Area Marina Protetta Torre Guaceto (BR) - Un'oasi tra terra e mare - Turismo e ormeggi - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi / Area Marina Protetta Torre Guaceto (BR) - Un'oasi tra terra e mar...
Area Marina Protetta Torre Guaceto (BR) - Un'oasi tra terra e mare

Area Marina Protetta Torre Guaceto (BR) - Un'oasi tra terra e mare

Questo tratto di costa, lungo sei chilometri, comprende un paesaggio dai forti caratteri mediterranei che dal mare scivola oltre le dune, attraverso la macchia mediterranea e le paludi, fino ad un uliveto secolare.

 

Ogni forma e colore del Parco é voluta e modellata dal mare.
 


 

Area Marina Protetta Torre Guaceto

 

La Riserva Marina

 

Il tratto di litorale che delimita l'AMP, nonostante sia relativamente breve, è caratterizzato da una linea di costa molto varia; in particolare, in corrispondenza del lato meridionale della Torre di Guaceto, la costa è lineare ed è costituita prevalentemente da una falesia argillosa.
 

In prossimità della Torre e per alcune centinaia di metri rispetto al lato settentrionale della stessa, la costa è caratterizzata da una piccola falesia rocciosa con contorni frastagliati che formano una serie di piccole insenature. Nel tratto successivo, continuando verso Punta Penna Grossa, la costa diventa bassa e sabbiosa.
 


 

Torre Guaceto
 

 

Dune Costiere
 

La formazione delle dune è dovuta all'azione congiunta del vento proveniente dal mare, che trasporta i granelli di sabbia verso l'interno, e dell'effetto frenante offerto dalle piante pioniere che crescono sulla spiaggia, che modellano i depositi sabbiosi parallelamente alla linea di costa.

 

Fondale roccioso
 

Il fondale roccioso è l'ambiente più conosciuto dagli apneisti. La presenza di un substrato fisso offre maggiore possibilità agli animali bentonici di colonizzare, poiché in mare c'è una grossa competizione per lo spazio.
 

Nella zona mesolitorale è frequente trovare molluschi monovalvi che si appiattiscono sulla roccia, trattenendo all'interno della valva acqua marina, in grado di garantire all'animale la sopravvivenza durante il periodo di emersione.
 


 

Torre Guaceto - La spiaggia

 

Fondale sabbioso
 

L'individuazione di organismi sui fondali sabbiosi richiede una maggiore attenzione, perché, a parte alcuni animali nectonici che si spingono su questi fondali in cerca di cibo, la maggior parte degli abitanti si è adattata a vivere seppellita sotto la sabbia.

 

Posidonieto
 

I fondali sabbiosi nella fascia ben illuminata del mare (da -3 fino anche a -25 m) accolgono un ambiente del tutto caratteristico del Mediterraneo: la prateria di Posidonia oceanica. Questo vegetale marino non è un'alga ma, per l'appunto, un'erba, poiché è provvisto di radici, foglie e frutti. Questa pianta è tipica del mediterraneo e si sviluppa lungo le coste del Salento. Le foglie cadute della pianta si accumulano nella stessa prateria, ma il moto ondoso invernale le asporta e le accumula lungo le spiagge.
 


 

Torre Guaceto - Spiaggia con accumuli di posidonia

 

Coralligeno
 

Questo ambiente, di cui rimangono solamente poche postazioni lungo il Salento, si trova nella zona circalitorale. Le alghe di queste profondità, pertanto, appariranno per lo più rosse o brune proprio perché, assorbono solo la componente verde-azzurra della luce (che è quella maggiormente penetrante nell'acqua).
 


 

Torre Guaceto - I fondali

 

La Riserva Statale

 

La Riserva Naturale dello Stato di Torre Guaceto si estende per circa 1.200 ha presentando un fronte marino che si sviluppa per 8.000 mt.

 

L'area è configurata come un rettangolo più o meno regolare, con una profondità media di 3.000 metri, attraversata e divisa dalla strada statale n°379.

 

I sistemi che si sviluppano a monte e a valle della strada statale sono profondamente diversi.
 


 

La riserva statle di Torre Guaceto

 

La Macchia Mediterranea
 

La macchia mediterranea è un ecosistema costituito essenzialmente da piante arbustive e da alberi di piccole dimensioni. La sua ampia diffusione in tutto l'areale mediterraneo costiero deriva dalla progressiva scomparsa dei boschi sempreverdi al climax, dovuta ad incendi, disboscamenti e fenomeni di degrado. Originariamente la presenza delle leccete confinava la macchia mediterranea ai limiti delle formazioni boschive o ne limitava lo sviluppo a sottobosco
.


 

Torre Guaceto - La macchia mediterranea

 

La Zona Umida
 

La presenza a Torre Guaceto della zona umida e le conseguenti relazioni che si vengono a creare con gli ambienti limitrofi, rappresentano la caratteristica naturalistica tra le più importanti dell'area.

 

La zona umida connota profondamente l'area, tanto che il nome Torre Guaceto deriva dal toponimo arabo Gaw-Sit, che vuol dire "luogo dell'acqua dolce"; tale nome deriva dal fatto che la zona è alimentata da polle sorgive d'acqua dolce.

 

Essendo posta lungo la costa, però, la zona umida è d'acqua salmastra.
 


 

Torre Guaceto - La zona umida

 

Il Sistema Agricolo
 

La Riserva naturale di Torre Guaceto è estesa 1.114 ettari dei quali 716 ettari ricadenti nel Comune di Carovigno e 398 ettari nel Comune di Brindisi.

 

L'area ha subito dagli anni '50 ad oggi una profonda evoluzione in quanto la zona è stata interessata dalla Riforma Fondiaria attraverso gli appoderamenti assegnati e l'assegnazione alle famiglie contadine, ai successivi frazionamenti ed al livello di affrancamento della proprietà fondiaria dall'Ente Riforma, che sino ad oggi ha raggiunto circa l'80%.
 


 

Area Marina Protetta Torre Guaceto - Centro visite

 

Attività sportive


Tra le varie attività  sportive possibili all'interno del parco segnaliamo:


Corsi di Tecnica della Vela

 

Il corso della durata di 2 settimane è consigliato per iniziare lo sport della vela.
 


 

Torre Guaceto - Centro Velico

 

In due settimane prenderai confidenza con le imbarcazioni, riuscirai a compiere le principali manovre e giungerai a sperimentare le potenzialità delle derive sportive.

 

La prima settimana navigherai sui Trident, derive ampie e stabili; la seconda navigherai sulle imbarcazioni a due posti del DEV 2, più piccole e più veloci e anche più "divertenti". L'attività a tempo pieno comporta un esercizio intenso, il modo più efficace per conoscere questo sport affascinante e impegnativo.

 

Seawatching

 

Un'immersione nel blu del mediterraneo come un breve cammino di ritorno all'acqua per raccogliere impressioni ed emozioni.
 


 

Torre Guaceto - Seawatching

 

L'attività proposta consiste in un'esperienza, accessibile anche a meno esperti, di snorkeling, cioè di immersione con maschera e pinne e boccaglio.

 

Corsi subacquei:
 

L'emozione del primo respiro sott'acqua, il primo passo verso la conoscenza delle creature marine, l'approccio all'incredibile ecosistema sommerso proposto in maniera naturale ed estremamente graduale per permettere a tutti di avvicinarsi al mondo delle immersioni con autorespiratore.

 

Si effettuano corsi in più lingue a tutti i livelli, da principiante ad istruttore.
 


 

Torre Guaceto - Corsi subacquei

 

Immersioni guidate:
 

Coloro che invece sono già in possesso di un brevetto subacqueo potranno godere della biodiversità dell'Area Marina Protetta ed essere guidati su favolose secche e suggestivi relitti lungo il litorale brindisino.

 

Le escursioni includono passaggio barca,  guida subacquea e bombola da 12 lt in alluminio.

 

www.riservaditorreguaceto.it
 

Titolo del:

Tags

Salento, Brindisi, Punta Penna Grossa, vela, Seawatching, Corsi subacquei
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Porto Turistico Marina di Pescara approdo sicuro e tanto di più...

Il Porto Turistico “Marina di Pescara” è una delle strutture più grandi dell'Adriatico.

Chi approda al Marina di Pescara troverà vari servizi e attr...

Isola di San Pietro d'Orio - Laguna di Grado (GO)

San Pietro d'Orio è un'isola della Laguna di Grado, abitata fin da epoca...

Goro (FE) Tra fiume e mare

Goro è un comune della Provincia di Ferrara in Emilia-Romagna.   L&...

Isola di San Secondo (VE) - Forse il recupero...

San Secondo è un'isola della Laguna Veneta. Sorge tra San Giuliano e Venezia...

Isola di San Servolo (VE) - Dal dolore allo sviluppo culturale

San Sèrvolo (denominazione veneziana di San Servilio, martire dell'Istria, f...
Turismo e ormeggi
Porto Turistico Marina di Pescara approdo sicuro e tanto di più...
Il Porto Turistico “Marina di Pescara” è una delle strutture più grandi dell'Adriatico.
Chi approda al Marina di Pescara troverà vari servizi e attrezzature all'avanguardia,  un centro commerciale con negozi, bar e ristoranti, aree attrezzate, servizi charter, noleggio bici, lavanderia automatica, servizio cambusa e t
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 21/07/2019 07:10

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI