La guerra in fondo al mare: il relitto della MZ 706 - Vita subacquea - NAUTICA REPORT
Vita subacquea / La guerra in fondo al mare: il relitto della MZ 706
La guerra in fondo al mare: il relitto della MZ 706

La guerra in fondo al mare: il relitto della MZ 706

di Andrea Murdock Alpini - Foto di Andrea Bada

Un giorno d'agosto Andrea Bada mi scrive per chiedermi se fossi interessato a collaborare alla ricerca di un relitto inesplorato che giace attorno ai 90m di profondità, al largo delle coste toscane.

 

I tempi sono stretti, il vento sta girando velocemente e le condizioni meteo marine sono instabili nell'area. Abbiamo una finestra di due giorni scarsi, bisogna partire l'indomani.

 

 

Andrea bada Techdive Phy Diving Andrea Murdock Alpini - 2 relitto motozattera 706

 

Io sono rientrato da non più di un paio di giorni dalla Miniera di Felicitas in Germania. Andrea organizza la trasferta con il suo Techdive Explorer Team insieme al supporto di Nardi Compressori

 

Preparo le miscele e l'indomani pomeriggio sono ad Arenzano pronto a partire. Lungo la strada che conduce in Toscana scorrono bracciate di mare, vecchie storie e non mancano esilaranti battute.

 

  

 

Andrea bada Techdive Phy Diving Andrea Murdock Alpini - 3 relitto motozattera 706

 

Una volta arrivati sul luogo prepariamo il mezzo nautico per raggiungere il punto di immersione. A bordo salgono con noi, due validi assistenti di superficie che conoscono bene le condizioni del mare al largo di San Vincenzo.

 

L’indomani, una volta gettato il pedagno ci prepariamo a scendere sul questo "ferro" che appare netto nell’ecoscandaglio ma ancora senza un'identità.

 

  

 

Andrea bada Techdive Phy Diving Andrea Murdock Alpini - 4 relitto motozattera 706

 

Siamo sul relitto, la visibilità è davvero incredibile e permette di lavorare al meglio sul fondo.

 

Trascorriamo quasi trenta minuti a filmare questo residuato bellico le cui informazioni storiche sono ancora carenti. Andrea Bada dirige il filmato, il mio ruolo è quello di realizzare i controcampi, creare le luci ambiente e fare da modello che scorre sul relitto, assicurare il pedagno e tirare il reel in caso di necessità.

 

  

 

Andrea bada Techdive Phy Diving Andrea Murdock Alpini - 5 relitto motozattera 706

 

Passano quasi tre ore prima che riemergiamo, siamo pienamente soddisfatti del lavoro svolto insieme.

 

Tornati a terra guardiamo i filmati per cercare indizi interessanti e ci gustiamo il colore blu dell'acqua che ci ha accolto solo poche ore prima.

 

  

 

Andrea bada Techdive Phy Diving Andrea Murdock Alpini - 6 relitto motozattera 706

 

L'identificazione del relitto sarà svolta da Angelo Castigliego dell'istituto Idrografico della Marina Militare di Genova.

 

Il giorno seguente sono combattuto tra allungarmi verso il Lazio o risalire la china Toscana e passare a salutare gli amici del Club Subacqueo Artiglio Viareggio. 

 

  

 

Andrea bada Techdive Phy Diving Andrea Murdock Alpini - relitto motozattera 706

 

Una volta in Liguria, due giorni dopo, riprendo il mio Wreck Van e torno ai corsi di trimix ipossico prima di intraprendere un lungo viaggio che mi porterà a Roma e poi giù verso la Motonave Viminale... ma questo è l'inizio di tutta un'altra storia.

 

L'immersione sulla Motozattera AMZ 706 della Marina Italiana affondata a 8 miglia al largo di San Vincenzo è stata una bellissima avventura resa possibile grazie al supporto di TechdiveAndrea BadaIvano Predari e Andrea Mescalchin insieme a Nardi Mark di Nardi Compressori e PHY Diving Equipment

 

Andrea "Murdock" Alpini
TDI Diving Instructor #26784
Trimix Ipossico & Advance Wreck Instructor

 

www.wreckdiving.it


www.phidiving.com

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il ''Glorioso'' Piroscafo Plinio

di Andrea "Murdock" Alpini

1902, la Compagnia Navigazione Laghi del Lario commissiona alla dit...

I vulcani sottomarini del Tirreno

Il bacino tirrenico è la parte più profonda del Mediterraneo Occidentale:...

''Ciò che attrae di più sotto il mare non è la bellezza ma il mistero''

di Valentina Cornacchione

“Immagina: su una pianura di sabbia bianca di 120 m picco...

Immersioni in miniera: I see a darkness

Testo, foto e video di Andrea Murdock Alpini

E così sono ancora qui, di nuovo a Felicitas, nel nero dell&...

Subacquea protagonisti - Intervista ad Andrea Murdock Alpini

di Paolo Di Ruzza

Chiacchierata con Andrea “Murdock” Alpini. Subacqueo ed...
Turismo e ormeggi
Punta Palascìa o Capo d'Otranto (LE)
Il punto più orientale d'Italia
« I pescatori del tratto di mare tra la Torre del Serpe e la Palascìa raccontano che in certe giornate, quando le nuvole in cielo sono gonfie di pioggia e il sole le illumina come fossero vele, sulla superficie dell'acqua si pu&og
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 24/09/2021 07:35

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI