La riva sinistra del Gange. Varanasi ''Città Santa'' - Report - NAUTICA REPORT
Report / La riva sinistra del Gange. Varanasi ''Città Santa''
La riva sinistra del Gange. Varanasi ''Città Santa''

La riva sinistra del Gange. Varanasi ''Città Santa''

Per gli indù il fiume è sacro

È adorato dagli indù ed è personificato come una dea Devi, che detiene un posto importante nella religione induista.

 

Per gli Indù c'è la convinzione che effettuando il bagno nel fiume (in particolare in talune occasioni) si possa ottenere il perdono dei peccati e un aiuto per raggiungere la salvezza.
 


 

Foto di Javier Iborra da Pixabay 

 

Le abluzioni mattutine e serali sono normalmente effettuate presso alcune strutture dedicate costituite da scalinate che terminano nel fiume, dette ghats. Molte persone compiono lunghi viaggi per immergere le ceneri della cremazione dei loro familiari nelle acque del Gange; si crede che questa immersione possa far salire l'anima al cielo.
 

Numerosi luoghi sacri indù si trovano lungo le sponde del fiume Gange, tra cui Haridwar e Varanasi, la città più importante dell'induismo. Si ritiene che bere l'acqua del Gange farà sì che dopo l'ultimo respiro l'anima salirà al cielo.



 

Foto di Makalu da Pixabay 

 

Al Gange si fa riferimento nel Rig-Veda, la prima tra le scritture indù. Appare nel nadistuti (Rig Veda 10.75), che elenca i fiumi da est a ovest. Anche nel Rig Veda 6.45.31, la parola Ganga è accennata, ma non è chiaro se il riferimento è al fiume.

 

Gli induisti credono anche che la vita sia incompleta senza la balneazione nel Gange almeno una volta nella propria esistenza. Una buona parte delle famiglie indù tiene un flaconcino di acqua del Gange nella propria casa. Viene considerato prestigioso detenere l'acqua della Santa Ganga in casa, e in tal modo, se qualcuno sta morendo, sarà sempre in grado di bere la sua acqua.
 

  
 

Vishnu

 

Molti indù credono che l'acqua della Ganga possa ripulire l'anima di una persona da tutti i peccati passati, e che possa anche curare i malati.

 

Le antiche scritture ricordano che l'acqua del Gange porta le benedizioni dei piedi del Signore Vishnu; quindi la Madre Gange è anche conosciuta come Vishnupadi, che significa "proveniente dal piede di loto del Signore Supremo Sri Vishnu".
 


 

Foto di Tanuj Handa da Pixabay 

 

Alcune delle più importanti festività indù e raduni religiosi (intesi come culti) si celebrano qui. Varanasi ha centinaia di templi lungo le rive del fiume che vengono spesso inondati durante le piogge. Questa città, specialmente lungo le rive, è un importante luogo di culto indù e sede per la cremazione.

 

La mitologia indiana afferma che Ganga, figlia di Himavan, re della montagna, aveva il potere di purificare tutto ciò che toccava. Ganga veniva dal cielo e purificava il popolo indiano. Anche dopo il funerale, gli indiani spesso immergono i corpi dei loro morti nel fiume, ritenendo così di purificarli dai loro peccati.
 


 

Foto di Rajesh Balouria da Pixabay

 

Varanasi è la Città Sacra degli Induisti. Ogni Induista, almeno una volta nella sua vita, deve essersi recato a Varanasi e qui deve immergersi nel sacro fiume Gange almeno da 5 diversi ghats. I ghats sono delle rampe di scale di pietra che terminano all'interno dell'acqua del fiume. Ogni mattina all'alba, gli Indù iniziano a compiere dai ghats le proprie abluzioni. Il posto migliore per i turisti che vogliono assistere a queste cerimonie rituali è da una barca che risale il fiume.

 

Secondo l'induismo l'unico posto della terra in cui gli dei permettono agli uomini di sfuggire al samsara, cioè all'eterno ciclo di morte e rinascita, è la riva occidentale del Gange a Varanasi, perciò nel corso dei secoli milioni e milioni di induisti sono venuti a morire qui.
 


 

Foto di D Mz da Pixabay 

 

Ed è sempre a Varanasinel Gange che ogni Induista desidera che vengano sparse le proprie ceneri, perciò le pire per la cremazione ardono 24 ore su 24 ed ogni sera, al tramonto, i brahmini danzano tenendo in mano delle sculture di luce, mentre le centinaia di persone che assistono, da terra e dal fiume, affidano alla "madre Ganga" delle fiammelle che rappresentano i propri sogni.

 

Quanto più lontano la corrente porterà la propria fiammella, tanta più prosperità si avrà. Molte famiglie indù fanno di tutto per portare il proprio caro a essere cremato qui, quando i corpi arrivano in città si creano dei cortei per portare il defunto al ghat della cremazione. 
 


 

Foto di Rajesh Balouria da Pixabay 

 

Il corteo non è triste come lo possiamo immaginare noi occidentali, al contrario avanza a passo di marcia, con il ritmo scandito dal grido di alcuni che ripetono Ram Nama Satya Hey!, che vuol dire "Il nome di Dio è verità", mentre il coro risponde Satya Hey, Satya Hey, cioè "Verità, verità".

 

In copertina foto di Judith Scharnowski da Pixabay 
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il punto dove tutti i venti arrivano da Sud

di Tealdo Tealdi

Arrivare al Polo Nord a bordo di una nave mossa dall’energia ...

Donoussa. Convocati dall'isola del Diavolo

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

''Più vado per mare, più lo capisco: nulla &e...

''La Isabela'' il primo insediamento di Cristoforo Colombo

di Fabrizio Fattori

Toccare terra dopo mesi di incerta navigazione deve essere stato un...

Alexander Robertson & Sons, una storia tutta scozzese

Costruì il primo yacht di William Fife III

Alexander Robertson iniziò la riparazioni di barche nel 1876...

Il Rio delle Amazzoni

Il più grande fiume del mondo per volume d'acqua

Il Rio delle Amazzoni è un fiume dell'America meridional...
Turismo e ormeggi
Marina di Santa Maria Navarrese, l'approdo nella bellezza della costa di Baunei
La porta per l'incanto, la via di accesso per un paradiso terrestre unico, lastricato da oltre 40 chilometri di costa senza strade, senza un grammo di cemento, senza il fastidio dei colori artificiali. Solo natura, solo il bianco del calcare e
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 04/07/2022 08:00

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI