Il Cariddi, il traghetto che che visse due volte - Vita subacquea - NAUTICA REPORT
Vita subacquea / Il Cariddi, il traghetto che che visse due volte
Il Cariddi, il traghetto che che visse due volte

Il Cariddi, il traghetto che che visse due volte

Il 16 agosto 1943 durante la Seconda guerra mondiale, venne affondata.

Il Cariddi è stato un traghetto di tipo ferroviario costruito nel 1932 dai Cantieri Riuniti dell'Adriatico di Trieste per conto delle Ferrovie dello Stato ed effettuava il collegamento tra continente e Sicilia attraverso lo Stretto di Messina.

 

La nave fu innovativa per avere un sistema di propulsione tipo Elettro-Diesel.
 


 

Il traghetto Cariddi com'era all'origine

 

Il 16 agosto 1943 durante la Seconda guerra mondiale, venne affondata.

 

Recuperata successivamente, venne sottoposta ad una totale ristrutturazione, che comportò l'allungamento dello scafo, l'aggiunta di sovrastrutture e l'aggiunta di un quarto binario per aumentarne la capacità di trasporto.
 

  
 

Cariddi - Il secondo varo

 

Nel 1990 venne definitivamente alienata, nel 1992 la nave viene acquistata dalla Provincia di Messina per trasformarla in un museo galleggiante.

 

Il 14/03/2006 la Cariddi affonda nello specchio d'acqua antistante il molo degli ex Cantieri Navali Picciotto all'esterno del porto di Messina dove era ormeggiata da diversi anni.
 

  
 

La povera Cariddi in attesa del suo destino. Foto Vincenzo Annuario

 

Nel 2012, la Provincia Regionale di Messina assegna alcuni reperti della nave all'Istituto Nautico "Caio Duilio" di Messina.

 

A marzo 2013, delle 5 scialuppe recuperate dopo l'affondamento (la dotazione iniziale di bordo era di 6), tre vengono demolite e due donate ad associazioni marinaresche.

 

www.facebook.com/NaveCariddi

 

Titolo del:

Tags

Cantieri Riuniti dell'Adriatico di Trieste, Ferrovie dello Stato, Stretto di Messina, nave Elettro-Diesel
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Destinazione Nosy Be, Madagascar

Il paradiso per gli amanti della subacquea

Nosy Be è la destinazione turistica per eccellenza del Madag...

Le Grand Bleu. Un film del 1988 di Luc Besson

» stato il film di apertura del Festival di Cannes 1988

Un fenomenale successo di pubblico in Francia, dove dieci anni dopo...

Siracusa, i tesori sommersi rinvenuti tra Marzamemi e Vendicari

Sono già passati sette anni dal ritrovamento in mare dei resti di una Basilica b...

Eecuperata uníancora di epoca ellenistico-romana nei fondali di San Vito Lo Capo

Nei fondali di San Vito Lo Capo, nel Trapanese, la Soprintendenza del Mare, in collabor...

Archeologia subacquea

Branca dell'archeologia racchiude diversi campi di interesse

L'archeologia subacquea è una branca dell'archeologi...
Turismo e ormeggi
Marina degli Aregai, Imperia, 'Paradiso dei velisti'
Adagiato nella Riviera dei Fiori, nel grazioso borgo marino di Santo Stefano al Mare, il Marina degli Aregai è un vero paradiso per i diportisti e i velisti che qui ritrovano e riscoprono  i ritmi tipici di un'alta qualit
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 08/08/2020 07:10

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI