Capo Miseno - Bacoli (NA) - Turismo e ormeggi - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi / Capo Miseno - Bacoli (NA)
Capo Miseno - Bacoli (NA)

Capo Miseno - Bacoli (NA)

Miseno (l'antica Misenum in latino, Μισήνον in greco) è una frazione del comune di Bacoli, in provincia di Napoli.

 

Il suo nome, derivato dal latino sinus militum, viene citato da Virgilio che ricorda il Miseno trombettiere di Enea, qui leggendariamente sepolto dopo aver sfidato Tritone: in effetti il Capo Miseno con la sua sommità piatta rammenta la forma di un antico tumulo.
 


 

Capo Miseno

 

Il sito, frequentato già nell'età del ferro, diventò porto cumano nel IV secolo a.C.; nel III secolo a.C. vide la presenza di Annibale; nel II secolo a.C. divenne un fiorente centro residenziale. Con l'impraticabilità del Portus Iulius, fu colonia autonoma e trasformato in base della flotta pretoria romana del basso Tirreno. In età augustea era il più importante sito militare romano della zona, e lo divenne ancora di più all'epoca di Marco Aurelio (161 d.C.), ma decadde con la caduta dell'impero romano d'Occidente. Ospitava la prima flotta imperale, la Classis Praetoria Misenensis.

 

Il porto sfruttava un doppio bacino naturale, quello più interno (detto Maremorto o Lago Miseno), in epoca antica dedicato ai cantieri e alla manutenzione navale, mentre quello più esterno era il porto vero e proprio.
 

  


Capo Miseno e il bacino interno detto Maremorto o lago Miseno

 

La città romana, già in decadenza alla fine dell'impero, fu abbandonata definitivamente nel 840, dopo l'ultima di una lunga serie di incursioni di pirati saraceni. La maggior parte degli ultimi abitanti si rifugiò nella vicina isola di Procida.

 

Capo Miseno è la punta estrema della penisola flegrea, nelle immediate vicinanze del porto di Miseno, nel comune di Bacoli.

 

È un'altura che offre una splendida vista sul golfo di Napoli e sulle isole di Ischia e Procida. Segna il confine tra il golfo di Pozzuoli e il canale di Procida. È sede di un faro molto importante per la navigazione costiera notturna. Il luogo, splendido e suggestivo, è stato interessato negli anni da fenomeni edilizi, alcuni anche abusivi, che hanno alterato - soprattutto nella zona ai piedi del promontorio - la bellezza originaria.
 

  
 

La lunga spiaggia di Milliscola

 

Ai piedi del capo, si trova la spiaggia di Miliscola, frequentatissima località balneare durante il periodo estivo.

 

Sul promontorio si trovano un'antica torre anti-saraceni, chiamata "Torre Bassa", ed in cima sono ancora presenti ruderi di casematte e fortificazioni risalenti alla seconda guerra mondiale.

 

Approdo

 

Nella Baia naturale di Porto Miseno ci sono 11 approdi tra pontili e boe gestiti da privati: 3 per la prima “Marina Piccola”  8 per la seconda “Località Case Vecchie” per complessivamente 900 imbarcazioni medio-piccole, Lega Navale e un distributore di carburante.

 
 
Porto Miseno
 
Orario di accesso: continuo.
Accesso: porre particolare attenzione ai campi mitili presenti in zona sopratutto all'entrata della rada.
Fondo marino: sabbioso.
Rade sicure più vicine: rada di Baia.
 
COORDINATE
PORTO MISENO
40°47,25' N 14°05,48' E

 

Titolo del:

Tags

Miseno trombettiere di Enea, Tritone, porto cumano, Annibale, Portus Iulius, Lago Miseno
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Punta Palasća o Capo d'Otranto (LE)

Il punto più orientale d'Italia

« I pescatori del tratto di mare tra la Torre del Serpe e la ...

Santa Maria di Leuca (LE)

Tra muretti a secco, ville ottocentesche e scogliere da sogno

Il suo nome deriva dal greco: leucòs, ossia bianco. L'et...

Otranto (LE)

Riconosciuto dall'Unesco sito ''Messaggero di Pace''

Otranto è un comune della provincia di Lecce in Puglia, situ...

Porto Badisco (LE) - L'approdo di Enea

Porto Badisco è una nota località balneare situata nel territorio del com...

Vieste (FG)

Vieste è un comune della provincia di Foggia, in Puglia. Stazione balneare garga...
Turismo e ormeggi
Punta Palasća o Capo d'Otranto (LE)
Il punto più orientale d'Italia
« I pescatori del tratto di mare tra la Torre del Serpe e la Palascìa raccontano che in certe giornate, quando le nuvole in cielo sono gonfie di pioggia e il sole le illumina come fossero vele, sulla superficie dell'acqua si pu&og
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 20/10/2020 07:14

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI