Del pepe ed altre spezie - Report - NAUTICA REPORT
Report / Del pepe ed altre spezie
Del pepe ed altre spezie

Del pepe ed altre spezie

di Fabrizio Fattori

Un adagio popolare conferisce al pepe, se posto in una particolare zona del corpo umano, una impareggiabile carica propulsiva.

 

E’ ciò che è accaduto intorno al XII secolo a seguito della nefasta iniziativa delle crociate. Il mondo occidentale entrò in contatto, più massicciamente che in passato, con la cultura araba ricavandone immense conoscenze sul piano matematico, medico, scientifico, astronomico e culturale in genere.

 

L’uso abbondante di spezie ed in particolare del pepe nelle pietanze quotidiane di quelle latitudini trasmigrò pari pari sulle mense occidentali suscitando enorme apprezzamento e divenendo in breve uno status symbol di potere e di ricchezza, al pari di innovativi tessuti come il velluto, il damasco, il taffetà o altri lussuosi oggetti come i tappeti e la gioielleria esotica.

 

Un sacchetto di pepe era un regalo degno di un sovrano al pari del più raffinato gioiello. Originarie dell’India e delle Molucche le spezie, come chiodi di garofano, il macis, la noce moscata, la cannella, concentravano in se non solo gusto e sapore ma anche una fantasiosa idea di esotismo paradisiaco.

 

  

 

La via della seta (rosso) e la rotta delle spezie (blu) nel 1453

 

Queste merci approdavano in Siria ed in Egitto grazie ai carovanieri locali, dopo aver attraversato l’oceano indiano e l’istmo di Suez, e da lì imbarcate su navi, prevalentemente veneziane, per poi essere smistate oltr’alpe. E’ facilmente immaginabile come viaggi così rischiosi e impegnativi gravassero pesantemente sul prezzo finale.

 

Per più di due secoli questo sistema riuscì a soddisfare la domanda in crescita esponenziale di queste merci, consentendo l’accumulo di enormi ricchezze. Ma con il crescere della domanda, proprio da parte di quella borghesia mercantile arricchitasi con i commerci e sempre più orientata ad imitare i consumi dei nobili e dei potenti, la filiera finì per risultare inadeguata.

 

A questa “crisi”, alimentata anche da pesanti tassazioni di transito all’origine, si rispose con iniziative di esplorazione geografica mirata a superare i percorsi consueti ed individuare rotte più dirette e redditizie grazie all’aumentata capacità di carico delle imbarcazioni. La ricerca della “via delle Indie” divenne un’ ossessione di tutti i naviganti del XV secolo.

 

Basti citare Cristoforo Colombo e Vasco da Gama. I portoghesi riuscirono a monopolizzare il commercio delle spezie con l’India, e  Colombo, convinto a sua volta di aver scoperto la rotta per le Indie, dovette “accontentarsi” di aver scoperto il “Mondo Nuovo”, con le sue incommensurabili ricchezze di oro ed argento.

 

Le spezie ed in particolare il pepe determinarono concretamente il passaggio dal medio evo all’era moderna ed in essa affievolirono la loro carica propulsiva lasciando spazio a tutto ciò di cui le nuove scoperte erano in grado a proporre, comprese essenze, altrettanto esotiche, come il tè, il caffè ed il cioccolato, cui il gusto mutevole dei tempi volse il proprio ragguardevole interesse.

 

Fabrizio Fattori

 

Leggi anche: Vasco da Gama e la rotta delle Spezie

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Virginie Hériot prima ''Madame de la Mer''

di Fabrizio Fattori

La marineria professionale ed amatoriale è stata connotata p...

Barcellona. storia, arte e movida

Barcino fu fondata da Amilcare Barca, padre di Annibale

Soprannominata Ciudad Condal o Ciutat Comtal (Città...

Uffa Fox, genio irresponsabile

Progettista di barche e grande appassionato di vela

Uffa Fox, (15 Gen 1898 - 26 Ottobre 1972) è stato un pr...

La Diga delle Tre Gole - Three Gorges Dam

Costruita sul Fiume Azzurro in Cina

La Diga delle Tre Gole, denominata anche "Progetto Tre Gole&qu...

Pitcairn, l'isola degli ammutinati del Bounty

Gli europei la scoprirono nel 1767

Probabilmente i polinesiani si insediarono, temporaneamente, su Pit...
Turismo e ormeggi
Isola del Tinetto - Porto Venere (SP)
L’isola del Tinetto si trova nel Mar Ligure, all’estremità occidentale del Golfo della Spezia; il suo territorio fa parte del comune di Porto Venere.   Dal 1997 l'isola del Tinetto, insieme alle altre isole Palm
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 19/01/2022 07:15

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI