Sundarbans: mangrovie e tigri del Bengala - Report - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Rapallo (GE)
Rapallo è un comune della provincia di Genova in Liguria.   La sua area urbana di riferimento si estende su tutto il suo golfo, comprendendo i comuni contigui di Santa Margherita Ligure e Portofino, ad occidente, e Zoagli ad or
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 24/05/2019 07:00
Report / Sundarbans: mangrovie e tigri del Bengala
Sundarbans: mangrovie e tigri del Bengala

Sundarbans: mangrovie e tigri del Bengala

Sundarbans è il nome attribuito alla più grande foresta di mangrovie del mondo.  

 

Si trova nel delta del fiume Gange e si estende su regioni appartenenti al Bangladesh e allo stato del Bengala Occidentale, in India.
 


 

Il delta del fiume Gange

 

Fa parte dell'UNESCO dal 1997, anche se la zona appartenente al Bangladesh e quella appartenente all'India sono elencati fra i Patrimoni dell'UNESCO con due nomi differenti (Sundarbans nel primo caso, Parco nazionale di Sundarbans nel secondo, che fa parte della lista fin dal 1987), anche se fondamentalmente essi sono semplicemente due parti della stessa foresta.

 

Le Sundarbans sono intersecate da una complessa rete di vie d'acqua soggette a maree, distese fangose e piccole isole di foreste di mangrovie adattate all'acqua salata, un ottimo esempio di processi ecologici ancora in corso.
 


 

Gli uccelli  delle Sundarbans

 

L'area è famosa per la sua enorme varietà di fauna; l'esempio più famoso è dato dalle tigri del Bengala, dette mangiatrici di uomini, ma vi si possono trovare anche numerose specie di cetacei, uccelli, cervidi, coccodrilli e serpenti.

 

La mattina del 15 novembre 2007 il Ciclone Sidr si è abbattuto sull'area causando almeno 1100 morti.
 


 

Le foreste di mangrovie delle Sundarbans

 

L'ecosistema

 

Le Sundarbans costituiscono un ecosistema complesso. Esse sono divise fra il Bangladesh (per il 62%) e l'India (per il restante 38%); a sud incontrano il golfo del Bengala, a est confinano col fiume Baleswar mentre a nord terminano in aree densamente coltivate. Il drenaggio naturale delle aree a monte del delta è impedito da argini artificiali e polder.

 

L'area totale delle Sundarbans è di poco più di 6.000 chilometri quadrati, dei quali oltre 4.100 di terreni asciutti e quasi 1.900 di acque (fiumi, canali, ecc.).

 


 

I fiumi delle Sundarbans

 

I fiumi delle Sundarbans sono un punto d'incontro fra l'acqua dolce (che proviene dal Gange) e l'acqua salata del golfo del Bengala.

 

In termini di biodiversità le Sundarbans non hanno eguali fra le altre foreste di mangrovie. La foresta ha anche funzioni protettive e produttive: la sua superficie costituisce il 51% delle foreste del Bangladesh, il 41% delle entrate derivanti dallo sfruttamento delle foreste e il 45% di tutto l'export di legname del paese (FAO 1995).
 


 

Pescatori nelle Sundarbans

 

Una grande quantità di industrie si basano sul legname ottenuto dall'ecosistema delle Sundarbans, mentre l'indotto generato dalla foresta costituisce un fondamentale introito per oltre mezzo milione di abitanti delle poverissime regioni costali del Bangladesh.

 

Oltre a questo, le Sundarbans sono una protezione naturale contro i cicloni che affliggono il paese.

 

Benché comunque le Sundarbans siano per la maggior parte libere di abitazioni umane e benché sia in vigore un accordo per la chiusura del 70% della foresta allo sfruttamento da parte della popolazione, passate ricerche hanno rivelato che ci sono stati notevoli cali delle due specie più "commerciali" di mangrovie, pari a quasi il 50% fra il 1959 e il 1985.
 


 

Le mangrovie delle Sundarbans

 

Inoltre, benché sia in vigore un altro trattato per il bando totale della caccia e della cattura di qualunque tipo di animale che non siano pesci o alcuni invertebrati, gli stessi studi denunciano che ci sia stato un notevole calo di biodiversità e una perdita di specie (in particolare 6 mammiferi e un rettile durante il XX secolo), oltre ad un calo della qualità ecologica dell'originaria foresta di mangrovie.

 

Le tigri

 

Le Sundarbans ospitano circa 700 tigri del Bengala (stima del 2004) Queste tigri sono famose per la quantità di uomini che uccidono: le stime variano da 20 a 80 persone l'anno.
 


 

Tigri del Bengala nel Sundarbans National Park

 

Esse sono le ultime mangiatrici di uomini rimaste sul pianeta, anche se non sono le uniche tigri che vivono a contatto con gli esseri umani: a Bandhavgarh, benché diversi villaggi siano situati a ridosso delle riserve dedicate alle tigri, una sola persona è storicamente stata attaccata da uno di questi grossi felini.

 

Il Sundarbans National Park

 

 

Visitare il Sundarbans National Park non è facile, anche per il timore che le guide locali hanno nell'inoltrarsi al suo interno. L'unico mezzo di trasporto per visitarlo è la barca, dopo di che ci si deve muovere fondamentalmente a piedi.
 


 

Barca turistica nel Sundarbans National Park

 

Non ci sono né strade né sentieri tracciati. Come punti di partenza per tentare di avvistare le tigri e gli altri animali tipici di questo affascinante ecosistema, sono da segnalare Hiron Point (Nilkamal) e Tin Kona Island.

 

Per chi volesse approfondire la sua conoscenza sul Sundarbans National Park
 

Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del:

Tags

delta del fiume Gange, Bangladesh, Bengala, India, Parco nazionale di Sundarbans
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Donoussa. Convocati dall'isola del Diavolo

Di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Più vado per mare, più lo capisco: nulla è cas...

L'anima dei grandi alberghi di mare e dei laghi. il Grand Hotel Miramare di Santa Margherita Ligure

Di Vittorio Pedrotti

Una storia affascinante di un Grande Albergo vicino a Portofino, a ...

Il Signor Ole - L’uomo che inventò il primo motore fuoribordo, Ole Evinrude

Dal romanzo di Luca Berretta

Ole e Bess Evinrude sono i protagonisti di una avventura nei primi ...

Le piscine di Parigi

di Fabrizio Fattori

Molte delle grandi metropoli del mondo devono il loro sviluppo ad u...

Olivier de Kersauson, la passione per gli oceani

Olivier de Kersauson de Pennendreff, nato 20 luglio 1944, è uno skipper francese...

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI