Scapa Flow - Centenary Pilgrimage - Isole Orcadi, Scozia, Regno Unito - Vita subacquea - NAUTICA REPORT
Vita subacquea / Scapa Flow - Centenary Pilgrimage - Isole Orcadi, Scozia, Regno U...
Scapa Flow - Centenary Pilgrimage - Isole Orcadi, Scozia, Regno Unito

Scapa Flow - Centenary Pilgrimage - Isole Orcadi, Scozia, Regno Unito

di Andrea "Murdock" Alpini

Dicono che almeno una volta nella vita a Scapa Flow bisogna andare. Dicono che i relitti già abbondantemente esplorati in passato, oggigiorno siano davvero irriconoscibili. Dicono che spesso la visibilità sia scarsa, il tempo ovviamente instabile, il viaggio lungo. Ma dicono anche che il viaggiare stesso valga il viaggio.

 

Mentre rientravo dall’HMHS Britannic Expedition decisi che avrei fatto compiuto questa sorta di pellegrinaggio in occasione del centenario (1919-2019) dell'affondamento della flotta tedesca a Scapa Flow.

 

Non importa cosa vedrò o cosa non vedrò dei relitti che giacciono sul fondale della baia a Scapa. La mia unica finalità è quella di vivere questo luogo, la Scozia e le Orcadi, attraverso una storia vecchia un secolo che merita di essere raccontata. La campagna inglese che da Dover arriva fino alle porte della Scozia è interminabile. La M1 qui denominata "The NORTH" conduce fino all'inizio delle Highlands; da lì in avanti si apre un nuovo mondo fino al prossimo punto di imbarco: Scrabster. Oltre, finalmente, arriveranno le Isole Orcadi.
 


 

Andrea Murdock Alpini, Scapa Flow (Scozia), 2019
 

Incredibilmente, nonostante possa dire di "conoscere" i posti verso cui sono diretto – attraverso immagini, filmati e racconti di migliaia di persone che mi hanno preceduto – ho la netta sensazione di dirigermi verso un luogo misterioso e ignoto. Il pellegrinaggio, a ben pensarci, ha sempre a che fare con un’esperienza mistica e sacra da raccontare e tramandare alla sua conclusione. Dopotutto, soltanto viaggiando si conosce, e il significato di ogni viaggio sta nel ritorno. Tornare è ciò che rende il viaggio un tramite di conoscenza, contrariamente si diventerebbe raminghi.
 

***

 

Deporre le armi a volte non paga. Questo avranno forse pensato i membri degli equipaggi delle 74 navi della Kriegsmarine che, in seguito ai trattati di Versailles, sono state internate nella baia di Scapa Flow a partire dall'11 novembre 1918.

 

Ventimila soldati furono rimpatriati in Germania, mentre scarni equipaggi furono lasciati imbarcati a vigilare le proprie navi. La prigionia marittima a volte sa essere più truce di quella terrestre: uomini alla fonda impossibilitati a toccare il suolo scozzese, prigionieri della propria flotta. L'esercito di Sua Maestà consegnava quotidianamente giornali vecchi di quattro giorni agli ufficiali tedeschi così che non potessero studiare strategie alternative alla prigionia e magari capovolgere la situazione.
 


 

Andrea Murdock Alpini, Scapa Flow (Scozia), 2019

 

Chi fa conti avanza conti, si dice. E così è andata, infatti. L'astuzia e la matematica possono essere fatali, soprattutto se gestite da brillanti ufficiali.

 

L'ammiraglio Ludwig von Reuter lesse la sua penultima copia del The Times il 16 giugno, poi quella del giorno seguente, il 17 giugno 1919. Le colonne londinesi riportano la notizia che gli Alleati hanno rifiutato qualsivoglia controproposta tedesca di concludere la guerra, dando ulteriori cinque giorni ai teutonici per accettare le condizioni. Scaduto il tempo le ostilità sarebbero state considerate nuovamente aperte.

 

Ore 10, mattino del 21 giugno. L'ammiraglio Reuter si presenta in alta uniforme  sul ponte di comando della sua unità navale, la Emden. Scruta l'orizzonte e le altre navi. Un suo ufficiale lo informa che la Guardia britannica ha lasciato la baia per effettuare un'esercitazione. Egli non crede alla fortuna che ha tre le mani. Ordina immediatamente di issare le bandiere "DG" il cui significato internazionale è "nuovi avvisi imminenti".
 


 

Foto storica 

 

Ore 10:30. Scatta il segnale "Paragrafo 11, confermato". Il dado è tratto, direbbero i latini. I marinai imbarcati sulle spettrali navi della flotta tedesca iniziano le operazioni di auto affondamento.

 

Tutto era stato pianificato. Le mandate ben lubrificare, i grossi martelli posizionati in punti strategici, i passi d'uomo e i boccaporti aperti. In poco tempo l'ordine viene trasmesso per osmosi alle navi vicine. Ciascuno comunica con segnali luminosi e morse.

 

Una flotta sta per non consegnarsi al nemico. Una nazione sta per perdere le proprie navi. Un comandante sta per diventare leggenda.

 

Ore 11:30. Il segnale di "Paragrafo 11, confermato" torna dalla nave più lontana della baia alla Emden. È l'inizio della fine. Alcune imbarcazioni issano la bandiera grafata a sfondo bianco della Kriegsmarine, altre espongono la bandiera rossa corrispondente alla lettera "Z" ovvero "nemico in avanzata". Lo spirito bellico pervade la baia scozzese.

 

Sedici minuti più tardi la prima nave da guerra tedesca, SMS Friedrich der Grosse, si capovolge su se stessa. Le eliche sono al vento, il ponte è immerso. Pochi minuti dopo l'acciaio tedesco tocca il fondale britannico.
 



 

Foto Storica

 

Storie e leggende da qui si intrecciano. Talvolta dipanare la matassa è difficile. Si sa, la storia è stratificata. Pare, tuttavia, che un soldato fu visto irto sulla prua suonare il Corno delle Alpi mentre la sua nave, la Baden, si inabissava facendo ribollire l'acqua sotto di sé. Non solo le cornamuse scozzesi intonano ritmi impavidi. Davanti alla resa l'onore resta nei secoli.

 

A bordo della Karin, il peschereccio tramutato in barca-diving che funge da base logistica per le immersioni alle Orcadi, giace il silenzio. Sono usciti tutti. Ho avuto il tempo di rileggere queste belle pagine di teorie da un vecchio libro inglese che avevo acquistato alcuni giorni fa. Ora mi dirigo al ponte superiore a pulire e lavare il mio basilico che con cura ho portato da casa. Il suo profumo ha inebriato il Wreck Van per tutto il viaggio, ora è giunto il suo destino. Lo respirerò per un'ultima volta ricordando il mio Mediterraneo, il mare da cui vengo, e pensando al mare del Nord in cui mi immergerò nei prossimi giorni.

 

UB 116: l’ultimo sottomarino della Grande Guerra
 

 

 

Foto storica

 

Tra le tante storie che si intrecciano per Scapa Flow ve n’è una che mi ha particolarmente incuriosito. Si tratta della tragica fine del sottomarino UB 116 comandato dal primo sottotenente Hans Joachim Emsmann. L'ultimo sottomarino a essere affondato nella Prima Guerra Mondiale.Il battello fu commissionato il 23 settembre 1916 e costruito presso i cantieri Blohm & Voss di Amburgo. Varato il 4 novembre 1917, fu trasferito un anno dopo, a breve distanza dall'armistizio, presso la Terza Flottiglia. L'UB 116 partecipò a quattro missioni esplorative senza mai affondare alcun naviglio.

 

Una delle ultime missioni affidata al comandante Emsmann fu quella di recarsi nella baia di Scapa Flow per affondare più quante navi britanniche possibili. Tra i suoi principali obiettivi vi era la HMS Queen Elizabeth.

 

Il 25 ottobre 1918 l'UB 116 lascia la sua base di Helgoland alla volta delle Isole Orcadi. Il comandante si affida alle notizie fornitegli che indicano la baia Sud delle Orcadi, Hoxa Sound, come punto in cui penetrare le forze britanniche. La baia è protetta sia dal relitto della HMT Strathgarry, che funge da sbarramento, sia da reti immerse esplosive.
 

  
 

Andrea Murdock Alpini, Scapa Flow (Scozia), 2019

 

Sono le 21:29 quando gli idrofoni inglesi rilevano il transito del sottomarino tedesco. Immediatamente è diffuso l'allarme a tutte le navi di superficie della Corona di pattugliare la baia. Un'ora più tardi, alle 22:30, è impartito l'ordine di far brillare in remoto le mine presenti nella zona. L'UB 116 è investito marginalmente dallo scoppio di una mina e affonda rapidamente con a bordo le vite di 34 membri dell'equipaggio.

 

Alcune storie locali riportano che il giorno seguente due pescherecci della Marina inglese si sono recati sul punto dell'affondamento con degli idrofoni per rilevare l'eventuale presenza di vite all'interno del sottomarino. Pare che le navi di Sua Maestà abbiano sentito plurimi segnali dal fondale, colpi assidui battuti sulle pareti dello scafo tedesco. Mancò la lealtà o forse era soltanto il vento di guerra che soffiava e imponeva le regole. Un destroyer della Royal Navy ricevette nuovamente l'ordine di rilasciare sul sottomarino e nell'area circostante una serie di cariche di profondità. L'equipaggio teutonico morì per la seconda volta, in questa occasione senza possibilità di consegnarsi prigioniero.
 

 

 

Andrea Murdock Alpini, Scapa Flow (Scozia), 2019

 

Cinque giorni dopo l'affondamento dell'UB 116 la Royal Navy invia una pattuglia di palombari a visionare ciò che resta del sottomarino. È il 29 ottobre 1918.

 

Scende sul relitto "Dusty" Miller per conto della Marina britannica. Il palombaro approccia la torretta, apre il boccaporto e trova i corpi esanimi dei 34 marinai tedeschi. Sono tutti addossati nella zona della torretta: vestono in alta uniforme.

 

Proseguendo con le ricerche viene recuperata una valigia in pelle contenente alcune camicie, abiti civili, effetti personali e delle sacchette con somme di denaro. Sembra quasi che l'equipaggio fosse pronto a sbarcare e dismettere la divisa per passare agli abiti civili sull'imminente finire della guerra. I loro propositi non hanno mai avuto seguito.

 

Il giorno seguente è effettuata una nuova immersione da "Dusty" che questa volta recupera il diario di bordo del battello. I corpi non sono ancora recuperati.
 

 

 

Andrea Murdock Alpini, Scapa Flow (Scozia), 2019

 

Alla fine della guerra il relitto viene trainato; in prossimità della superficie il cavo si spezza e l'UB 116 si inabissa di nuovo. Nessuno esegue un secondo recupero e abbandona il tutto sul fondo del Mare del Nord.

 

Nel 1940 la HMS Challenger ritrova il relitto e lo vende nel 1968 a una società esterna che vorrebbe demolirlo per recuperarne il ferro. Nel 1974 è portato in acque basse e l'anno seguente i militari della Marina identificano due siluri inesplosi a bordo del sommergibile. L’anno successivo la Royal Navy interviene nuovamente in modo distruttivo, dopo aver estratto le spoglie dei tedeschi. L'UB 116 è fatto brillare sul fondale. Alcune testimonianze dicono che i pezzi più piccoli arrivarono sino a terra, distante circa 350 metri. Il sottomarino è polverizzato. Attualmente quel che resta del sottomarino UB 116 è considerato patrimonio culturale di Scapa Flow.

 

In questi giorni ho avuto modo di poter scegliere dove immergermi nella Baia. Tra i tanti relitti su cui sono sceso e che sono considerati patrimonio culturale pur apparendo come "rottami dilaniati" ho scientemente deciso di dedicare un'immersione non al relitto dell'UB 116 ma al suo equipaggio. È una storia che meritava di essere salvata, salvaguardata e tramandata.

 

Quando sono sceso sul relitto non mi interessava andare alla ricerca di alcun dettaglio eccetto uno: ciò che rimaneva della torretta, simbolo dell'equipaggio. L'ho vista accolta in una dolina di sabbia bianca, ungarettianamente poggiata al fondale come d'autunno, sugli alberi, le foglie.

 

Andrea "Murdock" Alpini
TDI Diving Instructor #26784

Trimix Ipossico & Advance Wreck Instructor

www.wreckdiving.it

www.phidiving.com

 

In copertina Andrea "Murdock" Alpini

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Eecuperata uníancora di epoca ellenistico-romana nei fondali di San Vito Lo Capo

Nei fondali di San Vito Lo Capo, nel Trapanese, la Soprintendenza del Mare, in collabor...

Archeologia subacquea

Branca dell'archeologia racchiude diversi campi di interesse

L'archeologia subacquea è una branca dell'archeologi...

La Posidonia, il ''Polmone del Mare''

E' una pianta (non Ť un'alga) adattata alla vita sottomarina

E' un elemento chiave per la conservazione degli ecosistemi med...

Il Cariddi, il traghetto che che visse due volte

Il 16 agosto 1943 durante la Seconda guerra mondiale, venne affondata.

Il Cariddi è stato un traghetto di tipo ferroviario costruit...

Isola Ferdinandea (AG) - L'Isola che non c'Ť

E' situata nel Canale di Sicilia

L'Isola Ferdinandea è attualmente una vasta piattaforma ...
Turismo e ormeggi
Massa Lubrense (NA)
Massa Lubrense è un comune della provincia di Napoli in Campania.    Il centro della città, dove sorge la casa comunale, si trova nella costiera sorrentina ma le frazioni di Nerano, Marina del Cantone e la rino
Fonte: Wikipedia, massalubrense.it e Nautica Report
Titolo del: 03/06/2020 07:10

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI