite negli Stati Uniti, le prestigiose barche Hatteras sono delle perfette fishing-machine

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

La pesca a giugno

Supponendo che l'estate sia arrivata che le giornate siano lunghissime e che le nos...

La pesca a maggio

La primavera avanza velocemente e nelle belle giornate soleggiate le temperature ci ric...

La pesca a marzo

Secondo la nostra esperienza, (normalmente) questo è il mese peggiore per l...

La pesca a febbraio

In questo mese, normalmente, le perturbazioni si alternano con ritmo continuo portando ...

La pesca a gennaio

Anno nuovo, vita nuova. Però sul fronte pesca questo non porta grossi cambiament...
Turismo e ormeggi
Il Delta del Po (RO)
Per delta del Po si intende il sistema idraulico di diramazioni fluviali attraverso cui il fiume Po sfocia nel mare Adriatico.    Esso è costituito quindi, in primis, dall'insieme di questi rami fluviali e, per estensi
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 02/06/2020 07:25

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI