Le barche dell'Avvocato - Barche e Navi d'Epoca - NAUTICA REPORT
Barche e Navi d'Epoca / Le barche dell'Avvocato
Le barche dell'Avvocato

Le barche dell'Avvocato

La grande passione di Gianni Agnelli per la vela

Tutti sanno della passione dell’Avvocato Giovanni Agnelli per la bella vita, per la sua Juventus, per le Ferrari e le corse d’auto e per la vela.

 

Una delle prime barche a vela fu Agneta che nel 1959 passò, dal primo proprietario Mr. Wiberg, nelle mani dell’uomo simbolo dell’industria italiana con la quale Agnelli disputò diverse regate veliche, godendosi l’esemplare per più di quindici anni.

 

 

Agneta - Credit photo Jacques Louvet

 

In seguito passò nelle mani di altri proprietari, che ne mantennero inaletrato lo splendore: La classe e l’eleganza di questa barca emergono in tutti i dettagli di stile che ne caratterizzano ogni centimetro.

 

Negli anni sessanta l’Avvocato, durante uno dei suoi numerosi viaggi negli USA, aveva avuto l’occasione di veleggiare persino sulla barca del Presidente JF Kennedy.

 



 

Gianni Agnelli in barca con JF Kennedy

 

Fu in quel periodo che gli venne l’idea di organizzare un consorzio italiano per lanciare la sfida alla Coppa America, ma quando rivelò le sue intenzioni agli amici d’oltre oceano fu vivamente sconsigliato visto che da noi la vela era ancora a livello primordiale.

 

Venti anni dopo, con la complicità di Cino Ricci e dell’architetto Vallicelli , convinse il presidente e fondatore dello Yacht Club Costa Smeralda, il principe Karim Aga Khan, a costruire la mitica Azzurra che nell’edizione della America’Cup del 1983 arrivò sino alle semifinali, battuta dall’invincibile Australia II che poi compì l’impresa di soffiare la coppa agli Americani.
 

  
 

Azzurra Coppa America 1983

 

Ma non solo la coppa America, all’Avvocato piaceva anche la crociera a patto di avere barche veloci. Si perché la bonaccia l’annoiava. A lui piaceva la barca sbandata con le vele cazzate per provare la brezza della velocità sull’acqua. Il suo sogno era battere il record di traversata atlantica, sicuro che in Oceano il vento non gli sarebbe mancato.

 

Nel 1988 si fece costruire l’Extra Beat un maxi yacht di 36 metri bellissimo ed anche veloce, ma non era la barca che lui sognava. Contattò allora German Frers, architetto argentino, molto conosciuto nel mondo della vela per aver realizzato barche velocissime e vincenti.
 

      
 

L'Extra Beat

 

Frers progettò uno scafo rivoluzionario e nel 1996 in Inghilterra varò lo Stealth. Una barca di 26 metri di lunghezza, costruita interamente in carbonio e con un albero di ben 36 metri. L’unico vezzo era la coperta rivestita in teak.

 

Il nome venne preso dai cacciabombardieri USA, invibili anche ai radar, e che erano verniciati di nero, così anche lo Stealth del mare fu realizzato con un look total black, scafo e vele comprese, in controtendenza rispetto alle precedenti barche che avevano colori molto vivaci.
 

  
 

Lo Stealth 1996 - Da www.giornaledellavela.com

 

L’Avvocato ed il suo equipaggio, in maggior parte, parteciparono a molte regate anche d’altura, ottenendo sempre risultati straordinari, anche perché all’epoca l’uso dei materiali compositi era molto raro e le doti di performance dello Stealth erano uniche ed inarrivabili per molti concorrenti.

 

Lo Stealth ha una coperta completamente piatta con gli osteriggi a filo, ed una tuga corta e squadrata che ricorda moltissimo il muso dell’aereo invisibile. Il pozzetto ampissimo grazie al baglio massimo arretrato offre un’abitabilità agli ospiti e facilita le manovre dell’equipaggio in regata. Dotato di volanti strutturali e doppia timoneria, ha un boma a forma di parallepipedo anch’esso in composito. L’armo è studiato appositamente per le regate tanto che non è previsto l’amantiglio, così che il boma, con la randa ammainata, deve essere appoggiato su un apposito sostegno.


  
 

Gianni Agnelli sullo Stealth con Luca Cordero di Montezemolo

 

Certamente questa barca resta tuttora una delle più belle ed innovative al mondo, tanto che molti progettisti si sono, non a caso, ispirati allo stealth per realizzare i propri disegni.

 

Forse l’Avvocato al timone non era uno skipper all’altezza di altri magnati della vela, ma sicuramente ha sempre avuto uno passione smodata per questo mondo ed è grazie a lui, se la penisola italica, ha potuto raggiungere traguardi importanti in questo mondo, prima appannaggio esclusivo di marinai di stirpe britannica o francofona.

 

Leggi lo splendido articolo ricordo di di Pietro Fiammenghi (Gianni Agnelli La Vela nel cuore 20 gennaio 2013)

 

Foto di copertina Gianni Agnelli nel 1975 sul "Capricia".
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

XVI raduno Vele Storiche Viareggio, la Versilia diventa capitale delle vele díepoca

Dal 14 al 17 ottobre 2021

Fervono i preparativi per il XVI Raduno Vele Storiche Viareggio, le...

Rijoro, 1947

SLOOP AURICO

Rijoro è un Wianno Senior, daysailer da regata con deriva mo...

Royono, 1936

YAWL MARCONI O BERMUDIANO

Il nome di questa imbarcazione, nata con il nome di Mandoo II, prog...

Lulworth, 1920: il restauro del secolo

CUTTER AURICO

"Consumato dal tempo e dall'abbandono".   ...

M/Y Madiz, 1902

ROYAL PATROL YACHT

Madiz è un grande yacht in acciaio costruito nel 1902 nei Ca...
Turismo e ormeggi
Area Marina Protetta Secche della Meloria (LI)
L'Area Marina Protetta Secche della Meloria, si trova nel bacino nord occidentale del Mediterraneo ed è situata a 3 miglia dalla costa livornese.
 
  La Torre della Meloria, da sempre meta delle gite d
Fonte: parks.it e Nautica Report
Titolo del: 25/09/2021 07:40

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI