Oiseau de Feu, 1937 - Barche e Navi d'Epoca - NAUTICA REPORT
Barche e Navi d'Epoca / Oiseau de Feu, 1937
Oiseau de Feu, 1937

Oiseau de Feu, 1937

CUTTER MARCONI O BERMUDIANO

Su richiesta di Ralph Hawkes, Charles E. Nicholson, Commodore del RORC (Royal Ocean Racing Club), disegnò uno yacht, più veloce dei suoi predecessori, per vincere gare offshore come la Fastnet.

 

Nel 1937 il cantiere Camper & Nicholson costruì Firebird X, le cui eleganti linee ricordavano l'eleganza della JI 12M offrendo però un confort adatto alla grande crociera.
 

 

Fino al 1939, la barca partecipò con successo a un buon numero di competizioni del RORC  come la Fastnet, e la settimana di Cowes. Dopo la guerra, diventò di proprietà di Hugh M. Crankshaw poi di J.E. Green che continuarono a mantenerla in alto alle posizioni di classifica, apportandole in dote le più belle vittorie.

 

Dal 1962 al 1973, appartenne a Pierre Cointreau, con il nome di Flame II, poi a Henri Rey con il nome di Vindilis II utilizzata principalmente in crociera.
 


 

1973 Michel Perroud rinomina la barca Oiseau de Feu


Fu nel 1973 che il suo nuovo proprietario, Michel Perroud, la chiamò con il suo nome originale, ma francesizzato in “Oiseau de Feu” regalandole dieci anni di stupende regate e crociere.

 

Nel 1983, la barca ruppe gli ormeggi durante una tempesta e affondò. Rimessa a galla, fu salvata con 6 mesi di restauro.



 

Oiseau de Feu - Il restauro su progetto di Guy Ribadeau-Dumas


Acquisita da Pierre Lembo nel1989, fu inviata a Saint-Malo per un restauro totale, ad opera dei più famosi carpentieri di barche del paese, presso il cantiere Labbé. Il ponte in pino fu rimpiazzato da fasciame in teak, tutte le parti danneggiate sostituite e ricostruiti gli interni in base all’epoca della barca.

 

L’architetto navale Guy Ribadeau-Dumas disegnò un nuovo e più sottile rig portando Oiseau de Feu  a 250m2 di tela sopravento e 550m2 sottovento. Il 6 novembre 1992, Oiseau de Feu ascese al titolo di Monumento Storico Francese. Dopo qualche stagione in Atlantico ritornò nel Mediterraneo continuando a essere in alto alle classifiche di quasi tutte le regate del circuito classico.
 


 

Oiseau de Feu - Les Voiles d'Antibes 2009


Dopo il 2007, il suo nuovoproprietario Jean-Philippe L’Huillier, donò alla barca una nuova giovinezza effettuando un importante restauro dal 2008 al 2009.

 

Attualmente, Oiseau de Feu è una delle imbarcazioni classiche regolarmente regatanti in tutto il Mediterraneo.

 

Caratteristiche

 

Architetto

Charles E. Nicholson

Cantiere

Camper & Nicholson, Gosport - UK

Anno di costruzione

1937 Ricostruzione 1991-1992 e 2008-2009

Rigging

Cutter Marconi

Lunghezza del ponte

20.74 metri

Lunghezza al galleggiamento

14.74 metri

Larghezza

3.96 metri

Immersione

2,96 metri

Airdraft

26.20 metri

Dislocamento

38 tonnellate

Surface Sails Around

186 m2

Wearing surface Sails

510 m2


 


 

Cabine
 

  • 1 cabina armatoriale con letto matrimoniale e bagno privato
  • 1 cabina ospiti con letto matrimoniale e bagno in comune
  • 1 cabina ospiti con due letti singoli e bagno in comune
  • 1 cabina marinaio con un letto matrimoniale e bagno privato
  • 1 cuccia con 2 letti singoli

www.facebook.com/OiseauDeFeuYacht
 

Titolo del:

Tags

Charles E. Nicholson, Ralph Hawkes, Firebird X, JI 12M, Pierre Cointreau, Flame II, Henri Rey, Vindilis, Michel Perroud, Pierre Lembo, Jean-Philippe L’Huillier
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Bona, 1934

SLOOP MARCONI O BERMUDIANO

Una targa in pozzetto ricorda: “Bona, 8 Metri Stazza Internaz...

Lulworth, 1920

CUTTER AURICO

"Consumato dal tempo e dall'abbandono".   ...

The Lady Anne, 1912

CUTTER AURICO

The Lady Anne, uno dei rari 15 Metri Stazza Internazionale ancora n...

Tuiga, 1908: vanto dello Yacht Club de Monaco

CUTTER AURICO

Nel 1908 Il re di Spagna Alfonso XIII, grande appassionato di mare,...

Sovereign, 1964

SLOOP MARCONI O BERMUDIANO

Sovereign è un 12 Metri Stazza Internazionale ...
Turismo e ormeggi
Otranto (LE) - ''Messaggero di Pace''
Otranto è un comune della provincia di Lecce in Puglia, situato sulla costa adriatica della penisola salentina.   Il capo omonimo, chiamato anche Punta Palascìa, a sud del centro abitato, è il punto geografico pi
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 14/11/2019 07:30

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI