Capo di Buona Speranza: nel mito dell'Olandese Volante - Report - NAUTICA REPORT
Report / Capo di Buona Speranza: nel mito dell'Olandese Volante
Capo di Buona Speranza: nel mito dell'Olandese Volante

Capo di Buona Speranza: nel mito dell'Olandese Volante

Il capo di Buona Speranza (in portoghese: Cabo da Boa Esperança) è l'estremità meridionale della penisola del Capo, in Sudafrica. Tradizionalmente, ma erroneamente, viene considerato come il punto più a sud del continente africano e come punto di separazione tra l'Oceano Atlantico e l'Oceano Indiano; in realtà, entrambi i primati spettano a capo Agulhas.

 

La regione attorno al capo è una riserva naturale chiamata Cape of Good Hope Nature Reserve, costituita da circa 7700 ettari lungo 40 km di costa. Creata nel 1938, la riserva ospita numerose specie di uccelli, in particolare struzzi, antilopi, gnu, facoceri e babbuini; il tipo predominante di flora è il tipico fynbos della zona del capo.
 


 

Foto di falco da Pixabay 

 

Il capo di Buona Speranza è costituito essenzialmente da una spiaggia di ciottoli. Poco più a nordest si trova il punto più elevato di Cape Point, raggiungibile in funicolare (dal nome simbolico di Flying Dutchman, ovvero Olandese volante, il mitico vascello fantasma che solcava i mari settecenteschi e ottocenteschi senza meta), che svolge il ruolo di "luogo simbolo" e attrazione turistica "facendo le veci" del vero e proprio capo, meno appariscente.

 

A Cape Point c'è un grande ristorante panoramico, il Two Oceans Restaurant, e due fari. Il faro più antico fu attivo dal 1860 al 1919 ma, a causa della sua posizione eccessivamente elevata, risultò spesso inefficace a causa della nebbia non infrequente della zona. Tutta la zona del capo di Buona Speranza e di Cape Point è abitata da grandi comunità di babbuini.
 


 

Foto di Sharon Ang da Pixabay 

 

Al "capo" si riferiscono numerosi toponimi della zona. Talvolta l'espressione "capo di Buona Speranza" viene utilizzata per riferirsi all'intera penisola del Capo, o alla Colonia del Capo, o all'interna provincia del Capo (oggi suddivisa in provincia del Capo Occidentale, provincia del Capo Orientale e provincia del Capo Settentrionale).

 

Storia del capo di Buona Speranza

 

Il capo di Buona Speranza fu raggiunto per la prima volta dal navigatore portoghese Bartolomeo Diaz nel 1487, che lo chiamò "capo delle tempeste"; ma fu Vasco da Gama, nel 1497, a portare a termine per la prima volta il tragitto verso le Indie.
 

  
 

La rotta di Vasco da Gama nel 1497 verso le Indie

 

Della sua missione parla anche I Lusiadi, il poema epico di Luis de Camoes del 1572, in cui il viaggio dell'esploratore portoghese viene reinterpretato con riferimenti alla mitologia greca e romana. Nel poema, il capo diventa Adamastor, un gigante trasformato in roccia come punizione per il suo amore per Teti, la più bella delle Nereidi, di cui si era innamorato anche Peleo.

 

Il capo di Buona speranza fu sempre un luogo dal forte significato "simbolico", un vero finis terrae, reso ancora più suggestivo dalla violenza delle sue acque. Presso il capo, secondo la leggenda del XVII secolo, navigava eternamente l'Olandese volante, avendo giurato che avrebbe doppiato il capo anche a costo di navigare in eterno, ed essendo poi affondato prima di superare il promontorio.

 

In copertina foto di Robert Pastryk da Pixabay 
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Alain Bombard: ''Naufrago volontario''

65 giorni con plancton e acqua di mare

Alain Bombard (Parigi, 27 ottobre 1924 – Tolone, 19 luglio 20...

Charlie Bud Cowart: dal mare al cielo

di Fabrizio Fattori

Essere marinai predispone ad avventure negli oceani del mondo, in c...

Olymbos. La caduta degli dei

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Una certa ritrosia sospettosa ci teneva lontano da Olymbos. &q...

Le Caravelle con le bandiere controvento

L'errore scoperto da un capitano della marina

La prima e più famosa moneta d'argento coniata dalla Rep...

Sundarbans: mangrovie e tigri del Bengala

Nel delta del fiume Gange

Sundarbans è il nome attribuito alla più grande fores...
Turismo e ormeggi
Isola di Vivara - I. Flegree (NA)
L'isola di Vivara è una piccola isola del golfo di Napoli, appartenente al gruppo delle isole flegree e posta tra Procida, a cui è unita, e Ischia.
L'origine del nome Vivara, di cui è attestata altres
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 22/01/2022 07:15

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI