Isola di Zannone - I. Pontine (LT) - Turismo e ormeggi - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi / Isola di Zannone - I. Pontine (LT)
Isola di Zannone - I. Pontine (LT)

Isola di Zannone - I. Pontine (LT)

L'isola di Zannone è la più settentrionale delle Isole Ponziane, e per estensione (0,9 km²) la terz'ultima dell'arcipelago (più piccole sono Santo Stefano e Gavi).

 

Sorge a nord-est di Ponza, nel mar Tirreno. Fa parte amministrativamente del Comune di Ponza (LT), nel Lazio.
 


 

Zannone

 

Era nota agli antichi greci e romani con il nome Sinonia (Σηνωνία in greco antico). Sede di un monastero cistercense di cui restano importanti ruderi (Arianna Viola, Il monastero di Santo Spirito di Zannone, in Rivista cistercense, XX, 2003, pp. 67–84), è ora abitata solo nel periodo estivo dai due guardiani del faro, situato sull'estremità settentrionale dell'isola (Capo Negro).

 

Durante la I Guerra Mondiale, un sottomarino tedesco al largo di Zannone silurò il motoveliero “Corriere di Ponza”: 35 ponzesi persero la vita. Dal 1979 l'isola è stata ricompresa nel Parco Nazionale del Circeo, data la sua rilevanza naturalistica. In effetti, data la scarsissima presenza umana nel corso della storia a Zannone (sono state rinvenute solo tracce antropiche risalenti alla preistoria), l'isola è sede di interessanti endemismi floristici e faunistici.
 


 

Zannone - Ruderi del Monastero benedettino di Zannone

 

L'isola è meta di transito delle specie aviomigratorie: oltre ai migratori comuni, sono presenti il falco di palude e il falco pellegrino. Nell'isola nidifica anche il gabbiano reale, che dà la caccia ai migratori. Vi si trovano inoltre endemismi di rettili (lucertola), insetti (lepidotteri e ortotteri) e ragni ma anche un mammifero, il muflone, introdotto sull'isola negli anni venti e ora specie protetta.

 

La vegetazione è spiccatamente mediterranea, con ginestre, agavi e fichi d'india che rendono il panorama dell'isola alquanto lussureggiante. È inoltre presente un unico esemplare di quercia castagnara.
 


 

 

 Zannone - Punta del varo 

 

 

C'è una piccola banchina in cemento che permette l'approdo di barche non troppo grandi, in un'insenatura piccolissima  che è riparata dai venti del Nord (Tramontana, Grecale e Levante) mentre è aperta ai venti provenienti da sud e da ovest.

 

Nella parte più interna dell'insenatura c'è un scalo di alaggio che veniva usato per tirare a secco le barchette dei monaci pescatori nel medioevo o quella del guardiano dell'isola ai tempi in cui era una riserva di caccia in uso al famoso Marchese Camillo Casati Stampa di Soncino.

 

COORDINATE ISOLA DI ZANNONE

40° 58' 00" Nord

13° 03' 00" Est
 

Titolo del:

Tags

Lazio, Latina, Ponza, isolle Ponziane, mar Tirreno, isola di Santo Stefano, isola di Gavi, Parco Nazionale del Circeo
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Stintino (SS)

Stintino è un comune della provincia di Sassari in Sardegna....

Isole dello Stagnone di Marsala (TP) - Un microcosmo sotto il sole

Suggestiva e sensuale, la Riserva Naturale Orientata dello Stagnone si estend...

Gaeta (LT)

Gaeta è un comune della provincia di Latina nel Lazio meridi...

Marciana Marina - Isola d'Elba (LI)

Marciana Marina è un comune della provincia di Livorno ed è, per estensio...

Sapri (SA)

Sapri, il paese più grande del Golfo di Policastro, si trova in provincia d...
Turismo e ormeggi
Stintino (SS)
Stintino è un comune della provincia di Sassari in Sardegna.   L'origine del borgo di Stintino è dovuta alla decisione del Governo italiano di istituire il 22 giugno 1885 sull'isola
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 12/12/2019 07:20

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI