Azimut 68: uno yacht cosmopolita - Yacht - NAUTICA REPORT
Yacht / Azimut 68: uno yacht cosmopolita
Azimut 68: uno yacht cosmopolita

Azimut 68: uno yacht cosmopolita

L’ultimo modello della collezione Flybridge di Azimut Yachts, l’Azimut 68, è uno yacht cosmopolita che mette al centro l’armatore, proponendo tre layout di interni diversi pensati per i diversi stili di vita a bordo. Attenzione anche alla sostenibilità con il combinato di fibra di carbonio e carena ottimizzata che permette consumi ridotti.

 

Azimut Yachts lancia in anteprima mondiale al Cannes Yachting Festival 2021 il nuovo modello della Collezione Flybridge, progettato in collaborazione con Alberto Mancini per gli esterni e Achille Salvagni per gli interni. Grazie a una conoscenza capillare del mercato e degli armatori provenienti da tutto il mondo, il cantiere ha progettato uno yacht di 21 metri che si adatta ai desideri dell’armatore contemporaneo, sempre più desideroso di soluzioni “su misura” anche su dimensioni di barca più contenute. 

 

 

Il primo dei tre layout disponibili è caratterizzato da un elegante salone all’ingresso del Main Deck, con la cucina in posizione defilata che è stata chiusa con una soluzione che abbina cannettato e plexiglass. Questa configurazione “Lanterna” conferisce privacy alla cucina, ma consente alla luce di fluire attraverso l'intero spazio creando un ambiente ampio e luminoso.

 

La seconda versione con la galley aperta è per gli armatori che preferiscono un ambiente meno formale. Eliminando la porta scorrevole, la cucina si apre direttamente sulla zona pranzo che, come nel layout Lanterna, può essere trasformata anche in una seconda area lounge.

 

 

L’ultima configurazione prevede la cucina all’ingresso del Main Deckper favorire un flusso immediato tra interno ed esterno mentre l’area living è più defilata verso prua. La scelta di avere la cucina all’ingresso consente di servire perfettamente la zona pranzo esterna e interna favorendo una maggiore convivialità. 

 

Alle tre differenti configurazioni di interni dell’Azimut 68 si aggiunge sempre un’area multifunzionale posta al centro del Main Deck che può diventare alternativamente uno spazio per il pranzo, per la conversazione o la lettura, o addirittura una piccola sala cinema, oltre all’area divani convenzionale.

 

 

Massima attenzione anche al tema della sostenibilità, con soluzioni concrete e pragmatiche. Sull’Azimut 68 l’utilizzo combinato della fibra di carbonio nelle parti superiori della barca con una propulsione pod consente una diminuzione dei consumi nonostante i generosi volumi della barca. Con lo stesso scopo è stata progettata la carena, frutto di un’ottimizzazione delleforme da cui conseguono migliori performance e il massimo piacere di navigazione. 

 

Per le linee esterne di Alberto Mancini porta avanti il percorso di evoluzione della collezione Flybridge con una sempre maggiore pulizia delle linee proponendo il linguaggio moderno – con riferimenti al car design − già introdotto con l’Azimut 78. Gli spazi interni e gli arredi esterni si caratterizzano per lo stile delicato ed elegante, con colori pastello e forme arrotondate, tipico di Achille Salvagni.

 

 

Interior design

 

Il design degli interni è stato progettato all’insegna della massima armonia stilistica, dove ogni singolo dettaglio – dall’ ambiente nel suo complesso fino agli elementi di arredo di piccole dimensioni −, è stato pensato dalla medesima mano per arrivare a realizzare così un progetto assoluto nel senso più vero de termine.

 

Achille Salvagni, che ha progettato gli ambienti interni, riporta sul nuovo 68 alcuni dei tratti tipici dei suoi più importanti progetti, come le linee morbide e curve, gli spazi ampi disegnati all’insegna di un concetto di convivialità informale e non ostentata e, infine, la grande pulizia dei tratti.

 

 

Tra i concetti fondamentali di questo ambizioso e originale progetto ci sono alcuni punti importanti, che distingueranno nettamente gli ambienti di questa imbarcazione dagli altri yacht di dimensioni simili. Il primo di questi, definitoLanterna dallo stesso Salvagni, è la soluzione adottata nel primo dei tre layout per conferire privacy alla cucina, consentendo comunque alla luce di fluire liberamente aumentando notevolmente la percezione dello spazio.

 

Soluzione importante e innovativa a livello di design, rappresenta l’inedita possibilità di chiudere un ambiente senza renderlo in nessun modo angusto: grazie a un gioco di cannettato verticale e plexiglass sono stati separati due ambienti in modo fisico ma quasi immateriale, perché non impattante a livello visivo. Poter chiudere la cucina mantenendola comunque integrata nell’ambiente rappresenta peraltro una possibilità assolutamente straordinaria su una barca di 68 piedi.

 

 

Un altro concetto fondamentale dell’interior design del nuovo Azimut 68 è senz’altro la trasformabilità e la multifunzionalità degli ambienti, particolarmente evidente nella zona giorno del Main Deck, strutturato su due livelli. In questa zona, grazie a due tavolini che possono essere abbassati e alla possibilità di integrare una seconda tv nella parete, è possibile creare due aree diverse e indipendenti tra loro. In questo modo una parte della zona giorno può essere per esempio pensata come un’accogliente zona cinema o videogiochi, provvista di sedute ampie e generose, aumentando le possibilità di fruire di questo spazio in modi diversi e innalzandone il livello di privacy.

 

Caratteristica importante degli interni è, poi, l’ampiezza degli spazi della zona notte, configurata per offrire quattro cabine e tre bagni di dimensioni decisamente generose (notevoli in altezza, ampiezza degli armadi e lunghezza dei letti), tanto che la quarta cabina dispone di letti a L e capiente armadiatura, elevandone notevolmente il livello di comodità.

 

 

Particolarità assoluta degli ambienti interni del 68 è, infine, la raffinata suite dell’armatore di un lusso naturale e non artificioso, e caratterizzata dalla possibilità di vivere questa zona all’insegna di un benessere vicino al moderno concetto di wellness. La parte del bagno che contempla la zona lavabo è stata infatti realizzata a vista, in comunicazione diretta con la suite, tanto che l’ambiente ricorda l’atmosfera di rilassatezza e serenità di una moderna e raffinata spa. A enfatizzare questo dialogo tra una parte della zona bagno (con porta scorrevole) e la suite, una parte del pavimento di quest’ ultima propone un effetto pietra, diverso dalla superficie soffice disposta intorno al letto.

 

La suite è stata arredata con un grande letto con effetto sospeso, come le cassettiere, e un armadio con ante a tutta altezza. Ancora una volta Salvagni ha proposto materiali e geometrie che fanno traspirare una eleganza naturale, anche grazie a scelte cromatiche tenui e prive di bagliori. Tra i principali materiali scelti c’è il legno thai chiaro e accenni di mogano con una prevalenza dell’opaco (escluso l’accento degli ottoni lucidi, degli specchi e del mogano). Altri dettagli sono stati realizzati in laccato bianco ed eco-pelle (principalmente su testaletti e ante degli armadi).

 

 

Le finestrature sono molto ampie e regalano all’ambiente una luce sorprendente, mentre il testaletto in eco-pelle ritrova una simmetria nella nicchia dietro il vanity sul lato opposto, creando un richiamo tra i due lati della barca.

 

Azimut Yacht ha quindi deciso ancora una volta di arricchire gli spazi privilegiando la tensione delle forme, la purezza e la pulizia del tratto e creando un’atmosfera di sospensione e fluidità, accentuata dall’illuminazione a led e fortemente legata al concetto di moderno benessere. Questo ambiente è stato progettato con l’intenzione di rappresentare al meglio il desiderio di relax che solo un’imbarcazione può offrire.

 

 

Exterior design

 

I tratti di questo nuovo Azimut 68 sono puliti, armonici e leggeri. Il design è stato firmato da Alberto Mancini, che da sempre si ispira al car design e ne fa tesoro per dare vita a un linguaggio stilistico che oggi sta rinnovando fortemente il design nautico, attraverso una modellazione decisamente avanzata delle forme e la sostituzione di alcuni dettagli di acciaio con la vetroresina, che assumono così la forza di elementi di design.

 

Anche con questo progetto Azimut Yachts porta avanti un profondo rinnovamento stilistico caratterizzato da un’estrema pulizia di design e di tratto, dove le potenze scure sembrano fondersi con le finestrature che quasi si smaterializzano e conferiscono una grande leggerezza d’insieme.

 

 

Anche le zone esterne, come quelle interne, sono caratterizzate da trasformabilità e multifunzionalità, evidente in particolar modo nell’ampia zona di prua, dove parte del prendisole (lungo più di 2 metri) può essere ribaltata per creare un’immensa zona lounge arredata con divani contrapposti di inedita profondità e grande comodità, ideale per momenti di assoluto relax e convivialità.

 

Il Fly è molto generoso nell’offerta degli spazi e prevede tre zone separate: un ampio prendisole, un’area dining e una zona poppiera che può essere concepita come un’altra zona prendisole o arredata come un’area conversazione, con ampi divani.

 

 

L’arredo si basa su tratti fluidi e tondeggianti che richiamano gli ambienti interni, tanto che parte del mobilio sembra fluttuare. Molto caratteristica è la seduta pozzetto che grazie a un attento design sembra un divano self standing, un’ulteriore citazione dal mondo dei grandi yacht.

 

Sullo specchio di poppa c’è l’accesso alla cabina marinaio a due posti e un’ulteriore area storage sul lato. Sulla spiaggetta trova posto un Tender Pirelli J33 nella sua edizione speciale Azimut Yachts.

 

 

Carbon Tech Generation

 

Anche questo progetto rappresenta un nuovo passo avanti nel cammino di Azimut Yachts per la realizzazione di imbarcazioni più leggere, con spazi a bordo più ampi senza trascurare gli eccellenti livelli di consumo, stabilità e manovrabilità.

 

L’ampio uso di fibra di carbonio nelle parti superiori del nuovo 68 (sovrastruttura, l'hard top e una parte della coperta) permette di avere un baricentro basso, che rende la navigazione impeccabile alla luce degli ampi spazi offerti della barca. La carena, progettata in collaborazione con lo studio P.L.A.N.A. dell’ing. Ausonio e frutto di un’ottimizzazione delle forme, è stata disegnata ancora una volta con l’intento di raggiungere massime efficienza, autonomia e, soprattutto, consumi sempre più contenuti, in linea con la filosofia progettuale di Azimut Yachts che mira a lanciare sul mercato prodotti sempre meno impattanti e rispettosi dell’ecosistema marino. Alla carena molto efficiente si abbina una motorizzazione ideale, composta da due Volvo IPS 1350, che assicura una velocità massima di 32 nodi.

 

 

Il nuovo Azimut 68 è dunque una barca leggera e silenziosa, facilmente manovrabile.

 

Azimut 68 si avvale inoltre di diverse soluzioni individuate dall’Innovation Lab di Azimut Yachts nell’ambito del programma ECS – Enhanced Cruising Solutions, come il Joystick Driving System, Control Monitoring System Garmin e l’active trim control.

 

Il nuovo Azimut 68, oltre ad essere omologato CE nella categoria A, incontra i requisiti HTS High Technical Standard che attestano gli alti standard tecnici con i quali è stato progettato.

 

 

it.azimutyachts.com

 

Azimut Yachts

 

Azimut Yachts è un marchio del Gruppo Azimut|Benetti. Con le collezioni Atlantis, Magellano Flybridge, S e Grande propone la più estesa gamma di yacht dai 34 ai 125 piedi (10 - 38 metri). Opera in 80 paesi con una rete di 136 centri vendita e assistenza e ha uffici diretti di rappresentanza e assistenza a Shanghai, Hong Kong, Fort Lauderdale (USA) e Itajai (Brasile).

 

Press Office Sculati & Partners

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Baglietto annuncia la vendita del quarto motor yacht della linea T52 firmato Francesco Paszkowski Design

Sono 6 le commesse da 40 a 52 metri acquisite nel 2021.    La Spezia,...

CRN vince il Key Award 2021 nella categoria Film Corporate Industriali

L’importante riconoscimento premia la creatività del nuovo video corporate...

Sanlorenzo firma per l’ammiraglia 72Steel con motorizzazione ibrida

Sanlorenzo ha firmato il contratto per la costruzione del più grande superyacht ...

Doppia finale per Evo Yachts ai Motorboat Awards 2022

Evo V8 è la nuova ammiraglia di Evo Yachts, brand del cantier...

Alia Yachts delivers a beautifully sculpted workhorse with PHI Phantom

- PHI Phantom is the matching 36m chase boat to 58.5m PHI   - Showcases Al...
Turismo e ormeggi
Lusben: a Livorno e Viareggio, la Marina dei Superyacht
Lusben nasce come Lusben Craft nel 1956 dall'acronimo di due imprenditori toscani e sin da subito si è posizionata come leader nell’attività di refit e manutenzione di imbarcazioni fino a 30 metri nel Mediterran
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 08/12/2021 07:20

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI