Il Leone di Caprera, nel 1880 da Montevideo a Livorno in 250 giorni - Barche e Navi d'Epoca - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
La Laguna di Grado (GO)
La laguna di Grado è una laguna situata nell'Alto Adriatico che si estende da Fossalon di Grado fino all'isola di Anfora, all'altezza della foce dei fiumi Ausa e Corno.
  La laguna, che occupa una superficie di
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 26/05/2019 07:20
Barche e Navi d'Epoca / Il Leone di Caprera, nel 1880 da Montevideo a Livorno in 250 gior...
Il Leone di Caprera, nel 1880 da Montevideo a Livorno in 250 giorni

Il Leone di Caprera, nel 1880 da Montevideo a Livorno in 250 giorni

La traversata epica di Vincenzo Fondacaro, Orlando Grassoni e Pietro Troccoli con una baleniera di nove metri.

Il Leone di Caprera è una goletta di 9 metri di lunghezza, di tre tonnellate di stazza, armata di due alberi, costruita nel 1879 dal maestro d'ascia Luigi Briasco di Montevideo. Fu così chiamata in onore di Giuseppe Garibaldi, l'esule di Caprera.

 

Le caratteristiche di costruzione e armamento fanno del Leone di Caprera un esemplare unico. Il capitano dell'imbarcazione così lo descrive:
 


 

Il "Leone di Caprera" in Galleria  a Milano in occasione del 150° dell'Unità d'Italia

 

« È costruito in legno di cannella, algarrobo, noce, pino bianco d’America; la coperta è a doghe larghe un pollice e mezzo, alternate fra noce e pino, tutto inchiodato e foderato in rame, ed ornato in bronzo: insomma è fatto artisticamente col disegno di darlo a qualche museo navale d’Italia e non già per uso di mare. »

Vincenzo Fondacaro. Diario di bordo

 

Si tratta di un'imbarcazione da diporto a vela, del tipo baleniera. È costruita in legno a fasciame longitudinale di algarrobo e con fasciame interno parziale. Le strutture sono in massello di algarrobo, con chiodame in rame. Il ponte di coperta è realizzato in doghe di noce, pino bianco e cannella.

 

All'interno sono presenti due cilindri di rame sigillati, destinati a fungere da ausili al galleggiamento, in caso cedimenti del fasciame. Le dimensioni sono: 9 metri di lunghezza per 2,30 di larghezza, puntale di 110 centimetri circa. L'altezza di costruzione a prua è di circa 160 centimetri.
 


 

Il Leone di Caprera in una riproduzione grafica - Da thalassa.blog.rainews.it

 

Un'imbarcazione da primato

 

A renderla famosa è stata proprio l'impresa navigatoria da lui sognata di compiere, con tre uomini di equipaggio, la traversata atlantica dall'Uruguay all'Italia nel 1880, un vero primato della marineria, per una imbarcazione di quelle dimensioni.

 

La traversata, iniziata da Montevideo il 3 ottobre 1880, raggiunse prima Las Palmas il 9 gennaio 1881, poi Gibilterra il 23 gennaio per concludersi a Livorno il 9 giugno 1881.

 

Realizzazione

 

La goletta fu costruita tra numerose difficoltà, con finanziamenti di immigrati italiani in Uruguay ed Argentina per iniziativa di Vincenzo Fondacaro, originario di Bagnara Calabra (RC), di Orlando Grassoni, di Ancona, e di Pietro Troccoli di Marina di Camerota (SA).

 

Equipaggio

 

L'equipaggio che compì la traversata era composto dai tre promotori. Questi i loro nomi, accompagnati da brevi note biografiche:

 

Fondacaro (seduto al centro),
alla sua destra Orlando Grassoni e a sinistra Pietro Troccoli
in una foto del 1881
Lo schizzo fotografico
fu pubblicato anche dall'Illustrazione Italiana, Milano, 1881.

Vincenzo Fondacaro (Bagnara Calabra (RC) 1844 – Oceano Atlantico 1893). Emigrato in Inghilterra, aveva lavorato su navi mercantili, subendo, nel 1864, un naufragio. Negli anni successivi iniziò a progettare una traversata dell'oceano. Divenuto nel 1876 capitano della marina mercantile inglese, nel 1880 compì la traversata sul "Leone di Caprera". Il 30 maggio 1893 salpò da Buenos Aires per un'altra sfida che si sarebbe rivelata senza ritorno: nel mese di ottobre, infatti, il governo argentino ne annunciava la scomparsa in mare.  

 

Orlando Grassoni (Ancona, 1844 – Genova, 1901).

Marinaio con il padre, nel 1860 tentò di arruolarsi clandestinamente nelle camicie rosse di Garibaldi. Navigò in America, Australia ed Asia, subendo diversi naufragi.Nel 1874 conobbe Vincenzo Fondacaro partecipando, nel 1880, alla traversata dell'Atlantico sul "Leone di Caprera". Costretto in seguito all'emigrazione, morì a Genova nel 1901.

 

Pietro Troccoli (Marina di Camerota (SA) 1852 – Montevideo 1939). Era emigrato giovanissimo in Uruguay. Lavorando nei cantieri navali di Montevideo, vi conobbe Fondacaro, con il quale partecipò alla costruzione del “Leone di Caprera”. Al termine della traversata si recò a Caprera per consegnare a Garibaldi l'album con le firme degli italiani emigrati in Uruguay ed Argentina. Si stabilì quindi in Uruguay, dove si sposò ed ebbe nove figli. Morì a Montevideo nel 1939.
 


 

Il Leone di Caprera a Marina di Camerota - Foto da ilcilento.altervista.org

 

Per la traversata compiuta i tre membri dell'equipaggio furono decorati dal re con la medaglia d'oro.

 

Diario di bordo

 

La prima edizione del diario di bordo della traversata fu stampata nel 1881. Nel 1884 ne fu data una seconda edizione. Il diario ha conosciuto una ristampa nel 2002 (Vincenzo Fondacaro, Dall'America all'Europa. Viaggio attraverso l'Oceano. Giuseppe Galzerano editore, 2002)

 

Destino museale

 

L'imbarcazione non sfuggì al destino preconizzatole dal suo comandante e ideatore: subito dopo l'impresa, la goletta fu trasferita nel laghetto della Villa Reale di Monza.

 

Tutt'oggi proprietà del Comune di Milano - Museo del Risorgimento - Civiche raccolte storiche - è stata esposta, per un certo periodo, nel giardino del Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci.

 

La goletta è stata poi temporaneamente ospitata nell'allestimento museale ricavato dalla Grotta di Lentiscelle, presso Marina di Camerota.
 


 

Il Leone di Caprera a Marina di Camerota - Foto da ilcilento.altervista.org

 

Interventi di restauro

 

Il 23 marzo 2007, la nave è stata trasferita a Livorno, per essere sottoposta a restauro da parte dell'Associazione per il Recupero delle Imbarcazioni d'Epoca (ARIE), secondo un progetto approvato dall'Istituto Centrale per il Restauro. Il progetto di restauro conservativo-museale e i relativi interventi sono durati all'incirca 24 mesi, e hanno avuto luogo nella città toscana presso il cantiere specializzato 'Old Fashioned Boats'. Uno speciale Comitato tecnico-scientifico, nato in seno ad ARIE, ha coadiuvato l'Associazione durante tutto il periodo di restauro del cimelio. La Presidenza di detto Comitato è stata affidata allo Studio Faggioni di La Spezia che ha diretto il restauro con la propria esperienza.

 

Serena Galvani, presidente di ARIE, è stata impegnata nelle operazioni prima di recupero e poi di restauro del bene storico per oltre dieci anni: “Il progetto ha inteso recuperare una memoria storica poco conosciuta, che ha reso orgogliosa la storia della Marineria italiana. Dedico gran parte della mia vita alla salvaguardia delle imbarcazioni di valore storico, battendomi, con l'associazione ARIE per i loro restauri filologici, affinché la collettività possa conoscere le loro storie straordinarie. Il costante lavoro svolto in questa direzione ha consentito di ottenere dal Parlamento italiano nel 2003 un articolato di Legge, oggi inserito nelle “Leggi Quadro dei Beni Culturali”, che finalmente riconoscono le barche di valore storico come “Beni Culturali” a tutti gli effetti”.
 


 

Il Leone di Caprera nel Museo della Scienza e della Tecnica di Milano - Foto di Stefano Stabile 

 

Il restauro del Leone di Caprera ha beneficiato dell'alto Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, conferiti ad ARIE per il recupero di questo raro bene storico. Il Presidente della Repubblica Italiana, On. Giorgio Napolitano, con una lettera indirizzata a Serena Galvani, ha testimoniato il suo appoggio e sostegno all'operazione di ripristino del cimelio.

 

Il 9 giugno 2009 è tornato alla vita, a Livorno, esattamente 128 anni dopo il suo arrivo nella città toscana, avvenuto il 9 giugno del 1881. La cerimonia di presentazione del restauro completato si è svolta sulla banchina del Molo Mediceo antistante il Cantiere ove si sono svolti i lavori. Il “Varo Museale” del Leone di Caprera è stato presentato alle Autorità intervenute e alla Stampa da Giulio Guazzini, giornalista RAI, coadiuvato dal celebre skipper Cino Ricci.

 

Considerate le condizioni in cui versava, e nel pieno rispetto della volontà dei tre eroi che l'avrebbero voluto vedere esposto in un Museo, il Leone di Caprera è stato inserito in un progetto di restauro museale. Il futuro del cimelio non è infatti la navigazione, ma l'esposizione al grande pubblico presso una sede idonea che ne valorizzi il passato e l'importanza che questa imbarcazione rappresenta per l'Italia e per la Marineria nazionale.

 

Foto di copertina da www.barchedepocaeclassiche.it
 

Fonte: wikipedia e Nautica Report
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Bufeo Blanco, 1963

CUTTER MARCONI O BERMUDIANO

L’imbarcazione, costruita in fasciame di cedro, venne commiss...

Lone Fox, 1957

KETCH MARCONI O BERMUDIANO

Lone Fox è un ketch bermudiano costruito in fasciame di teak...

Kipawa, 1938

SLOOP MARCONI O BERMUDIANO

Kipawa, costruzione in legno numero 433 del cantiere norvegese Soon...

Lo schooner America. Lo storico yacht dal quale nacque la leggendaria competizione

America era il nome dello schooner che vinse il 22 agosto 1851 per la pr...

Capitan Lipari, 1947

KETCH MARCONI O BERMUDIANO

Capitan Lipari, costruita in quercia della Liguria, pino marittimo ...

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI