Mary Celeste: la nave fantasma - Report - NAUTICA REPORT
Report / Mary Celeste: la nave fantasma
Mary Celeste: la nave fantasma

Mary Celeste: la nave fantasma

Il 4 dicembre del 1872 fu avvistata, alla deriva, a vele spiegate, verso lo stretto di Gibilterra senza alcuno a bordo

La Mary Celeste era un brigantino canadese varato in Nuova Scozia, nel 1861, con il nome di Amazon. Il nome Mary Celeste venne adottato nel 1869. Fu trovata senza nessuno a bordo, alla deriva verso lo Stretto di Gibilterra nel 1872.

 

Cosa sia successo all'equipaggio è ancora oggi argomento di speculazione: vi sono varie teorie, dalla pirateria al maremoto, dall'ammutinamento ad una tromba d'aria. La Mary Celeste può essere considerata l'archetipo della nave fantasma.
 


 

Viaggio inaugurale

 

La Mary Celeste misurava 31 metri (103 piedi), l'intero brigantino stazzava 282 tonnellate. Fu costruita nel 1861, con il nome di "Amazon", nell'isola di Spencer, Nuova Scozia, il primo grande progetto portato a termine dalla piccola comunità lì presente.

 

Si è pensato che la nave fosse preda della sfortuna, poiché furono molte le disavventure.

 

Il suo primo capitano morì all'inizio del suo viaggio inaugurale; inoltre si scontrò con un'altra nave nella Manica.

 

Tuttavia, dopo questo esordio, il brigantino ha avuto molti anni di gloria per i suoi proprietari della Nuova Scozia, sino ad un brusca secca avvenuta durante una tempesta nella Baia di Glace, nel 1869, sempre in Nuova Scozia.

 

È stata salvata e successivamente rivenduta ad una compagnia statunitense, che apportò notevoli cambiamenti, cambiando il nome in Mary Celeste, nel 1869.

 

Viaggio senza ritorno

 

Il 7 novembre 1872, sotto il comando del capitano Benjamin Briggs, la nave imbarcò un carico di alcool industriale per conto della Meissner Ackermann & Coin e salpò da Staten Island, New York diretta a Genova. Oltre al capitano e ad un equipaggio di altri sette marinai, la nave aveva altri due passeggeri: la moglie del capitano, Sarah E. Briggs, e la sua figlioletta di appena due anni, Sophia Matilda.

 

Destino della nave

 

Il 4 dicembre 1872 il brigantino fu avvistato da un'altra nave, la Dei Gratia. La Mary Celeste si trovava tra le coste portoghesi e le isole Azzorre, ed era alla deriva a vele spiegate verso lo stretto di Gibilterra. Non vi erano segni della presenza dell'equipaggio a bordo.
 

Un gruppo di marinai della Dei Gratia fu inviato a bordo. La Mary Celeste era deserta: l'equipaggio era scomparso. La nave era in discrete condizioni, anche se era completamente grondante d'acqua. Solo una delle pompe era in funzione, e nella stiva vi era fino ad un metro d'acqua. Alcune delle sue vele erano strappate.

 

La bussola era rotta, il sestante ed il cronometro marino mancavano e la sua unica scialuppa era mancante e sembrava essere stata intenzionalmente messa in mare piuttosto che strappata via da una tempesta, il che lasciava pensare che la nave fosse stata deliberatamente abbandonata.

 

Il carico di 1701 barili di alcol era intatto, anche se, una volta a Genova, si scoprì che nove barili erano vuoti. A bordo vi erano ancora scorte di acqua e di cibo per sei mesi. La maggior parte delle carte di bordo mancavano. Le ultime annotazioni rimaste riferivano che la nave era giunta in vista di Santa Maria delle Azzorre il 25 novembre.

 

Il brigantino fu condotto in porto a Gibilterra dagli uomini della Dei Gratia e successivamente sequestrato dai funzionari inglesi.

 

Sorte dell'equipaggio

 

Nessuno degli uomini scomparsi dalla Mary Celeste fu mai ritrovato, né si seppe mai cosa accadde loro. Nel 1873 furono segnalate due scialuppe di salvataggio nell'entroterra spagnolo, una avente una bandiera americana a bordo, l'altra contenente cinque corpi. Tuttavia questi corpi non sono mai stati identificati.
 


 

Teorie sulla scomparsa

 

Sono state proposte innumerevoli teorie per spiegare la misteriosa sparizione dell'equipaggio, dalle più concrete riguardanti l'ammutinamento e la pirateria fino a quelle fantastiche concernenti alieni e mostri marini.

 

Alcune delle teorie più plausibili si basano sulla presenza dei barili di alcool a bordo.

 

Teoria di Conrad Byers

 

 
Benjamin Briggs

Lo storico Conrad Byers ha ritenuto probabile che il capitano Briggs - che non aveva mai trasportato un carico così pericoloso - avesse ordinato di tenere aperti i portelli della stiva, con la conseguente fuoriuscita di vapori dal carico di alcool.

 

Briggs avrebbe creduto che la nave fosse sul punto di esplodere, e avrebbe ordinato all'equipaggio di calare in tutta rapidità la scialuppa, che sarebbe stata però legata malamente alla Mary Celeste.

 

La successiva rottura della cima per un cambiamento del tempo potrebbe spiegare la scomparsa della scialuppa stessa. I naufraghi, sperduti nell'oceano, sarebbero morti di fame e sete.

 

Anche Brian Hicks e Stanley Spicer hanno recentemente sostenuto una teoria analoga.

 

È stata proposta una revisione di questa teoria nel 2005 da parte dello storico tedesco Eigel Wiese. Su suo suggerimento, gli scienziati dell'Università di Londra hanno ricreato un modello su scala della nave, per verificare la teoria dell'esplosione causata dal vapore. Usando dei cubi di carta al posto del butano e del combustibile al posto dei barili d'alcool, è stata sigillata la stiva e il vapore ha acceso un fuoco.

 

La potenza dell'esplosione ha fatto saltare le protezioni della stiva agitando il modellino, che aveva pressappoco le dimensioni di una bara. L'etanolo brucia ad una temperatura relativamente bassa con un flash point di 13 °C. È sufficiente una scintilla minima, per esempio tra due oggetti di metallo che urtano l'uno con l'altro. Nessuno dei cubi di carta è stato danneggiato, neppure con segni di bruciatura.

 

Questa teoria potrebbe spiegare il fatto che il resto del carico sia stato trovato intatto. Il fuoco sarebbe stato violento, forse abbastanza per spaventare l'equipaggio e far calare in mare la scialuppa, ma le fiamme non sarebbero state sufficientemente calde da lasciare bruciature. Una cima trovata penzolante nell'acqua potrebbe rappresentare un indizio del fatto che la scialuppa sarebbe rimasta attaccata alla nave, nella speranza che l'emergenza passasse. La nave fu abbandonata con le vele spiegate, ed è noto che in quelle ore vi fu una tempesta. È possibile che la cima data volta alla scialuppa si fosse staccata per la forza di trazione della nave con le vele spiegate; una piccola imbarcazione in una tempesta non avrebbe avuto le stesse possibilità della Mary Celeste.

 

Altre teorie

 

Secondo alcuni, la colpa fu sempre dell'alcool, ma per una ragione differente: l'equipaggio avrebbe cercato di impossessarsi del carico, assassinando il capitano Briggs, per poi rubare la scialuppa.
 


 

Un'altra teoria suggerisce un possibile ammutinamento dell'equipaggio che avrebbe ucciso un tirannico Briggs e la sua famiglia per poi fuggire sulla scialuppa. Tuttavia, non sembra che Briggs fosse il tipo di capitano da provocare un ammutinamento. Il primo ufficiale Albert Richardson ed il resto dell'equipaggio avevano anch'essi un'ottima reputazione.

 

L'abbordaggio da parte di pirati è reso improbabile dal fatto che il prezioso carico fu ritrovato intatto.

 

Una tromba d'acqua

 

Altra possibile spiegazione avanzata sarebbe quella di una tromba d'acqua, una tempesta simile ad un tornado; in tal caso, la nave avrebbe potuto dare l'impressione di affondare - il che spiegherebbe perché era letteralmente grondante d'acqua quando fu scoperta dalla Dei Gratia - e il panico di massa tra l'equipaggio durante un simile evento potrebbe spiegare, ad esempio, la bussola rotta e la scialuppa mancante. Un'ulteriore teoria riguarda un maremoto che avrebbe spinto l'equipaggio ad abbandonare la nave; tuttavia, i marinai sono generalmente d'accordo nel considerare l'abbandono della nave come una misura del tutto estrema.

 

Tra le altre teorie avanzate, un'altra riguarda un caso di avvelenamento collettivo da ergot, che avrebbe potuto portare l'equipaggio a saltare in mare: tra i sintomi dell'avvelenamento, infatti, vi possono essere allucinazioni e psicosi. Il fungo avrebbe potuto infettare il pane di bordo. Tuttavia, i marinai della Dei Gratia che ricondussero la nave in porto dopo il ritrovamento non ne furono colpiti.

 

Una recente indagine dello Smithsonian propone la tesi secondo la quale Briggs si sarebbe ritenuto molto vicino alle Azzorre durante una tempesta e, con una pompa fuori uso, avrebbe abbandonato la nave per raggiungere la terraferma.

 

Carteggi di Abel Fosdyk

 

Più di 40 anni dopo il ritrovamento della Mary Celeste furono pubblicati sullo Strand Magazine carteggi e documenti appartenenti - si diceva - al deceduto Abel Fosdyk, che sarebbe stato un passeggero segreto sulla nave. Secondo Fosdyk, un giorno, dopo un'allegra disputa a bordo sulla possibilità di nuotare completamente vestiti, il capitano Briggs e altri membri dell'equipaggio si sarebbero tuffati in mare, mentre la moglie e la figlia di Briggs, Fosdyk e altri membri dell'equipaggio si sarebbero affacciati ad un piccolo ponte speciale appositamente costruito per vedere quanto accadeva.

 

All'improvviso, degli squali avrebbero assalito i nuotatori; i restanti membri dell'equipaggio sarebbero corsi ad affacciarsi al parapetto, causando il crollo del ponte speciale in mare. Fosdyk, atterrato su un pezzo di ponte, fu l'unico a scampare alla morte; impossibilitato a raggiungere la nave, sarebbe andato alla deriva per molti giorni fino ad essere trasportato dalla corrente sulle coste dell'Africa. Timoroso di non essere creduto, non avrebbe rivelato a nessuno la sua storia durante la sua vita.
 


 

Gli eventi riportati nei documenti di Fosdyk (se davvero una persona con questo nome è esistita) sono considerati inattendibili, per le seguenti ragioni:
 

Non c'era alcun motivo per avere un passeggero segreto a bordo - se non quello di fornire una comoda spiegazione per la sua assenza nei registri della nave.
 

L'incidente descritto è del tutto improbabile, dato che l'equipaggio era costituito per lo più da uomini esperti, e che non fu trovata alcuna traccia della costruzione e/ o del crollo del ponte speciale.

 

Fosdyk riporta che la Mary Celeste era una nave da 600 tonnellate, mentre in effetti il tonnellaggio era molto minore.

 

Secondo i carteggi l'equipaggio era inglese, invece era formato da americani e tedeschi (più un danese, il secondo ufficiale) - un errore molto improbabile per chi avesse avuto a che fare quotidianamente con loro.

 

Infine, la versione di Fosdyk non spiega la mancanza della scialuppa, dei documenti di bordo e degli strumenti di navigazione.

Equipaggio
 

Nome Status Nazionalità Età
Benjamin S. Briggs Capitano americano 37
Albert C. Richardson Aiutante americano 28
Andrew Gilling Secondo aiutante Danese 25
Edward W Head Amministratore e cuoco americano 23
Volkert Lorenson Marinaio tedesco 29
Arian Martens Marinaio tedesco 35
Boy Lorenson Marinaio tedesco 23
Gottlieb Gondeschall Marinaio tedesco 23


Passeggeri
 

Nome Status Età
Sarah Elizabeth Briggs Moglie del capitano 30
Sophia Matilda Briggs Figlia del capitano 2


Nella nave era anche presente una gatta, anch'essa sparita.

 

 

Leggi anche: Mary Celeste: il caso è ancora aperto di Tealdo Tealdi

 

M.C.

 

Titolo del:

Tags

brigantino canadese, Nuova Scozia, Amazon, Stretto di Gibilterra, 'isola di Spencer, capitano briggs
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Van Rietschoten, l'Olandese Volante

L'unico skipper ad aver vinto il giro del mondo per due volte

L'unico skipper ad aver vinto due volte il massacrante giro del...

La Lanterna: la Superba dei Mari

La prima torre risale all'epoca medioevale (1128)

La Lanterna di Genova è il faro portuale del capoluogo ...

Galata - Museo del Mare di Genova

Il museo dedicato al mare il pi grande dell'area del Mediterraneo

Il Galata - Museo del Mare di Genova è il museo dedicato al ...

America's Cup. Thomas Lipton, il pi grande e instancabile perdente

di Mario Scialoja

Shamrock III, di nuovo progettato da Fife, ha un’ottima veloc...

Il Museo delle Navi Romane di Nemi: la Casa di Caligola

Il Museo rappresenta un centro fondamentale per il consolidamento del rapporto con il t...
Turismo e ormeggi
Porto di Calasetta: un paradiso di approdo nell'isola di Sant'Antioco
Un 'isola nell'isola, un paradiso nel paradiso. Si chiama Sant'Antioco, si trova nel Sud della Sardegna, il suo territorio si compone di due paesi e un mare di natura, storia, cultura, ottima cucina. Meraviglie tutt
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 16/09/2019 06:50

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI