Sumurun, 1914 - Barche e Navi d'Epoca - NAUTICA REPORT
Barche e Navi d'Epoca / Sumurun, 1914
Sumurun, 1914

Sumurun, 1914

KETCH MARCONI O BERMUDIANO

Dal momento del varo questo ketch Marconi, un tempo armato a yawl aurico, ebbe vita intensa.

 

Nato come fast cruiser in fasciame di olmo e teak, su ordinate di quercia, fece base a Glasgow ed ebbe come primo proprietario il vice Commodoro del Royal Harvich Club.
 


 

Numerose le regate alle quali partecipò, tra cui quelle di Cowes del 1928, dove battè scafi come The Lady Anne e Moonbeam.

 

Negli anni Cinquanta navigò in Costa Rica con il nome di Erna.
 


 

Cambiò altri proprietari, finché l’americano Robert Tobwin lo sottopose a restauri presso il cantiere Beconcini della Spezia.

 

Rinominato Sumurun, nel 1984 vinse l’Atlantic Cup a Newport (Usa) e arrivò primo di classe all’Antigua Sailing Week.
 


 

Nel 1998 ha partecipato in Scozia alla prima edizione della Fife Regatta.

 

Nel 2002 e 2005 ha conseguito altre importanti vittorie alla Antigua Classic Yacht Regatta.
 


 

Il momento dell'impatto con Amorita - Nel video sotto il trailer del film "07.07.07: Amorita’s Unlucky Day"

 

Il 7 luglio 2007 a Newport durante la Robert H. Tiedemann Classic Yacht Regatta, Sumurun entrò in collisione con Amorita affondandola. La barca fui poi recuperata e restaurata. Nell'incidente non ci fu nessuna vittima.

 

Caratteristiche
 

Anno 1914
Cantiere WILLIAM FIFE & SONS (FAIRLIE – SCOTLAND)
Progetto WILLIAM FIFE III (FAIRLIE – SCOTLAND)
Lunghezza F.T. 28,60 m
Lung. al galleggiamento 20,80 m
Larghezza 5,10 m
Pescaggio 3,70 m
Dislocamento 86,7 tons
Superficie velica 301 m²

 

Titolo del:

Tags

Il 7 luglio 2007 ่ stato un bellissimo giorno di Newport e Amorita era pronta a gareggiare nella Regata di Yacht Classico Robert H. Tiedemann.
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Rainbow, 1934

SLOOP MARCONI O BERMUDIANO

Rainbow la J-Class disegnata da William Starling Burgess e cos...

Royono, 1936

YAWL MARCONI O BERMUDIANO

Il nome di questa imbarcazione, nata con il nome di Mandoo II, prog...

HMS Caroline al Titanic Belfast

Ultima nave superstite della battaglia dello Jutland

Il restauro di questa splendida nave è stato pensato per ess...

Bona, 1934

SLOOP MARCONI O BERMUDIANO

Una targa in pozzetto ricorda: “Bona, 8 Metri Stazza Internaz...

Lulworth, 1920

CUTTER AURICO

"Consumato dal tempo e dall'abbandono".   ...
Turismo e ormeggi
Santa Maria di Leuca (LE)
Tra muretti a secco, ville ottocentesche e scogliere da sogno
Il suo nome deriva dal greco: leucòs, ossia bianco. L'etimologia richiama il caratteristico biancore del suo ridente panorama.   Esposta a mezzogiorno, è racchiusa tra le ultime propaggini delle serre salentine term
Fonte: Porto di Leuca e Nautica Report
Titolo del: 16/11/2019 07:45

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI