Paola (CS) CittÓ di San Francesco - Turismo e ormeggi - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi / Paola (CS) CittÓ di San Francesco
Paola (CS) CittÓ di San Francesco

Paola (CS) CittÓ di San Francesco

Paola è un comune in provincia di Cosenza in Calabria

 

È principalmente conosciuta per aver dato i natali a San Francesco di Paola ed ospita il Santuario del Santo, centro dell'ordine dei frati minimi.
 


 

Santuario di San Francesco di Paola

 

Il comune di Paola confina lungo la costa a nord con il territorio di Fuscaldo, a sud con San Lucido ed all'interno con Montalto Uffugo e San Fili. Dista 35 km dal capoluogo di provincia, 50 km dall'aeroporto internazionale di Lamezia Terme e 45 km dall'aeroporto privato di Scalea. La città è dotata di un importante scalo ferroviario.

 

La cittadina è una delle mete del turismo religioso in Calabria. Fra i principali luoghi di interesse si segnalano il Santuario di San Francesco, la Badia, San Miceli (chiesa con dipinti paleocristiani), rovine romane, Palazzo Scorza.
 


 

Paola - Palazzo Scorza

 

Il 27 marzo si celebra la nascita di San Francesco, mentre il 2 aprile (festa canonica del Santo di Paola) la morte. I solenni festeggiamenti in onore di San Francesco di Paola si tengono dal 1° al 4 maggio, con diverse processioni a terra e a mare del "busto" del Santo e del mantello.

 

La tradizione vuole che un barcaiolo si rifiutò di traghettare San Francesco dalla costa calabra a Messina ed il Santo attraversò lo stretto con il proprio mantello. San Francesco è stato proclamato oltre che patrono della Calabria anche patrono della gente di mare. Il 4 maggio 2008 si sono conclusi i festeggiamenti per il V centenario della morte di San Francesco.
 


 

Benedetto Luti - San Francecso di Paola attraversa lo stretto di Messina sul mantello - Museo regionale di Messina

 

Fontana dei sette canali

 

La monumentale fontana dei sette canali sorge ai piedi di una lunga scalinata, ed è opera di artigiani locali; porta la data del 1636.


La fontana si apre come un grande ventaglio, a ricordare la coda del pavone, simbolo di Paola: originariamente si presentava con 12 buche (Abate Pacichelli), oggi è formata da due bracci, le cui pareti hanno a loro volta sette riquadri con sette protomi litici, dai quali fuoriesce l'acqua, che viene poi raccolta da un canale e riversata in una vasca semicircolare. Gli scudi in pietra, seppur consunti dal tempo, sono ancora intatti: raffigurano il simbolo del pavone e lo stemma degli Spinelli, che acquistarono Paola all'inizio del XVI secolo, governandola per circa tre secoli.
 


 

Paola - Fontana dei sette canali

 

Il Santuario di San Francesco sorge nella parte alta e collinare della cittadina, in una valle costeggiata dal torrente Isca e ricca di vegetazione. È meta di pellegrinaggio da tutto il sud Italia, specialmente dalla Calabria, di cui San Francesco è patrono. Custodisce parte delle spoglie del Santo (le restanti si trovano a Tours in Francia).

 

Davanti al Santuario vi è un ampio piazzale, al limite del quale si erge la facciata principale del tempio. A destra dell'ingresso principale, vi è un arco tramite il quale si accede alla parte laterale del santuario, in cui si trovano l'ampia basilica moderna (inaugurata nel 2000) e la fonte della cucchiarella, alla quale solgono bere i pellegrini.
 


 

Paola - La fonte della cucchiarella

 

Accanto a questa è esposta una bomba inesplosa, caduta nel torrente accanto al Santuario durante un bombardamento anglo-americano nel mese di agosto del 1943, che non danneggiò il Santuario.

 

Continuando si accede al Ponte del Diavolo e ad un sentiero al termine del quale si trova un luogo che fu rifugio del Santo nei suoi anni giovanili.
 


 

Paola - Ponte del Diavolo

 

Entrando nel Santuario per l'ingresso principale, si accede a due ambienti semi-aperti iniziali. Nel primo sono conservate diverse lapidi, datate fra il XVI ed il XX secolo, che ricordano varie ricorrenze ed eventi riguardanti il Santuario, mentre il secondo è il vero pronao della basilica antica: a destra si trova il portale di accesso alla basilica, a sinistra vi è un affaccio sul torrente e sull'adiacente convento, ed avanti vi è l'ingresso al chiostro ed al romitorio del Santo e la cella del beato Nicola.

 

La basilica antica, in stile romanico, risalente al XVI secolo, è composta da un'ampia aula principale piuttosto spoglia e da un'unica navata laterale a destra, lungo la quale si aprono quattro cappellette, che ha il suo culmine nella sontuosa cappella barocca che custodisce le poche reliquie di San Francesco pervenute a Paola, fra cui alcuni suoi abiti e frammenti di ossa.
 


 

Chiesa di San Francesco di Paola

 

Nel chiostro del Santuario, chiuso verso l'esterno con vetrate, si trova il roseto del Santo, che costituisce oggi un folto giardino, e ospita lungo le sue pareti interne affreschi raffiguranti i principali episodi della vita del Santo, molti dei quali legati a leggende.

 

Adiacente ad esso è il romitorio di San Francesco, un insieme di angusti spazi sotterranei che costituirono il primo nucleo di cenobio per il santo e per i suoi confratelli. Fra il chiostro e la basilica antica si erge il campanile del tempio.
 


 

Paola - Il Santuario di San Francesco

 

"A Vulata" (La Volata)

 

Il 21 luglio di ogni anno a Paola si celebra "a vulata". L'espressione dialettale "Ca capa vulata" è assimilabile a quella italiana "con la testa tra le nuvole", "nu vulatu" però è anche qualcuno un po' pazzo. Fino agli anni ottanta questo giorno era caratterizzato da manifesti e scritte goliardiche verso le persone del luogo (soprattutto i politici).

 

Oggi è più che altro un giorno in cui le persone fanno il bagno a mare vestite o stramberie simili. Dal 2004 la tradizione è passata ancor più in secondo piano a seguito dell'omicidio di Tonino Maiorano, un cittadino incensurato ucciso per uno scambio di persona proprio nella giornata del 21 luglio, mentre si trovava sul posto di lavoro.
 


 

Paola - "A vulata"

 

Turismo

 

La presenza del mare, unitamente alla bellezza dei rilievi montuosi posti nelle immediate vicinanze e alla presenza di un prestigioso santuario dedicato a San Francesco di Paola fanno della città una meta turistica di una certa importanza.

 

Paola ha una rinomata ricettività diurna rappresentata dai suoi stabilimenti balneari che restano aperti da Maggio a Settembre
 


 

Marina di Paola

 

Per gli amanti del relax: nelle strutture si trovano aree destinate alla cura e al benessere della persona. Oltre alla vita sulla spiaggia, la sera programmi di intrattenimento che vanno dalla musica da discoteca al piano bar e altri generi.

 

Cucina

 

La ristorazione è variegata: dalla cucina a base di pesce fresco alla cucina a base di piatti casarecci.

 

In particolare la gastronomia di Paola è caratterizzata da piatti dal sapore forte ed intenso. I piatti sono cucinati con molto condimento e aromi naturali, e l'immancabile peperoncino piccante, detto "pipareddu o cancariddu", stimola l'appetito.
 


 

Il "pipareddu" - Il tipico peperoncino calabrese

 

Molto caratteristici sono la ‘’patta’’, il pane ai semi di finocchio, preparato per la festa dell'Immacolata, le "nepitelle", i maccarruni 'i casa".

 

Il porto

 

Non esiste un vero porto, poiché l'unico pontile esistente, non completato e non segnalato, è vietato alla navigazione. Esiste solamente un breve tratto di costa sotto la giurisdizione dell'Autorità Marittima. E' in progetto di dotare il comprensorio di Paola e buona parte del litorale del basso Tirreno di un’infrastruttura al servizio della nautica da diporto e del turismo nautico

 

Pericoli: scogliere soffolte a circa 100 m dalla battigia all'altezza del faro.

Fondo marino: sabbioso.
Divieti: poco più a Sud del faro sono posizionati i resti di un pontile in cemento distrutto dal mare, non utilizzabile e per il quale la Capitaneria di porto di Vibo Valentia Marina ha emesso apposita ordinanza di divieto d'attracco, sosta, ormeggio e balneazione.
 


 

Il Micropoto del Club Nautico Paola 

 

Vela

 

Sono presenti il Club Nautico Paola e il Cub, Associazione Sportiva Dilettantistica, affiliato alla F.I.V. (Federazione ItalianaVela) dal 1990.

 

Altre strutture offrono servizi di: custodia barche, ricovero invernale, noleggio imbarcazioni. 

 

Informazioni: www.comune.paola.cs.it

 

COORDINATE
PAOLA
39°21',65 N 16°01',66 E

PER CONTATTARE IL PORTO

VHF canali 16 - 14 dalle 06,00/18,00
E-mail: paola@guardiacostiera.it
Telefono: 0982-971415

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Arzachena e Cannigione (OT)

Arzachena è un comune situato nella parte nord - orientale della Sardegna, nella...

Punta Palascýa o Capo d'Otranto (LE)

Il punto pi¨ orientale d'Italia

« I pescatori del tratto di mare tra la Torre del Serpe e la ...

Margherita di Savoia (BT)

Margherita di Savoia è un comune della provincia di Barletta-Andria-Trani, in Pu...

Santa Maria di Leuca (LE)

Tra muretti a secco, ville ottocentesche e scogliere da sogno

Il suo nome deriva dal greco: leucòs, ossia bianco. L'et...

Area Marina Protetta Secche della Meloria (LI)

L'Area Marina Protetta Secche della Meloria, si trova nel bacino nord occidentale d...
Turismo e ormeggi
Arzachena e Cannigione (OT)
Arzachena è un comune situato nella parte nord - orientale della Sardegna, nella nella regione storica della Gallura.   Forse pochi diportisti e amanti del mare conoscono il Comune di Arzachena, eppure oltre ad essere un paese
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 19/11/2019 07:05

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI