Bona Fide, 1899 - Barche e Navi d'Epoca - NAUTICA REPORT
Barche e Navi d'Epoca / Bona Fide, 1899
Bona Fide, 1899

Bona Fide, 1899

CUTTER AURICO

Il Five Tonner Bona Fide fu costruito in appena due mesi per l’armatore J. Howard Taylor, futuro armatore dell’8 Metri Stazza Internazionale Bona.

 

Nel 1900 vinse la medaglia d’oro nella classe Five Tons alle Olimpiadi di Parigi.

 


 

Successivamente fu abbandonato sul lago di Como per oltre un trentennio.

 

Nel 1999 il nuovo armatore, il notaio milanese Giuseppe Giordano, già proprietario di Cerida del 1938, lo trasferì presso il Cantiere Navale dell’Argentario di Porto Santo Stefano, in Toscana, fu sottoposto a un restauro durato tre anni.
 

  
 

Bona Fide - Foto da Cantiere Navale Dell'Argentario

 

Tra gli interventi effettuati anche la quasi integrale sostituzione del fasciame in mogano e di quasi 200 ordinate. Tornata in mare il 19 giugno del 2003, ha cominciato a vincere ai principali raduni di vele d’epoca del Mediterraneo.

 

Nel 2006 ha vinto il Panerai Classic Yachts Challenge (categoria Vintage) e nel 2010 il Prix du Yacht de Tradition de l’Année (Pyta).

 

Caratteristiche

 

Anno 1899
Cantiere CHARLES SIBBICK & CO. (COWES – UK)
Progetto CHARLES SIBBICK (COWES – UK)
Lunghezza F.T. 13,60 m
Lung. al galleggiamento   8,84 m
Larghezza 2,50 m
Pescaggio 1,86 m
Dislocamento 11,40 tons
Superficie velica 146 m²

 

Bona Fide 

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Royono, 1936

YAWL MARCONI O BERMUDIANO

Il nome di questa imbarcazione, nata con il nome di Mandoo II, prog...

Lulworth, 1920: il restauro del secolo

CUTTER AURICO

"Consumato dal tempo e dall'abbandono".   ...

M/Y Madiz, 1902

ROYAL PATROL YACHT

Madiz è un grande yacht in acciaio costruito nel 1902 nei Ca...

The Lady Anne, 1912

CUTTER AURICO

The Lady Anne, uno dei rari 15 Metri Stazza Internazionale ancora n...

Tuiga, 1908: vanto dello Yacht Club de Monaco

CUTTER AURICO

Nel 1908 Il re di Spagna Alfonso XIII, grande appassionato di mare,...
Turismo e ormeggi
Santa Maria di Leuca (LE)
Tra muretti a secco, ville ottocentesche e scogliere da sogno
Il suo nome deriva dal greco: leucòs, ossia bianco. L'etimologia richiama il caratteristico biancore del suo ridente panorama.   Esposta a mezzogiorno, è racchiusa tra le ultime propaggini delle serre salentine term
Fonte: Porto di Leuca e Nautica Report
Titolo del: 23/09/2021 06:50

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI